Carpe e modelle in topless, ecco il calendario erotico più “insolito” del 2018

Il Calendario più atteso su Amazon? Quello delle “Ragazze con le carpe”, che nel 2018 arriva alla sua quinta edizione: 12 mesi ad alto tasso… “ittico-erotico”.

C_2_fotogallery_3083034_8_image

L’associazione carpe e erotismo è quantomeno insolita eppure il calendario esiste e le protagoniste sono proprio le carpe e delle splendide modelle in topless “coperte” dai grossi pesci. L’ideatore, il tedesco Hendrik Pöhler, è convinto che il connubio “pesce e belle donne” sia davvero eccitante… Guardare per credere.

Paola Perego: “Ho paura di tornare in tv”

Paola Perego torna sulla spinosa e dolorosa questione legata alla chiusura, la scorsa primavera, del suo programma Parliamone sabato in seguito al celebre decalogo secondo cui le donne dell’est sarebbero migliori di quelle italiane. Intervistata da Maria Latella nel programma Nessuna è perfetta di Radio24 (ascolta QUI da 10:57) la conduttrice ha ammesso di avere ancora impresso in mente il dispiacere per quanto accaduto:

1463665392-perego-2-dsc4615 (1)

Ricordo la confusione, il non capire quello che stava accadendo, una cosa sicuramente molto più grande di me. La prima settimana era come se stesse accadendo a qualcun altro. Poi ho visto la notizia al Tg1, le prime pagine di tutti i giornali e sembrava davvero una cosa troppo grande per me […] Ricordo il dolore, la frustrazione, il senso di impotenza per non potersi difendere […] Per la prima volta nella mia vita la paura del giudizio, l’isolamento, la paura che le persone davvero pensassero che fossi contro le donne […]

La bufera che si è abbattuta su di lei in quei giorni viene etichettata dalla stessa Perego come ‘violenza’: “Sono stata molto male […] mi vergognavo ad uscire di casa, è stata la prima volta nella mia vita. Non ho dormito per molto tempo, ho perso peso: è stata davvero una violenza”, ha raccontato. Quello che l’ha ferita – ha proseguito – non è stata l’idea di non lavorare più in tv, ma:

[…] è il lato umano che mi ha fatto male anche perché – siccome adesso con la nuova dirigenza i rapporti si sono sistemati e ho un nuovo progetto per Rai1 – lavorativamente sono a posto, dovrei essere “salva”, invece in realtà sto ancora cercando di recuperare l’entusiasmo per farlo questo lavoro, perché è stata una violenza tale che mi hanno tolto la voglia di farlo […]

A proposito del nuovo programma che la riporterà in video all’inizio del 2018, infine, ha confessato:
Sono terrorizzata all’idea di entrare in uno studio televisivo […] Sono spaventata, probabilmente sto ancora elaborando. Mentre prima era un lavoro meraviglioso, il lavoro più bello del mondo […] mi sentivo miracolata, dopo questa ondata di cattiveria violenza e odio ho davvero paura.

Harry Styles fa breccia nel cuore di un altro sexy angelo di Victoria’s Secret

Harry Styles non perde il vizietto. Il cantante ha sempre avuto una passione per le belle donne, meglio se sono degli angeli di Victoria’s Secret. Così, secondo quanto sostiene il “Sun”, adesso avrebbe fatto breccia nel cuore della sexy ventisettenne Camille Rowe. I due sarebbero stati visti insieme a New York, finora sono solo rumors ma pare che la frequentazione diventi sempre seria.

C_2_articolo_3087147_upiFoto1F-768x432

Galeotta sarebbe stata una foto che un amico comune gli ha mostrato. Da quel momento Harry non ha più smesso di pensare a Camille e l’ha voluta incontrare. Visto i reciproci impegni non è facile per i due vedersi, ma la modella che è francese ma vive a Los Angeles starebbe facendo di tutto per stare vicina al cantante.
La Rowe si aggiunge a una lunga lista di bellissime ed ex angeli: arriva dopo Cara Delevingne, Kendall Jenner, Sara Sampaio e Nadine Leopold. Sarà quella giusta?

Liberata la ragazza che girava in minigonna in Arabia Saudita: “Il caso è chiuso”

Canta vittoria il movimento per il rispetto dei diritti delle donne in Arabia Saudita dopo che la polizia ha rimesso in libertà la giovane donna saudita fermata ieri dopo essere apparsa in minigonna e maglietta attillata in un video amatoriale girato nelle strade di una cittadina del regno e pubblicato nel fine settimana sui social network.

