Ema Stokholma choc a Verissimo: «Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha chiesto di suicidarmi». Toffanin commossa

Su Leggo.it le ultime novità. Ema Stokholma choc a Verissimo: «Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha chiesto di suicidarmi». Silvia Toffanin commossa. Oggi, la deejay e conduttrice è stata ospite nel salotto di Canale 5 e ha parlato a cuore aperto della sua infanzia molto dolorosa.

5073703_1041_ema_stokholma_libro

«Da quando avevo quattro anni – racconta Ema Stokholma – ho conosciuto la violenza fisica. Mia madre mi picchiava e mi diceva cose terribili. Cominciava sempre con una doccia fredda, mi metteva nella vasca vestita. Mi colpiva con il pomo della doccia e alcune volte mi teneva con la testa sotto l’acqua. Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha spronato a buttarmi di sotto, poi è passato il libraio e abbiamo fatto finta di niente. Dai 6-7 anni scappavo di casa, ma la polizia mi riportava sempre indietro e non mi chiedeva perché fossi scappata. Abitavamo in un paesino nel sud della Francia».

E conclude: «Mia madre non aveva amici parenti, mio padre se n’è andato prima che nascessi. La disperazione l’ha portata a fare cose sbagliate. La società l’avrebbe dovuta aiutare e non voltarsi dall’altro lato. Io l’ho capita, non la odio più. Provo empatia. A 15 anni riesco a scappare per arrivare in Italia in cerca di mio padre. Non mi avrebbe fermato nulla, dovevo solo salvarmi. Ho preso un treno da Parigi e la mattina sono arrivata a Roma, lì ho visto il sole. Con mio padre non ha funzionato, sono scappata anche da lì. Ho fatto la cameriera, la modella e ho tirato avanti. Ho vissuto per strada, volevo toccare il fondo da sola per risalire».

Luciana Littizzetto querelata da Wanda Nara per la battuta a Che tempo che fa: «Violenza non viene solo dai maschi»

Wanda Nara non ha proprio gradito la battuta e quel commento sul suo nudo a cavallo di Luciana Littizzetto in diretta a Che tempo che fa, sui Rai2, e sul suo profilo Instagram la moglie e agente del calciatore Mauro Icardi ha commentato: «Perché le prevaricazioni e le violenze non è che vengano solo dai maschi. Al contrario. Perché la violenza e la volgarità non hanno sesso. Sono e restano violenza e volgarità. Per inciso. Nel 2020 troviamo ancora donne del genere. Ovviamente dovrà risponderne giudizialmente».

wanda nara cavallo querela littizetto battuta che tempo che fa ultima ora 11 dicembre 2020 2_11154420

«Quando si dice cavalcare a pelo, tra i due quello più vestito è il cavallo. Mi chiedo come è stata issata su: l’hanno messa su a peso, e poi lei si sta tenendo con la sola forza delle unghie e credo della Jolanda prensile. Spiegami dove è finito il pomello della sella, secondo me si arpiona in questo modo», ha detto Luciana Littizzetto con il sorriso tra le labbra nel corso dell’ultima puntata di Che tempo che fa.

La battuta e quel commento di Luciana Littizzetto sulla foto di Wanda Nara nuda a cavallo non era proprio piaciuta agli utenti dei social. E frasi di disappunto sono state espresse anche dalla giornalista Selvaggia Lucarelli, che su Twitter si è schierata contro le battute sessiste.

Detto Fatto, il tutorial sulla “spesa sexy” finisce sulla stampa inglese: «Fuori dal…carrello»

Le fiamme della polemica continuano ad ardere intorno a Detto Fatto, programma della Rai condotto da Bianca Guaccero e sospeso dopo il “tutorial su come fare la spesa in modo sensuale”, andato in onda il giorno prima della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Dopo le scuse della conduttrice per lo scivolone mandato in onda sul servizio pubblico, arrivate dopo una valanga di critiche, l’indignazione ha infatti superato i confini italiani, arrivando perfino oltremanica. Hanno infatti riportato la notizia alcuni dei quotidiani più famosi del Regno Unito: The Sun, Daily Mail, The Guardian.

1606380199-1606311306-spesa-sexy

«Fuori dal carrello: programma tv italiano cancellato dopo il bizzarro tutorial per fare la spesa sexy», titola il The Sun. Sulla stessa linea d’onda il Daily Mail e il Guardian. Si tratta di alcune delle testate britanniche più lette e conosciute in assoluto, dunque migliaia di persone anglofone hanno potenzialmente letto gli articoli. La stampa britannica ha spiegato minuziosamente tutta la vicenda, dai “consigli” della ballerina Emily Angelillo in minigonna per fare la spesa come se il supermercato fosse un palcoscenico alle scuse social della conduttrice Bianca Guaccero, passando per la condanna del programma sia sui social che dal mondo politico. Di certo, non una bella figura per il nostro Paese agli occhi dei nostri vicini inglesi.

