Sesso con un 13enne: infermiera ha un figlio dal minore, incastrata dal test del DNA: «Pensavo fosse di mio marito»

Ha fatto sesso per mesi con un ragazzo di 13 anni e ha partorito suo figlio. Leah Cordice, un’infermiera di 20 anni di di Windsor, nel Berkshire, sposata, avrebbe abusato per mesi di un 13enne fino ad arrivare a farsi mettere incinta e a partorire il suo bambino credendo fosse invece figlio del legittimo marito.

minore

Tutto è inziato quando la donna si è introdotta di nascosto nella camera dell’adolescente, che stava giocando con i videogiochi e si è spogliata davanti a lui e costringendolo a un rapporto sessuale. I loro incontri sono andati avanti a lungo due volte al mese, tutti i mesi. La 20enne nel frattempo si è sposata con il ragazzo con cui stava insieme da tempo, pur continuando ad incontrarsi con il minore.

Quando ha scoperto di essere incinta ha creduto che il figlio fosse del marito, ma il test del DNA l’ha smentita, come riporta anche Metro. A far scattare le indagini è stata una denuncia da parte della mamam del ragazzo, che aveva notato degli atteggiamenti insoliti da parte della donna. Il test del DNA sul bambino è stata la prova degli abusi, così alla fine il 13enne ha parlato ammettendo di aver avuto rapporti con lei perché innamorato, ma si è sentito usato dalla 20enne che in realtà non aveva intenzione di lasciare il marito o costruire una vita con lui.

Sanremo 2020, il figlio di Amadeus emoziona: il gesto toccante e inaspettato del bambino di 10 anni

Durante il festival di Sanremo 2020, dopo l’esibizione di Paolo Palumbo, il più giovane malato di sla d’Europa, il Teatro Ariston gli ha giustamente dedicato una standing ovation. Quello che però in molti hanno notato è che a farla partire è stato un bambino seduto in prima fila, ovvero Josè Alberto, il figlio di Amadeus. Ecco cosa è successo.

5033017_43_20200206065443

Paolo Palumbo sul palco dell’Ariston colpisce tutti
Andiamo con ordine. Nella seconda serata del Festival di Sanremo è salito sul palco dell’Ariston Paolo Palumbo, un ragazzo di 22 anni colpito dalla sla a soli 18 anni. Lui, il malato di sla più giovane d’Europa, si è esibito sulle note di “Io sto con Paolo”, una canzone estremamente toccante dedicata appunto alla sua condizione.

“La mia non è la storia di un ragazzo sfortunato, ma quella di uno che non si è mai arreso”, ha detto Paolo durante il suo momento, colpendo al cuore il pubblico. Tanto è vero che all’Ariston per lui è partita la standing ovation.

Sanremo 2020: il figlio di Amadeus fa partire la standing ovation
Quello di cui però si sono accorti in tanti è che a far partire la standing ovation della platea di Sanremo 2020 è stato il figlio di Amadeus. Proprio Josè Alberto, infatti – seduto in prima fila accanto alla mamma – si è alzato in piedi per regalare il tributo del pubblico a Paolo Palumbo, un momento veramente sentito.

“Un applauso al figlio di Amadeus che si è alzato per primo – ha scritto un internauta su Twitter – un bambino di meno di 10 anni che si alza ad applaudire per primo davanti ad una performance così toccante, rispetto a tutte le vecchie me**e che volevano stare sedute”.

Luigi Mario Favoloso, Nina Moric lo denuncia: «Percosse e maltrattamenti a lei e al figlio minorenne»

Nina Moric ha denunciato l’ex fidanzato Luigi Favoloso per percosse e maltrattamenti. Lo riporta .

nina-moric-lato-b

Nei giorni scorsi la modella croata, attraverso il suo avvocato Solange Marchignoli, ha presentato alla Procura di Milano la denuncia che contiene episodi avvenuti tra il 2018 e il 2019 nei suoi confronti e, in un caso, ai danni del figlio minorenne avuto dalla precedente relazione con Fabrizio Corona.

Un colpo di scena a poche ore dalla story su Instagram di Luigi Mario Favoloso che ha rivelato di essere in Armenia.

Caterina Balivo, chiede una bacio al figlio Guido Alberto. La risposta del bimbo spiazza tutti. «Se papà non ci sarà più…»

Caterina Balivo, chiede una bacio al figlio Guido Alberto. La risposta del bimbo spiazza tutti. «Se papà non ci sarà più…». La conduttrice di Vieni da me è in vacanza in montagna. E nelle stories di Instagram documenta i momenti trascorsi con amici e figli. In un tenero filmato, Caterina, sdraiata sul divano con il figlioletto – nato dall’amore con Guido Maria Brera – gli chiede un bacio.

4962239_1449_caterinabalivo_baci_guidoalberto_figlio

Il bimbo, parco di baci, dice alla mamma: «Te ne darò uno al giorno quando avrai 70 anni…». Caterina Balivo allora lo incalza: «Ma da vecchietta potrò vivere con te?». Il bimbo tergiversa: «Boh… c’è papà…». La conduttrice però non si arrende: «E se papà non ci sarà più? Mi metterai in una casa di riposo?». Guido Alberto non risponde e Caterina sbotta: «Dovevi dire ‘No mamma, starai con me’».