Roma, 18 lug. (askanews) - Una giovane donna saudita ha scatenato il caos in rete per aver postato nel fine settimana un video nel quale la si vede in minigonna, mentre cammina da sola in un luogo pubblico; una 'provocazione' che ha diviso i sauditi tra chi ne ha chiesto l'arresto e chi invece è corso in sua difesa. Siti news filo-governativi hanno riferito che le autorità del Paese, che applica una versione rigida di un Islam conservatore, stanno prendendo in considerazione la possibilità di agire contro la donna che ha violato le regole di abbigliamento nel Regno. In Arabia Saudita, infatti, le donne in pubblico devono indossare abiti lunghi e sciolti noti con il termine arabo "Abaya". La maggior parte del gentile sesso copre anche i capelli e il viso con un velo nero, anche se viene fatta eccezione per i dignitari stranieri in vista. Il video, divenuto subito virale sui social arabi, mostra la ragazza a piedi in uno storico fortino in Ushaiager, un villaggio a Nord della capitale Riad, nella regione desertica di Najd. Su Twitter si è scatenata subito una gara tra hashtag: uno che chiede l'arresto della donna e l'altro che ricorda che la libertà di vestirsi non dovrebbe essere un crimine. Ibrahim al-Munayif, scrittore saudita con più di 40.000 followers su Twitter, ha scritto sul suo account ufficiale che consentire alle persone di disobbedire alla legge porta al caos. "Proprio come invitiamo le persone a rispettare le leggi dei Paesi in cui vanno, le persone devono rispettare anche le leggi di questo Paese", ha scritto. Di contro, altri internauti hanno postato immagini della visita del presidente Donald Trump a maggio in Arabia Saudita, quando la first lady Melania Trump e sua figlia Ivanka, sebbene abbastanza vestite con scollature più alte e maniche più lunghe, si sono ben guardate dal coprirsi il volto o indossare l'abaya. Anzi, durante la visita di Trump, l'abbigliamento della bionda Ivanka aveva ispirato diversi hashtag su Twitter, con una pioggia di commenti da uomini sauditi, mentre il presidente americano veniva indicato come "Abu Ivanka", ovvero il padre di Ivanka. Tornando al caso della ragazza in minigonna, un utente Twitter, il cui post è stato condiviso più di 1.700 volte, ha sovrapposto un'immagine del volto di Ivanka sul corpo della giovane saudita, con la scritta: "Basta, tutto è stato già risolto". Altri hanno commentato che se la donna fosse stata straniera, la gente avrebbe parlato della sua bellezza, ma perché è saudita, ne viene chiesto l'arresto. Il giornale di Riad "Okaz" ha riferito che funzionari di Ushaiager hanno invitato il governatore e la polizia della regione a intraprendere azioni contro la donna. Il sito saudita Sabq ha riferito invece che la polizia religiosa in collaborazione con altri enti sta indagando sul caso.

Le immagini avevano fatto il giro del web, suscitando polemiche dentro e fuori l’Arabia Saudita e riaprendo il dibattito sulla questione femminile nel regno del Golfo, alle prese con una delicata transizione politica interna e immerso nelle guerre che sconvolgono l’intera regione.
In un comunicato, la polizia saudita ha riferito che la giovane donna, di cui non si conoscono le generalità ma che su internet è identificata come «Khulud la modella», era stata fermata ieri con l’accusa di «oltraggio alla morale pubblica». Il riferimento era all’abbigliamento mostrato nel video considerato «discinto» dalle autorità saudite. Il filmato mostrava ‘Khulud’ passeggiare in minigonna e con una maglia corta e attillata per le vie del centro storico di una cittadina nella regione del Najd, a nord di Riad, nota per il conservatorismo locale. Un altro video mostrava la giovane seduta su dune di sabbia con indosso gli stessi vestiti. Un terzo filmato la riprendeva mentre guidava un’auto. Sempre senza il velo a coprirle il capo.
Per legge, le donne in Arabia Saudita devono mostrarsi in pubblico e di fronte agli uomini con cui non esiste parentela diretta coperte dalla testa ai piedi con mantelli molto larghi. Molte donne coprono interamente anche il viso. Inoltre, sempre per legge, le donne non possono guidare le auto. Dopo la pubblicazione del filmato, si era scatenato il dibattito sui social network tra chi chiedeva l’arresto della donna e chi invece difendeva la sua scelta, invitando altre donne a seguire il suo esempio.
Durante la recente visita del presidente americano Donald Trump in Arabia Saudita, la moglie Melania e la figlia Ivanka hanno scelto di non indossare alcun velo nemmeno di fronte al re e ai principi sauditi. Proprio il nuovo erede alla corona, il 31enne Muhammad ben Salman, si propone come araldo di un progetto di riforma che prevede, tra l’altro, la ristrutturazione del sistema giudiziario, una particolare attenzione all’esigenze dei giovani in un Paese dove più la metà della popolazione ha meno di 25 anni. Nei giorni scorsi è stato nominato proprio un nuovo ministro della giustizia e i poteri della procura generale sono stati spostati dal ministero degli interni alla corte reale. Nel comunicato della polizia si afferma che la giovane donna è stata rilasciata dopo esser stata interrogata per alcune ore, durante le quali ha affermato che il video è stato pubblicato senza che lei ne fosse al corrente. «Il caso è stato chiuso», afferma la polizia.