Lory Del Santo choc: «Picchiata e abusata per una notte intera in hotel, non ho mai denunciato»

Lory Del Santo choc: «Picchiata e abusata per una notte intera in hotel, non ho mai denunciato». Il racconto della soubrette nell’intervista rilasciata ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”. Una rivelazione inedita che non ha una collocazione spazio-temporale: non si conosce, infatti, il luogo e il periodo, ma sembra che la violenza si sia consumata in una stanza d’albergo. La donna spiega di non aver mai denunciato nulla e di essersene pentita. A quel tempo ha preferito rimuovere l’accaduto, ma traumi simili non scompaiono facilmente.

lory-del-santo-piscina-gf-vip

La vicenda è emersa mentre l’attrice commentava quanto è successo a Sara Croce, giovane 22enne con alle spalle la storia con un miliardario iraniano, il 56enne Hormoz Vasfi, che le ha intentato una causa per ottenere un milione di risarcimento per tutti i soldi spesi durante la relazione. Lory Del Santo ha conosciuto molti uomini ricchi e ha vissuto la stessa situazione, ma le è capitato anche di peggio. Da qui il racconto delle violenze subite da un uomo conosciuto tramite un’amica.

L’INCONTRO «Ci eravamo conosciuti al ristorante – spiega -, si rideva, si scherzava, tu pensi sempre che se una persona ti viene presentata da qualcuno che conosci sia una persona perbene. Lui mi disse che aveva dimenticato una cosa in hotel e mi invitò a salire». Lory Del Santo avrebbe declinato più volte l’offerta, ma vista l’insistenza di lui alla fine lo ha accompagnato. Una volta in camera, è cominciato l’inferno.

IL RACCONTO DI LORY DEL SANTO «L’incubo è durato tutta la notte, questa persona era pazza, mi ha picchiato, abusato, poi mi ha fatto fare il bagno con i petali di rose. Ho pensato che a un certo punto si sarebbe addormentato, così è stato. Appena ho visto che dormiva sono scappata. Lui se ne è accorto, mi ha rincorso, ma io sono scappata via verso l’uscita. Ho subito una violenza fisica e psicologica. I petali di rose, il profumo nell’acqua, era un pazzo: Immaginavo di scendere e trovarmelo davanti come nei film. Una volta uscita dall’albergo, invece, mi sono sentita libera. È stata una cosa strana, era l’alba, ho deciso di non denunciare, di dimenticare».

Chi l’ha visto, Martina Rossi e l’imputato assolto: «Ora sarà contenta». La rabbia dei genitori: «Non deve nominarla»

Secondo la sentenza d’appello Martina Rossi si sarebbe buttata dal terrazzo dell’hotel di Palma di Maiorca dove era in vacanza. A Chi l’ha Visto? la rabbia dei genitori della ventenne caduta nel vuoto nove anni fa dopo l’assoluzione dei due imputati aretini, Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, accusati di violenza sessuale e di aver causato la morte della giovane in conseguenza di un altro delitto. La trasmissione manda in onda le parole di Vanneschi subito dopo la sentenza di assoluzione: «Ho pensato subito a Martina perché sarà contenta, finalmente è venuta fuori la verità».

martina-rossi-1-1

Parole che i genitori prendono come un insulto. Ospiti in studio, ribadiscono che la figlia non avrebbe mai potuto togliersi la vita. «Per chi l’ha conosciuta – ricorda il papà – era un’espressione di freschezza. Era venuta anche molto bella e faceva della riservatezza il suo modo di vivere. Se si prende il suo Facebook si vede che non c’è una parola fuori posto. Sapeva scrivere, disegnare, andava a nuotare. Aveva avuto solo una delusione d’amore».

Sono le parole di Vanneschi a scatenare la reazione della madre: «Fossi stata in aula avrei tirato uno strillo, lui non ha mai parlato. Viene a dire una cosa del genere, che non nomini più il nome di mia figlia. È stato uno schiaffo in faccia». «Ho voluto sempre rimanere in silenzio per una forma di rispetto nei confronti dei genitori e di trovare la serenità. Io sono innocente», ha dichiarato il 29enne. Il suo legale Stefano Burricchi ha sottolineato che sono stati assolti perché il fatto non sussiste: «Abbiamo lottato contro tutto e contro tutti, contro i giornali e l’intervento del ministro della Giustizia. Ritengo che questo processo poggiasse su nulla, sono due persone innocenti che sono state per nove anni additate come assassini e stupratori e oggi vengono assolte dai due capi di imputazione».

