Chiara Ferragni incinta, il video del momento in cui lo ha detto alla famiglia: «Un TikTok a sorpresa»

Chiara Ferragni è incinta. E questo si sa dall’altro ieri. L’annuncio ufficiale è arrivato con una bella foto del piccolo Leone, che mostra un’ecografia agli oltre 21 milioni di follower della mamma. Ma quand’è che la famiglia Ferragnez ha ricevuto il lieto annuncio? A fine luglio, in un momento ovviamente immortalato e condiviso sui social.

5f75b4cf240000aa04d1290d

Fedez e Chiara Ferragni, infatti, nel corso della loro vacanza in Sardegna, hanno chiesto ad amici e parenti di fare un TikTok insieme. Al termine del countdown, però, non è partito un balletto, bensì l’annuncio di Fedez che ha lasciato tutti di stucco: «Chiara è incinta!».

La gioia della famiglia è incontenibile, fra risate e lacrime di commozione. «Lo sapevo!» esclama la sorella Valentina, che insieme a mamma Marina abbraccia Chiara. Nella didascalia del post pubblicato su Instagram, la Ferragni scrive: «Quando abbiamo detto alla nostra famiglia che ero incinta: in Sardegna, a fine luglio, abbiamo detto loro che dovevamo fare un TikTok tutti insieme e loro dovevano seguire le nostre mosse, ma dopo il conto alla rovescia li abbiamo sorpresi con la notizia».

Briatore, covid in Sardegna: «Un attacco orchestrato contro le discoteche di destra»

Il covid, la Sardegna, l’economia. Flavio Briatore affronta tutti questi temi in un’intervista al Corriere della Sera: «L’anno scorso, con la polmonite, ero stato molto peggio. Ora, a parte la prostatite per cui ero entrato in ospedale, ho avuto solo due giorni di febbre a 38. Ma so che non va a tutti così. Paura non ne ho avuta. Credo al destino: il momento o arriva o no e io ero al San Raffaele di Milano, un centro di eccellenza. Mi sono messo tranquillo e quello che mi davano prendevo».

Parlando della quarantena da Daniela Santanchè, aggiunge: «Leggevo giornali, telefonavo, stavo alla tv. Sono state brutte la solitudine e l’impossibilità di vedere mio figlio». In merito all’accusa di essere annoverato fra i negazionisti del virus, spiega: «Ho solo dato ragione al dottor Alberto Zangrillo quando diceva che il virus era clinicamente inesistente, non che non esistesse più. Oggi i medici lo conoscono e trattano meglio. Infatti, l’ho preso e ne ho avuto conferma».

Per Briatore «il caso Sardegna è stato un attacco mediatico orchestrato politicamente e il Billionarie è stato strumentalizzato perché noto in tutto il mondo. Il messaggio era che qui tutti avevano il virus e in Emilia zero: solo le discoteche di destra avevano il virus, quelle di sinistra no». E sui dipendenti risultati positivi afferma: «Ne ho mille nel mondo. Io che colpa ho e loro che colpa hanno se lavoriamo? Devo licenziarli? A Londra, a Montecarlo, siamo stati sempre aperti. Mi devo scusare perché dò lavoro? È una follia».

Per Briatore, «bisogna usare mascherine eccetera, ma far ripartire l’economia. Dare i bollettini ogni giorno spaventa e distrae da disoccupazione, ritardi nell’erogare i sussidi e incapacità del governo. In Francia hanno ridotto la quarantena a sette giorni e vedo che funziona. In Italia i 10 giorni mi sembrano una buona idea».

Soleil Stasi e il flirt con Andrea Iannone: «In cerca di visibilità…». E lui risponde sul social

Soleil Stasi e Andrea Iannone sono stati sopresi assieme in Sardegna la scorsa settimana. Soleil Stasi però nega ogni tipo di rapporto con l’ex di Belen che non è il suo tipo e sembra essere “Interessato alla visibilità”.

soleil-stasi-flirt-con-lex-di-ivana-mrazova-fidanzata-del-suo-ex-lunedi-soleil-stasi-foto-tatuaggio

Il loro incontro è stato casuale, dato che alloggiavano nella stessa casa di un amico comune: “È stato carino e gentile, l’ho visto interessato alla mia compagnia – ha raccontato a “Chi” – Poi, siamo tornati con lo stesso volo e ci hanno paparazzati. Mi hanno attaccata per quelle foto quando, in realtà, ho incontrato solo uomini interessati alla mia immagine”. Una sensazione che sembra aver avuto anche con Iannone: “Ho pensato che fosse interessato alla visibilità. In passato, del resto, è stato con Belen e con la De Lellis”.

