Maradona, calciatrice rifiuta il minuto di silenzio: «Era uno stupratore»

La calciatrice spagnola Paula Dapena ha deciso di sedersi a terra, con le spalle voltate verso la tribuna, rifiutandosi di partecipare al minuto di silenzio per la morte di Diego Armando Maradona.

5616762_0937_maradona_calciatrice

Il gesto, forte, è stato ripreso dai cellulari dei pochi presenti durante la sfida tra Viajes Interrias FF e Deportivo Abanca. E la foto ha fatto immediatamente il giro del mondo. Qualche ora dopo, attraverso il portale libertadbajopalabra, è arrivata anche la motivazione del gesto, direttamente dalla Dapena: «Per le vittime non c’è stato un minuto di silenzio; quindi ovviamente non sono disposta a fare un minuto di silenzio per lui». La calciatrice 24enne ha poi detto: «Mi sono rifiutata di fare un minuto di silenzio per uno stupratore, un pedofilo e un molestatore. Per questo ho pensato di sedermi a terra e voltare le spalle: così ho fatto».

Il gesto è stato fortemente criticato e ancora di più le parole della Dapena, soprattutto in un momento così toccante come quello che il mondo dello sport ha vissuto in queste ore per al scomparsa di Maradona. Nonostante fosse l’unica seduta a terra in campo, la calciatrice ha rivelato di aver avuto il supporto dell’allenatore avversario del Deportivo Abanca che, secondo la Delapena, si sarebbe addirittura congratulato con lei.

“Live Non è La D’Urso”, Maria Laura De Vitis ha tradito Paolo Brosio? L’imprenditore paparazzato: «Ecco la verità»

Un faccia a faccia a “Live Non è La D’Urso” tra Maria Laura De Vitis, fidanzata di Paolo Brosio e l’imprenditore Diego, che sostiene di aver avuto una storia con lei mentre Brosio era recluso nella casa del Grande Fratello Vip.

paolo-brosio-maria-laura-de-vitis_30002932

Lui ha raccontato di averla conosciuta in una cena, averla poi accompagnata a casa e baciata, mentre venivano paparazzi. Paolo è poi uscito dal reality, ma lui vorrebbe continuare la relazione: “Spiegami perché la settimana scorsa ti ho invitato a uscire e mi hai risposto che avevi paura dei fotografi – ha fatto sapere ai microfoni della trasmissione – Ho le prove sul telefonino, manderò la conversazione alla redazione. Noi ci siamo baciati e mi sembra strano che non lo ricordi, perché è abbastanza difficile. Non abbiamo una relazione nascosta, ti sento tutti i giorni”.

Sia Brosio che Maria Laura lo accusano di essere in cerca di popolarità e Paolo scambia un appassionato bacio in diretta con la fidanzata: “Un vero uomo in caso bacia e sta zitto, ti sei un driver, un autista. Tu la porti in giro e io la bacio. Io so tutto, so che la senti tutti i giorni. Non ho niente da aggiungere, la storia non esiste”.

Uomini e donne, Roberta Di Padua e Riccardo Guarnieri: «Trovato la parte che mi mancava in un rapporto»

Fra Roberta Di Padua e Riccardo Guarnieri a “Uomini e donne” è tornato il sentimento. Riccardo Guarnieri e Roberta Di Padua si erano già frequentati in passato durante il dating show di Maria De Filippi, poi lui ha avuto una relazione, ormai conclusa, con Ida Platano.

5612061_1920_roberta_di_padua_riccardo_guarnieri

Roberta Di Padua non nasconde l’emozione che ha provato quando ha visto Riccardo in studio: “Sinceramente non mi aspettavo di rivederlo in trasmissione – ha fatto sapere al “Magazine di Uomini e donne” – Quando è entrato in studio per me è stata una bella botta. D’impatto ai miei occhi è sempre bello, continua a piacermi e devo dire che si è tenuta veramente ben. Al di là dell’aspetto fisico, non appena ha varcato la porta dello studio, ho ripercorso con la mente tutti i momenti passati insieme, i tre mesi in cui ci siamo frequentati, e quei ricordi mi fanno un bell’effetto”.