La Corte d’Appello di Firenze ha ribaltato la sentenza di primo grado e quindi la condanna a sei anni. L’intercettazione ambientale in cui per la prima volta avevano parlato di violenza sessuale e i post su Facebook dopo la morte di Martina avevano incrementato i sospetti su di loro. Avevano deciso di continuare la vacanza e pubblicato frasi come «Qui abbiamo lasciato il segno». Erano insieme a Martina il giorno della caduta, nella loro stanza d’albergo. Per l’accusa, la ragazza è precipitata nel tentativo di sfuggire a uno stupro, per i ragazzi era impazzita, li aveva aggrediti e poi si era gettata di sotto. «La verità – conclude il papà – è che Martina voleva vivere»

Pakistan, Zohra, domestica a 8 anni, picchiata e uccisa per aver liberato due pappagalli

Zohra, una bambina di otto anni che lavorava come domestica in Pakistan, è morta malmenata dai suoi datori di lavoro, una coppia benestante di Rawalpindi, in Pakistan. La bambina 4 mesi fa aveva lasciato la città di Kot Addu, nella provincia del Punjab, dove viveva con la sua famiglia molto povera per andare a lavorare in casa della ricca famiglia. Era stata assunta per prendersi cura del loro bambino di un anno.

5275166_1849_zora1

Le avevano promesso che in cambio l’avrebbero fatta studiare, alcuni adesso sostengono che la famiglia della piccola è stata truffata. Zorha ha liberato due pappagalli in gabbia, per questo è stata picchiata. Per alcuni media locali è stato un incidente, la bambina stava dando da mangiare ai pappagalli e questi sono volati via. C’è chi parla di un gesto di sensibilità della piccola.
Ma la reazione dei datori di lavoro è stata tremenda: l’hanno picchiata e torturata fino a farla morire. Secondo il primo rapporto della polizia, quando i suoi carnefici l’hanno abbandonata in un ospedale i medici hanno fatto di tutto per salvarla, ma la piccola è morta il giorno stesso per le lesioni al viso, alle mani, sotto la gabbia toracica e alle gambe. Non si esclude che abbia subito anche un’aggressione sessuale. La polizia ha inviato campioni da analizzare per confermare o meno la violenza. La polizia ha arrestato entrambi gli accusati che hanno ammesso di aver torturato la bambina perché si era fatta scappare i loro pappagalli. Gli imputati si trovano ora in custodia cautelare Dai racconti degli imputati emerge che hanno continuato a colpirla a morte nonostante le urla e i pianti di lei, nonostante implorasse pietà. Su Twitter si è diffuso l’hashtag #JusticeForZohraShah, in tanti chiedono giustizia per la bambina e hanno diffuso dei disegni per renderle omaggio.

Harvey Weinstein condannato per stupro e violenza sessuale e arrestato in aula

Harvey Weinstein è stato riconosciuto colpevole e condannato per stupro nei confronti di una donna e violenza sessuale ai danni di un’altra. L’ex produttore di Hollywood, al centro della campagna di accuse di violenze e molestie che ha dato via al movimento del #metoo, è stato però assolto dalle accuse di aggressione sessuale nei confronti di altre due donne, Miriam Haley e Jessica Mann.

5072210_1900_harvey_weinstein_condannato_stupro_violenza_sessuale

Erano in tutto cinque i capi di imputazione contestati a Weinstein. L’accusa di aggressione sessuale, per la quale era stato assolto, era quella che prevedeva la pena più lunga, dai 10 anni all’ergastolo. Mentre per le accuse di stupro e violenza sessuale per le quali è stato condannato rischia una condanna tra i cinque ed i 25 anni. Il processo di fronte alla New York State Supreme Court, che si era aperto all’inizio del mese, a due anni delle inchieste bomba di New York Times e New Yorker che hanno riportato le denunce di decine di donne che accusavano l’allora potentissimo produttore di Hollywood di abusi sessuali, stupro, molestie ed in genere di usare il suo potere nel mondo del cinema per approfittarsi delle giovani donne.

Sono state almeno 100 le donne che hanno accusato Weinstein, che ha 67 anni, ma le accuse che sono state presentate ai 12 giurati di New York erano basate sui casi di due donne, mentre i procuratori hanno portato la testimonianza di altre quattro donne per provare il comportamento predatorio di Weinstein. Subito dopo la lettura del verdetto di condanna, il giudice del tribunale newyorkese ha ordinato la detenzione di Harvey Weinstein senza possibilità di cauzione. L’avvocato Donna Rotunno ha così chiesto gli arresti domiciliari per il 67enne ex produttore cinematografico, citando «lettere dei medici» curanti ed il fatto «che non è stato condannato per le accuse più gravi». Ma il giudice non ha accolto la richiesta e Weinstein è stato ammanettato in aula.

Il giudice ha detto che trasferirà alle autorità carcerarie la richiesta di tenere il detenuto in infermeria fino alla sentenza, fissata per l’11 marzo scorso, in cui verrà annunciata la decisione del giudice sulla pena. In base alle accuse per le quali è stato ritenuto colpevole, Weinstein rischia fino a 25 anni di carcere. Anche oggi, come per le precedenti udienze, Weinstein è arrivato in aula camminando con un deambulatore. I suoi avvocati dicono che è necessario in conseguenza delle ferite riportate durante un incidente automobilistico avvenuto la scorsa estate. Intanto la sua portavoce ha già annunciato che uno dei legali «si sta già recando alla corte d’appello per presentare il ricorso».