Siria De Fazio: «Ero caduta in depressione, salvata dall’arrivo di Pablo»

Siria De Fazio, una delle protagoniste del Grande Fratello 9, ha passato un momento molto difficile. Un lungo periodo in cui è caduta, anche a causa di un difficile intervento, una dolorosa perdita e una delusione amorosa, in depressione e ne è uscita grazia all’arrivo a casa sua del cane Pablo.

5295179_1213_siria_de_fazio2

Tutto è partito nel 2018: “Mi sono dovuta sottoporre a un delicato intervento al viso – ha spiegato a “Nuovo” – per allungare la mandibola: le ossa si erano indebolite e logorate a causa dell’anoressia, contro cui ho lottato dai 4 ai 22 anni, e del mio mestiere di mangiafuoco. Non ho potuto lavorare per parecchi me-si; poi ho perso mio padre Armando, che ho assistito in ospedale tenendogli la mano fino alla fine; infine ho chiuso la storia orribile con il ragazzo con cui convivevo”.

Poi nella sua vita è arrivato il bulldog Pablo: “Quando ho incrociato il suo sguardo in un allevamento alle porte di Milano dove avevo accompagnato un mio amico, ho sentito una specie di scossa elettrica e, una volta rientrata a casa, non ho fatto altro che pensare a lui. Il proprietario non voleva venderlo, ma io ho cominciato a tempestarlo di telefonate e di visite improvvise. Alla fine, quando ha visto che anche il cucciolo stravedeva per me, ha ceduto e ho potuto finalmente portarlo a casa: era il Natale del 2018. Da quando Pablo è entrato a far parte della mia vita sono tornata a sorridere”.

E grazie a lui è ripartita: “Il suo arrivo è stato il pretesto per organizzarmi la vita e per cambiare il corso delle cose. Mi sono detta che per il suo bene non potevo più permettermi di essere di cattivo umore”

Vittima della tratta del sesso viene salvata, torna a casa e si uccide a 15 anni: «Voleva tornare dal suo rapitore»

È stata rapita quando aveva solo tredici anni. Per due anni è stata vittima della tratta del sesso, venduta ad altri uomini per prestazioni e poi rinchiusa nuovamente in casa del suo rapitore. A quindici anni è stata liberata, è tornata a casa. Ma non era più la stessa e così sabati mattina si è chiusa in bagno e si è uccisa. Il papà ha tentato di salvarla ma Leticia Serrano, adolescente di Houston, è morta tra le sue braccia. «Voleva tornare dal suo rapitore», ha dichiarato l’uomo, disperato, che chiede giustizia per la figlia.

leticia_serrano_suicidio_ragazza_tratta_Sesso_17180308

Si crede che l’uomo responsabile del rapimento abbia lavorato con almeno altri tre uomini per drogarla e costringerla ad entrare nel giro del traffico sessuale. Dal giorno della sua liberazione per due volte era fuggita di casa. Quei terribili due anni l’avevano segnata, cambiando il suo destino. E lei non si era più ripresa, al punto da voler tornare lì dove aveva vissuto l’incubo. Nella casa del suo rapitore. «Voglio vederlo in tribunale», dice il papà. «Voglio dirgli che è colpa sua se mia figlia è morta».