Emily Ratajkovski, il viaggio in Italia è hot: il video del lato B fa impazzire i fan

Emily Ratajkovski, attrice e modella, è in viaggio in Italia e ha deciso di documentare i momenti migliori della vacanza per gli oltre 13 milioni di followers su Instagram. Alcune sono sexy e in compagnia di donne altrettanto hot.

2486844_1942_emily_ratajkowski_latob_italia-1-520x245

L’ultima, proveniente dalla Costiera Amalfitana, mostra il suo lato B, mentre a Bagni San Filippo, in Emilia Romagna, un’amica le spalma del fango termale sul posteriore. Questo video ha mandato i fan in delirio.

Diana Del Bufalo, autoerotismo su Instagram: ecco la foto che fa impazzire i social

“Questa foto l’ho voluta chiamare autoerotismo”, così presenta la sua foto bollente Diana Del Bufalo ai seguaci su Instagram. L’ex allieva di Amici e fidanzata con Paolo Ruffini lancia un messaggio sull’autoerotismo delle donne. Lo scatto controverso ha fatto incetta di like e ricevuto commenti entusiasti da donne e uomini che la trovano non soltanto simpaticissima e molto bella, ma ne apprezzano la completa sincerità e l’apertura mentale con cui si interfaccia sui social.

41584728

Sua, se ben ricordate, era la canzone ‘La foresta’, dove la protagonista di Che Dio ci aiuti 4 nei panni di Monica faceva sapere ai fan di avercela pelosa – citiamo testualmente – e ancora sue sono le foto in cui si mostra sexy ma poi lancia hashtag come #holacellulitemacèilfiltroenonsivede. Insomma, Diana Del Bufalo con la foto bollente – che poi in realtà è castissima nella posa e nell’inquadratura – ha lanciato un messaggio forte e chiaro e chissà se da ora in poi l’argomento non sarà più ritenuto così.

Inquiline e affitti, i padroni di casa: “Se siete avvenenti pagate con il sesso”

«Affittasi appartamenti condominiali e villini indipendenti, dotati di ogni tipo di servizi, da quelli base a quelli più innovativi». Il tenore degli annunci, su vari siti web specializzati e molto in voga tra cui Craigslist, è sempre lo stesso. A prima vista sembra il classico annuncio di proprietari di case alla ricerca di inquilini e che provano a far guadagnare ‘appeal’ agli immobili da affittare, ma dietro c’è un fenomeno forse non troppo nuovo, ma già dilagante.

2499437_1833_746003_20141211_c2_donna (1)

Il caso è esploso in Galles, in città come Cardiff e Bridgend, ma c’è da scommetterci che sia ben radicato ovunque. Rispetto agli annunci tradizionali, quelli di alcuni proprietari di case differiscono per un particolare decisivo: «Particolarmente gradite donne con qualità, si prega di allegare una foto». A quanto pare, molti proprietari di case approfitterebbero del loro ruolo per ottenere sesso in cambio dell’affitto dei loro immobili. Il sito di informazione Wales Online ha seguito la risposta di due giovani e avvenenti donne ad alcuni di questi annunci: le conversazioni, decisamente piccanti, instaurate dagli annunciatari confermano così la tendenza ai pagamenti ‘in natura’ degli affitti.