Senzatetto costruiscono le loro case: 19 alloggi nuovi di zecca, addio vita da strada

I veterani senzatetto costruiscono le proprie case nell’ambito di un programma di riqualificazione di alcune zone degradate nel Regno Unito. Sei veterani precedentemente senzatetto hanno completato un programma di autocostruzione di 19 alloggi a prezzi accessibili a Leominster, nella zona di Herefordshire, e si sono goduti il Natale nelle loro nuove case.

5677403_1948_veterani

Una storia che ha commosso l’intero Regno Unito. Leominster è un paese di 11.000 abitanti della contea dell’Herefordshire, in Inghilterra. E gli ex senzatetto sono già diventati veri e propri eroi per i residenti della zona.

Lo scopo del programma, che è una collaborazione tra il programma di beneficenza Alabaré Community Self Build (Veterans) per veterani e Stonewater, era di consentire a un gruppo di veterani di lavorare a fianco dell’appaltatore locale J Harper & Son Ltd per acquisire competenze preziose e trasferibili che loro può portare sul posto di lavoro.

Oltre ad aumentare le proprie opportunità di lavoro, a ciascun veterano coinvolto è stata fornita anche una nuova casa sicura da affittare per sé e le proprie famiglie.

Nonostante i molteplici ritardi causati dal Covid-19, la società di costruzioni di Leominster J Harper & Son Ltd è riuscita a finire le case a Noden’s Mews su Waterworks Lane in modo che siano pronte a trasferirsi .

Matthew Crucefix, direttore dello sviluppo (Sud e Ovest) di Stonewater, ha dichiarato: “Per noi, la collaborazione è stata la chiave del successo di questo progetto. Questo schema evidenzia come le organizzazioni locali, i consigli e gli enti di beneficenza possono lavorare in collaborazione per fare la differenza insieme e fornire case a prezzi accessibili tanto necessarie per coloro che ne hanno più bisogno.

“Questo è stato un progetto incredibilmente gratificante per ciascuno dei veterani coinvolti e siamo lieti di consegnare le chiavi ai nostri nuovi residenti a Noden’s Mews in tempo per celebrare il Natale con le loro famiglie”.