Tra di loro non potrà esserci niente: “Sarà anche interessato fisicamente, ma non c’è feeeling e io non ho mostrato interesse. E poi, per rispetto del passato, non sarei mai stata con uno che è stato con la mia ex cognata”.
Il gossip la danneggia: “mi sono sentita tirata in mezzo in questo gossip e mi sono sentita ancora una volta penalizzata nella mia immagine lavorativa. Non vorrei mai valere solo perché sto con qualcuno, non sono come tanti personaggi assetati di visibilità, che sono lontani da me. Vorrei lavorare per merito”.

Dal canto suo Andrea Iannone ha indirettamente risposto dalle stpories del suo account social: “‘Da anni – ha scritto nel post – continuo a a restare nel mio silenzio. Sono allibito da ciò che determinate testate e/o persone scrivono sul mio conto parlando della mia vita privata, attribuendomi chissà cosa. Non sono io quello che alimenta tutto ciò facendo interviste ad hoc. Vivo delle mie passioni, cose concrete, sempre con rispetto e in silenzio”.

L’estate stellare di Valeria Marini, dalla Calabria alla Sardegna più esplosiva che mai

Quella di Valeria Marini è stata un’estate stellare, a base di sole, mare e relax. Dalla Sardegna alla Calabria alla scoperta delle bellezze d’Italia, la showgirl non si è fatta mancare nulla: giri in barca al tramonto e pomeriggi in spiaggia sono stati gli ingredienti delle sue vacanze.

103510962-6a20d26c-b0eb-4d1f-9448-be491d66451e

Sui social Valeria ha tenuto aggiornati i follower con i dettagli della sua estate trascorsa nelle location più belle del Belpaese, condividendo scatti in cui posa da diva con panorami stupendi sullo sfondo. Come colonna sonora “Boom”, la sua ultima hit dai ritmi latini. In bikini mozzafiato sfoggia le curve esplosive e incanta i fan, che la inondano di complimenti e cuoricini.

Secondo Novella 2000 la Marini sarebbe tornata single: la storia d’amore con Gianluigi Martino, con cui faceva coppia fissa da febbraio 2019, pare sia giunta al capolinea. Con il manager di 17 anni più giovane di lei, la star del Bagaglino sembrava aver finalmente trovato la felicità. I due hanno trascorso insieme la quarantena e parevano più uniti che mai ma qualcosa deve essersi rotto irrimediabilmente.

Paolo Bonolis: «Briatore? Basta caccia all’untore. Io e la mia famiglia stiamo benissimo»

Paolo Bonolis ammette di stare benissimo, sia lui che la sua famiglia, dopo il rientro dalle vacanza in Sardegna. Successivamente alla notizia della positività di Briatore al covid, molti hanno pensato che anche lui potesse essere a rischio visto la foto che li ritrae insieme durante una partita di calcetto.

5440746_1612_bonolis_briatore_sardegna

Il conduttore serio sdrammatizza con la sua ironia in un’intervista all’Huffington Post Italia: «Ma che ve siete impazziti? Trovo grottesca e insensata questa caccia a chi sta bene e a chi sta male, ma comunque… noi stiamo tutti bene, nun ve preoccupate», afferma. Dopo la foto pubblicata il giorno di Ferragosto Paolo invita a smorzare i toni: «trovo grottesco pensare a questo, a chi l’ha contratto e a chi no, e a non pensare a problemi ben più seri».

Paolo, che ha pubblicamente rassicurato tutti sulla sua salute, sottolinea però l’importanza di non creare un clima da “caccia all’untore”: «Tra l’altro trovo ridicolo questo j’accuse nei confronti di Briatore che oramai sembra essere diventato il grande untore», e ironizza: «Il presidente dell’AGUI, l’Associazione dei Grandi Untori Italiani».

Selvaggia Lucarelli torna su Briatore: «È colpa della prostatite mocciolosa. Mica ha viaggiato tra Sardegna, Italia e Montecarlo»

Briatore, la Lucarelli: «È colpa della prostatite mocciolosa. Mica ha viaggiato tra Sardegna, Italia e Montecarlo». Selvaggia Lucarelli torna a parlare di Flavio Briatore attraverso un post pubblicato sul suo profilo Facebook. Lo fa dopo la circolazione della notizia della positività dell’imprenditore al Covid e al seguente ricovero al San Raffaele di Milano, e dopo aver letto l’intervista rilasciata dal degente al Corriere della Sera, che definisce “patetica”.

selvaggia-lucarelli-contro-flavio-briatore-1024x531

Se ieri la Lucarelli aveva augurato a Briatore di guarire presto e tornare “meno arrogante”, oggi esprime la sua incredulità rispetto alle dichiarazioni dell’imprenditore che sostiene di essere ricoverato per una prostatite.

