Elisa Isoardi e “La Prova del Cuoco”: «Piango ancora. Volevano distruggermi in tutti i modi, non ce l’hanno fatta»

Elisa Isoardi confessa il momento difficile che ha vissuto dopo la cancellazione del suo programma, “La prova del cuoco”. Ora è pronta per la trasmissione “Check up” e la partecipazione a “Ballando con le stelle”, ma la suspense non è mancata: “Hanno provato a distruggermi in tutti i modi, ma non ce l’hanno fatta”.

5350356_1741_elisa_isoardi

Il team, come ha confessato in un’intervista a “Oggi”, le manca molto (“Piango ancora se penso alla fantastica squadra con cui ho lavorato”), e ha avuto paura di non aver più spazio in tv: “La chiami pure strizza. Certo che ce l’ho avuta! Adoro Coletta, ma qualche ora buia me l’ha fatta passare… silenzio assoluto: stava evidentemente maturando le sue decisioni sulla mia collocazione, ma io non mollavo, gli scrivevo messaggini informativi su quello che stavo facendo. Sono state due settimane di terrore, in cui non sapevo che fine avrei fatto”.

Di nuovo single (“Sono single di testa, abituata a essere autonoma. Serve grande intelligenza per starmi accanto”), non si sente bella: “Me ne dimentico spesso… Poi, certo, ringrazio mia madre e la genetica… Sexy? Io mi sento uomo, pensi un po’”.

Elisa Isoardi, incredibile gaffe a La Prova del Cuoco: «Che chiesa è quella?»

Involontario siparietto comico a La Prova del Cuoco. Elisa Isoardi si è resa protagonista di una simpatica gaffe durante il collegamento con uno dei cuochi. Lo chef era collegato di Capri in una suggestiva location all’aperto con vista sul Golfo di Napoli e la conduttrice si è mostrata incuriosita dalla struttura che si intravedeva sullo sfondo.

5291264_poster_001 (1)

“Che chiesa è quella alle tue spalle?” ha chiesto Elisa. L’interlocutore ha spiegato che alle sue spalle c’era il Golfo di Napoli ma lei ha insistito. “La chiesa! Non la vede?!” ha ribadito la Isoardi e lui: “In realtà è una casa privata…” La svista della conduttrice ha scatenato ilarità in studio e la stessa Elisa ha avuto difficoltà ad andare avanti, ridendo imbarazzata. Sui social, la gaffe non è passata inosservata e qualcuno su Twitter ha commentato con una battuta pungente: “Ma ci è o ci fa?”.

Elisa Isoardi lascia La Prova del Cuoco: «Colpa della mia relazione con Matteo Salvini? Sono solo cattiverie»

Elisa Isoardi concluderà l’ultima stagione de La Prova del Cuoco. Il celebre programma di cucina di Rai1 chiude i battenti e c’è chi dice che nella vicenda c’entri qualcosa la relazione tra la conduttrice e l’ex vice premier Matteo Salvini.

5275543_1325_elisa_isoardi_prova_del_cuoco_salvini

«Questa è una cattiveria, un modo per portarmi dentro una realtà che non mi appartiene», con queste parole Elisa smentisce le voci durante un’intervista a Il Fatto Quotidiano. «Finora non c’è nulla di ufficiale da parte della Rai. Il modo di intrappolarmi in una condizione dalla quale sono venuta fuori da anni». La Isoardi conduzze La Prova del Cuoco già nel 2009, quando ancora non aveva alcuna relazione con Salvini, per questo precisa: «Incasellarmi adesso è un atto di perfidia».

Elisa ammette di essere concentrata sul lavoro, chiarendo che la Rai non ha ancora preso alcuna decisione e sulla relazione con Salvini ribadisce: «È stato tutto così trasparente, sincero, senza un filo di strumentalizzazione da parte mia. Storia nata per amore e chiusa quando il sentimento è andato declinando».

Elisa Isoardi si confida: «Sono ingrassata, ecco come ho preso i chili di troppo»

Quest’anno Elisa Isoardi ha sostituto Antonella Clerici nella condizione dello storico programma “La prova del cuoco”, in onda su RaiUno. E anche per la prossima stagione, dato che è stata confermata, sarà la regina dei fornelli della tv pubblica. La trasmissione però ha fatto un po’ ingrassare la bella Elisa.

AAE0ygM

Il programma parla essenzialmente di cibo e per esigenze televisivo la Isoardi è costretta ad assaggiare i piatti che vengono proposti. Il risultato sono 5 chili in più sulla bilancia: “Come ho fatto? – ha spiegato Elsia a “DiPiù Tv” – In trasmissione assaggiavo ogni piatto. È un fatto di serietà, di professionalità. Come potrei parlare con competenza di un piatto se non lo assaggiassi davvero? Non si può fare finta, il pubblico se ne accorgerebbe”.

La cosa però non si limitava alla tramessione: “A fine puntata, inoltre, mi capitava spesso di portarmi via uno dei piatti come pranzo. Sprecare il cibo è un delitto e non sopportavo l’idea che quei buoni piatti potessero finire nella spazzatura”.

Elisa Isoardi: “Tradire Salvini con un politico rivale? Un nome ce l’ho…”

«Nel mio lavoro è importante la chiarezza e l’umiltà, cerco sempre di migliorarmi e la concorrenza mi stimola. Sto per laurearmi in scienze della comunicazione allo Iulm di Milano e passo intere ore a studiare anche per preparare le mie conduzioni».

matteo-salvini-elisa-isoardi-relazione-fidanzati- (1)

Elisa Isoardi, conduttrice di ‘A conti fatti’ su RaiUno, si racconta professionalmente e non solo in un’intervista a Affari Italiani. Il successo di share della trasmissione le fa piacere, ma Elisa, che da bambina sognava di diventare insegnante, è una donna che resta umile: «Il mio è un lavoro bellissimo, come potrei non consigliarlo? Stringo mani, incrocio occhi, ascolto storie di umanità. Il mio modello di conduzione? Un mostro a tre teste con la grinta di Simona Ventura, il garbo di Milly Carlucci e la curiosità di Maria De Filippi. La mia dote migliore? La resistenza».
Inevitabili, però, le domande sulla relazione con il leader della Lega, Matteo Salvini. «Sono una donna che crede fermamente nel matrimonio e nella famiglia» – spiega Elisa – «Accettare un invito a cena da un altro politico? Be’, un nome ce l’ho: Dario Franceschini. Gli proporrei di valorizzare il filatoio di Caraglio, è un bellissimo patrimonio storico-culturale di archeologia industriale».
Purtroppo, però, il ministro dei Beni Culturali è già impegnato con una collega di partito, l’esponente di spicco del Pd romano Michela Di Biase, la pasionaria dem impegnata in Campidoglio in dure opposizioni alla sindaca Virginia Raggi durante le sedute nell’Aula Giulio Cesare.