La didascalia ironica scelta da Caterina Balivo per la stories è eloquente: «Non aspettarti niente dai figli».

Aida Yespica a pezzi: «Non vedo mio figlio Aron da quattro mesi»

Aida Yespica è molto felice dal punto di vista sentimentale, dato che dopo un periodo di crisi p tronata fra le braccia del suo ex Geppy Lama, ma come mamma per il momento non lo è. Da quatto mesi infatti la showgirl, ex naufraga all’Isola dei Famosi ed ex reclusa al Grande Fratello Vip, non vede il figlio Aron, nato dalla sua passata relazione col calciatore Matto Ferrari.

4924123_1609_aida_yespica_aaron (1)

A causa di problemi con i documenti Aida non vede il figlio da tempo: “Sta crescendo davvero tanto – ha confidato a “Vero” – ogni volta che lo rivedo resto stupita dei suoi cambiamenti. Di solito ci vediamo una volta al mese, ma questo, purtroppo, è un momento un po’ così: da quattro mesi non lo vedo per problemi vari con i miei documenti… Sono davvero a pezzi”.

Per ora li aiuta la tecnologia, con le videochiamate: “Ci diciamo sempre che ci amiamo tantissimo. Io gli chiedo sempre come sta, come va la scuola e come stanno andando il calcio e il basket, i suoi due sport che pratica”.

Dal punto di vista lavorativo aspetta l’occasione giusta: “Per ora niente all’orizzonte. Tornerei volentieri in tv ma non ci sono programmi nuovi che potrei fare. Si fanno già reality e ho già dato, per me quello è un capitolo chiuso. Inoltre, non vi va di andare a fare l’opinionista in dei programmi in cui si urla”.

Elena Santarelli, il dramma segreto: «Io e Bernardo Corradi ci siamo allontanati a causa del tumore di nostro figlio»

Elena Santarelli, il dramma segreto: «Io e Bernardo Corradi ci siamo allontanati a causa del tumore di nostro figlio». La showgirl di Latina è tornata a parlare della malattia del piccolo Giacomo, in occasione dell’uscita del suo libro, il cui ricavato andrà tutto in beneficenza. Elena Santarelli ha rivelato anche un momento difficile tra lei e il marito Bernardo Corradi.

elena-santarelli-bernardo-corradi_470x305

Come riporta il sito il Giornale, ecco le parole di Elena Santarelli: «Subito dopo la scoperta del tumore, per qualche settimana, ci siamo allontanati. Ognuno voleva vivere il dolore a modo suo. Poi abbiamo combattuto insieme. Io sono stata spesso nervosa, intrattabile, ma mio marito è stato bravissimo a sopportarmi nonostante fosse devastato».

E conclude: «All’ospedale ho visto genitori litigare davanti ai bambini, mogli lasciate dai mariti, uomini capaci di tradire le compagne impegnate ad accudire i figli ricoverati».

Alba Parietti, il dramma di Luana: la fidanzata del figlio morta a 25 anni. «Quei giorni capii cos’è l’inferno»

«Quel giorno e nei giorni, nei mesi successivi io capii cos’è l’inferno». Una foto in bianco e nero, un lungo post. Parole commosse. Alba Parietti si è affidata a Instagram per ricordare Luana, la fidanzata del figlio Francesco morta la notte tra il 17 e 18 ottobre del 2006 quando aveva solo 25 anni. Era il suo compleanno, morì in macchina in un incidente stradale nel tentativo di evitare un uomo in bicicletta. «Una ferita per sempre il dolore più forte del mondo per tua madre e per Francesco, mi figlio che ti amava».

4805590_1350_alba_parietta_luana_fidanzata_figlio_morta (1)

«Era la notte tra il 17 e 18 ottobre del 2006 – racconta Alba Parietti su Instagram – Era il giorno del tuo 25esimo compleanno. Era un giorno in cui tu ti aspettavi sorprese bellissime e sulla strada, per non investire un uomo in bicicletta trovasti la morte. Rimarrai nel mio cuore, con quel tuo sorriso, con la tua bellezza con quel senso di ingiustizia che non riuscirò mai a placare. Una ferita per sempre il dolore più forte del mondo per tua madre e per Francesco, mi figlio che ti amava. E nessuna parola o gesto non riuscì a dare conforto e consolare».

«Quel giorno e nei giorni, nei mesi successivi io capii cos’è l’inferno – prosegue Alba Parietti – E per me è stato quel senso di impotenza rispetto a tutto ciò che era accaduto e il dolore lo strazio senza fine che ne conseguì. Nulla è stato più uguale. Anche il mio modo di vedere la vita. Tutto sembrava così inutile. Ma tu sarai sempre Luana bellissima, dolce e sorridente generosa nel ricordo di noi tutti. Nelle lacrime che verso ancora oggi ogni volta che penso alla tua vita tragicamente e ingiustamente spezzata. Ora che Franca tua madre ti ha raggiunto – conclude – spero abbia con te trovato pace amore bellissima. Indimenticabile tesoro, adorata Luana nei miei occhi per sempre #vittimedellastrada».