«È colpa del vento sardo. E della prostatite mocciolosa.
Flavio Briatore, in una (sua) patetica intervista al Corriere di oggi in cui l’intervistatrice sembra quasi credergli, dice che lui è andato in ospedale per una prostatite e “«Intanto che ero qui, ho fatto il tampone e ancora non so se sono positivo”. “Può darsi che sia positivo, coi venti forti della Sardegna”…
Alla domanda sulla polmonite sorvola. Non risponde praticamente a nulla.
Quindi: a) ora potrà dire che lui non ha proprio pensato al Covid perché aveva un’altra patologia e se la sfanga dall’accusa di aver sottovalutato i sintomi del Covid. Non ci ha proprio mai pensato, porello, mica avrebbe mai messo a rischio amici, clienti, dipendenti. (Ah, il barman del Billionaire è in terapia intensiva. Per lui manco mezza parola. Gli auguri glieli facciamo noi) Fatto sta che il tampone chi torna dalla Sardegna dopo aver frequentato locali dovrebbe farlo subito e non “intanto che ero qui mi hanno fatto il tampone”. Lui martedì non ha ancora neppure i risultati, bizzarro.
b ) mica ha viaggiato tra Sardegna, Italia e Montecarlo, facendo una capatina nei suoi locali a Montecarlo, pensando che quei sintomi potessero essere Covid. È la prostata. La famosa prostata che dà come sintomi il raffreddore di cui ha parlato nell’intervista a Porro. E che gli ha diagnosticato Zangrillo al telefono. La speciale, inedita “prostatite mocciolosa”. (Zangrillo confermerà, come accadde con la famosa uveite di Berlusconi?)
C) “Può essere che abbia il Covid, coi venti che ci sono in Sardegna”. Questa è la migliore. Non si è eventualmente contagiato per lo stile di vita avuto in Sardegna, per il focolaio scoppiato al Billionaire, no. È colpa del clima della Sardegna. Maledetta isola ventosa che oltre a spingere le vele, da quelle parti, trasporta il virus come fosse polline.
Chissà come mai non è ancora scoppiata un’epidemia tra i sardi che lavorano tutto il giorno esposti ai venti, ma magari sui campi o in cantieri o al porto o altrove. A proposito, ha chiuso anche il suo Cipriani a Montecarlo per alcuni dipendenti contagiati. Ammazza come tira forte il vento sardo.
Dunque, non si assume responsabilità di alcun tipo, Briatore svicola.
Ora, ieri s’era detto che magari Briatore avrebbe imparato qualcosa da questa brutta vicenda.
A quanto pare ha imparato qualcosa, sì. Che laddove non ci si può giocare la carta dell’arroganza, ci si gioca quella della fuga.
Magari aiutato dai venti, quelli lombardi però.
Un eroe».

Eliana Michelazzo positiva al Covid: «Al Billionaire gente ammassata, non si respirava»

Eliana Michelazzo, ex manager di Pamela Prati e coinvolta nel caso Mark Caltagirone, è positiva al Covid dopo una vacanza in Sardegna. «Ho fatto un tampone al Forlanini il 23 agosto pomeriggio per sicurezza, appena sono rientrata dalla Costa Smeralda e il risultato è arrivato solo oggi, dopo ben 4 giorni e purtroppo sono positiva al Covid anche io».

5427319_1408_eliana_michelazzo

All’Adnkronos ha denunciato quanto accaduto al Billionaire: «La gente era ammassata, non si respirava, si sudava. Io ad un certo punto mi sono spaventata e mi sono messa in un angolo ad osservare quello che stava succedendo. Nella pista da ballo la gente era tutta ammassata senza nessun distanziamento. Negli altri locali c’era lo spazio mentre da Briatore no», spiega.

La Michelazzo fornisce come prova le immagini da lei postate sulle sue storie instagram la notte di Ferragosto che mostrano l’interno della discoteca con centinaia di persone accalcate e senza mascherine che ballano una attaccata all’altra senza alcun tipo di precauzione. «Io sono andata a cena con degli amici al Billionaire la sera di Ferragosto -prosegue- poi sono scesa con loro nella discoteca e faceva un caldo pazzesco. C’era un ammasso di persone mai viste prima! Ricordo che c’era uno spruzzo di aria gelida che arrivava all’improvviso, una ventata che si propagava per tutto il locale. Immaginate che con il sudore chi era infettato ha propagato il virus per tutto il locale»