In passato infatti è stata molto presa da lui: “Ho preso una bella sbandata. Anche se oggi lui ancora stenta a crederci, probabilmente perché con la testa all’epoca era da un’altra parte: nel periodo in cui ci siamo frequentati ero entrato da poco nel programma, non conoscevo bene la storia fra lui e Ida, quanto fosse importante, e ho vissuto la mia frequentazione con Riccardo ignara di tutto il resto”.

Ora sembra andare tutto a gonfie vele e lei sente la sua presenza: “In lui ho trovato questa parte che mi mancava in un rapporto. La presenza, la considerazione, le attenzioni. Riccardo ogni mattina, anche molto presto, mi manda il buongiorno e per me già svegliarmi e ritrovarmi il messaggio di una persona che mi ha pensata è tanto. Ci sentiamo più volte al giorno e facciamo lunghe telefonate, Abitiamo abbastanza distanti: il telefono è l’unico modo per sentirci più vicini e condividere la nostra giornata”.

Guendalina Tavassi e i video hot: «Ecco come sono entrati nel mio telefonino»

Guendalina Tavassi, vittima degli hacker, ha visto i video hot col marito Umberto D’Aponte custoditi sul suo telefonino finire in rete. Guendalina Tavassi, che era già stata vittima dei pirati informatici sul suo account instagram, spiega come secondo lei sono riusciti ad avere accesso al suo materiale privato.

guendalina-tavassi-instagram-21

I video di Guendalina Tavassi erano conservati in una cartella nascosta: “Mi era capitato un fatto del genere in passato con il mio account Instagram – ha raccontato in un’intervista a “Fanpage.it” – Mi avevano mandato una mail in cui mi chiedevano di accedere al mio account, io pensavo volessero darmi la spunta blu, ho cliccato e me l’hanno rubato. Succede in questo modo. Potrebbero avere hackerato il mio telefono così come quello di mio marito. Quei video erano in una cartella di foto nascoste. Non so com’è potuto accadere ma so che si sono sparsi in una maniera così veloce che è impossibile fermarli”.

E’ stata avvisata da un’amica e a ruota l’ha chiamata il marito: “Ero a un parco giochi insieme ai miei figli quando mi ha chiamato un’amica da Napoli per avvertirmi. Quando mi ha detto che i video erano miei e che erano girati nel mio bagno sono rimasta sconvolta. Contemporaneamente mi ha chiamato mio marito. Urlava, era sconvolto, lo aveva avvisato sua sorella”.

Si raccomanda perché altre non facciano il suo stesso errore: “La voglia di dire a tutte le ragazze di non fare mai video, nemmeno per tenerli per sé. Questi dati non sono mai completamente protetti, può accadere qualsiasi cosa. E a quelle che ci sono passate e magari adesso si vergognano voglio dire che devono continuare a uscire a testa alta”.

Daria Nicolodi morta, icona di Profondo Rosso: fu moglie di Dario Argento e mamma di Asia

È morta Daria Nicolodi, icona di Profondo Rosso in cui recitò il ruolo di Gianna Brezzi. Aveva 70 anni. Ne danno notizia alcuni siti specializzati di cinema.

5609732_1607_daria_nicolodi_mortya

Daria Nicolodi è stata a lungo compagna di Dario Argento, che conobbe nel 1974 durante il casting per il film Profondo rosso. Dalla loro relazione nacque, nel 1975, la figlia secondogenita Asia, che la rese nonna di due nipoti nati rispettivamente nel 2001 e nel 2008.

