Gwyneth Paltrow: “Cosa succede quando non sei più sexy e prestante sotto le lenzuola? Cominci a piacerti davvero…”

Rughe, menopausa e il corpo che cambia… Gwyneth Paltrow, 46 anni, parla a ruota libera di vecchiaia che avanza e accettazione di sé: “Cosa succede alla tua identità femminile se non sei più sexy e “sco***ile?”, chiede scherzando durante una puntata del podcast su Goop, il sito dedicato al benessere fondato dalla stessa attrice, anni fa, e seguitissimo da molti fan e celebrità…

Untitled-116

“Nonostante i cambiamenti fisici, che non vengono quasi mai ben accolti, il processo di invecchiamento è nel complesso una cosa bella che mette in luce la bellezza interiore di ognuno”, afferma la star di Hollywood: “Quello che succede è che inizi a piacerti per davvero. (…) Ti senti sempre più te stessa e meno critica verso il tuo corpo, i valori veri diventano più chiari. E questo è molto più difficile quando sei una donna più giovane e sei alla costante ricerca di compiacere gli altri…”.

Parlando con i padroni di casa del podcast Jean Godfrey-June e Megan O’Neill, la Paltrow ha ammesso di piacersi molto di più oggi di quando era giovane e di aver imparato a essere meno critica verso se stessa. “Ho sempre trovato qualcosa di divertente nel mio aspetto. Non mi sono mai piaciuta davvero. Credo che sia molto raro che una persona si ritenga bella, lo vedo anche con le altre donne, non è la prima cosa che pensi quando ti guardi allo specchio…”. Poi però le cose cambiano, conclude l’attrice e “col tempo e anche le zampe di gallina non ti fanno più paura”…

Schwarzenegger fa i conti con l’età: le ginocchia non reggono. Allo squat preferisce la bicicletta

arnold-schwarzenegger-pumping-ironDura la vita anche per Arnold Schwarzenegger che di vite (professionali) ne ha vissute almeno tre. Campione del mondo di body building, star di Hollywood e governatore della California. All’età di 71 anni, anche il massiccio attore di origine austriaca deve fare i conti con l’età che passa. Al giornale Men’s Health, a cui ha rilasciato un’intervista per promuovere prodotti a base di proteine, ha rivelato anche le difficoltà di allenarsi, per uno che del training ha fatto una filosofia di vita, prima del successo economico.

«Lo squat e tutti quei tipi di allenamenti pesanti per le gambe, ormai non posso più farli, le mie ginocchia sono state colpite. Devo proteggerle perché voglio ancora sciare. Meglio allenare le gambe andando in bicicletta, la uso quando viaggio o quando devo fare shopping, così ti alleni e vedi la città da un punto di vista diverso”.

E se si fatica ad immaginare il suo personaggio cult, Terminator, andare in bici, Schwarzenegger dice con franchezza: “Oggi ci sono delle macchine incredibili, se avessi potuto usarle in aggiunta a quello che ho fatto in passato”. Gli allenamenti massivi a cui l’attore ha sottoposto il suo corpo nel corso dei decenni gli hanno procurato non pochi problemi di salute. “Un tipo come me che ha subito un intervento alla spalla, un’operazione chirurgica all’anca e un’altra al ginocchio con la tecnologia odierna può sempre trovare un esercizio da fare senza compromettere la salute”.

E se dagli errori del passato s’impara, nell’età della saggezza, Schwarzy parlando del figlio Patrick, che ha seguito le sue orme nel cinema dice: Patrick si allena ogni giorno, ma non vuole diventare grande come me, perché lui viene scelto per ruoli romantici, non di azione. Certo se in futuro dovesse diventare fisicamente più grande, allora potrebbe fare anche lui degli action movie”.