Vigili fanno sesso nell’auto di servizio ma dimenticano la radio accesa: aperta un’inchiesta

La storia dei vigili che fanno sesso a Roma. La divisa, si sa, ha sempre avuto un certo fascino. Per lui. E per lei. Mettici un infinito turno di pattuglia per tutta la notte e Roma che è romantica perfino davanti a un campo nomadi. E il patatrac è fatto: una coppia di vigili urbani, lei sulla quarantina e lui con qualche anno in più, non hanno resistito e si sono lasciati andare a sesso sfrenato nell’auto di servizio con tanto di scritta sulla fiancata.

leggo-vigili-roma-40_23072816

A testimoniarlo un eloquente audio che qualcuno probabilmente ha registrato approfittando del fatto che i due nella foga avrebbero lasciato l’autoradio accesa. Il file in perfetto stile YouPorn, secondo quanto risulta a Leggo, è finito sulla scrivania del comandante generale della polizia municipale della Capitale Stefano Napoli, uno che nella sua lunga carriera ne ha viste di tutti colori ma forse non ne aveva mai sentita una così.

Il fattaccio è successo qualche giorno fa. I due agenti a luci rosse sono in forze al XV gruppo (zona Cassia) e l’altra sera è toccato a loro il pattugliamento notturno del campo rom in via di Tor di Quinto. Lei è più giovane ed è figlia d’arte (la madre è stata un pezzo grosso dei vigili di Roma), lui è più grande e, contro tutti gli stereotipi del pizzardone romano, pare abbia un fisico prestante. L’altra sera, secondo quanto è stato denunciato in un esposto al Comando, erano insieme su una Fiat Tipo di servizio e dalla sede del XV gruppo hanno raggiunto la postazione assegnatagli.

Il turno di notte è lungo. Per scambiare quattro chiacchiere via la mascherina. Ma la carne è debole e il Corpo (quello della municipale) anche. Così, via anche la divisa. E poi via il resto. Il motore era spento. Ma l’autoradio di servizio probabilmente no. E così la loro passione e le cinquanta sfumature di municipale non sono rimaste rinchiuse nell’abitacolo. Anzi. In poche ore erano già sulla bocca degli oltre sei mila agenti della Capitale

Al comando generale c’è imbarazzo e rabbia per come i due abbiano gettato nel ridicolo l’intero Corpo. Invece ai piedi della scalinata del Campidoglio, in un bar (neanche a dirlo) tre vigili ci scherzano su davanti a un caffè e uno di loro uscendo intona la canzone Grande Raccordo anulare di Corrado Guzzanti simil Antonello Venditti: «Nella pause faremo l’amore… e se nasce una bambina poi, la chiameremo Romaaaa».

Grande Fratello Vip, il retroscena su Patrizia De Blanck: Senza biancheria intima… In stanza è micidiale»

Grande Fratello Vip, il retroscena su Patrizia De Blanck: Senza biancheria intima… In stanza è micidiale». Patrizia De Blanck continua a essere al centro del pettegolezzo nella casa del Grande Fratello Vip. Molti dei suoi compagni d’avventura lamentano cattivi odori ogni volta che si avvicinano facendo allusioni sulla sua scarsa igiene intima. Intanto, a Pomeriggio 5 emerge un retroscena. «Non porta la biancheria intima, ogni volta che si alzava dal divano dovevo abbassarle la gonna», ha detto in collegamento Fulvio Abbate.

5599451_0955_grande_fratello_vip_patrizia_de_blanck_senza_mutande_21_novembre_2020

L’intellettuale è intervenuto commentando le accuse dei concorrenti del Grande Fratello: «Sono eccessivi, la sua è una stanza senza presa d’aria… Che non usa la biancheria intima lo sanno tutti. È un fatto culturale». I ragazzi a tavola avevano parlato delle abitudini della contessa: «Appena entri è micidiale, è una stanza babilonese».

La contessa potrebbe uscire questa sera e solo poche ore è andata su tutte le furie dopo aver scoperto che Stefania Orlando l’ha votata, facendola finire in nomination. La nobildonna si è sfogata in malo modo con alcuni coinquilini giurando addirittura vendetta nei confronti della Orlando.