“C’è Posta per Te”, polemiche social sul pubblico in studio: «Nessun distanziamento e zero mascherine»

C’è Posta per Te parte con il botto ma anche con le polemiche. Molte persone hanno notato che tra le persone che componevano il pubblico in studio non sempre sono state rispettate le regole di distanziamento sociale e sui social si sono scatenate polemiche e anche proteste. Un po’ come era successo dopo la prima punta del Maurizio Costanzo Show.

cc-5

La trasmissione di Maria De Filippi ha ripreso con il pubblico in studio, un pubblico non troppo distanziato ma separato dal plexiglass, una soluzione che però alcuni telespettatori non hanno ritenuto prudente. Tanti hanno poi storto la bocca davanti alla mancata mascherina da parte dei postini sebbene abbiano sempre mantenuto la distanza.

Le decisioni prese dal programma non sono piaciute ad alcuni telespettatori che su Twitter si sono scatenati. «Comunque due pesi e due misure. A C’è posta per te zero mascherine, zero distanziamento, pubblico appiccicato e vastissimo. Tutto chiuso, gente che non può lavorare ma lì tutto come un anno fa. Possibile che nessuno dica niente?», ha scritto qualcuno, un altro utente ha aggiunto: «Ma Maria è Free Covid? Perché a C’è posta per te c’è il pubblico senza mascherine? E la Ferilli appiccicata ai signorini in studio senza distanze di sicurezza? Follia pura. Diseducativo!», e poi ancora: «Si guarda C’è posta per te e ci si domanda perché i teatri, i cinema e i palasport siano chiusi». E poi ancora: «Questa trasmissione va proprio contro ogni decreto anti Covid. Ora anche l’abbraccio, spengo che mi sto innervosendo», con tanto di tag al premier Conte.

C’è però chi ha difeso la scelta di voler far sembrare tutto “normale” della De Filippi e sempre su Twitter un utente che ha partecipato come pubblico ha replicato: «Siamo stati tamponati, abbiamo il plexiglass e un secondo prima che entrava Maria ce l’hanno fatta togliere».

Le puntate, in ogni caso, sono state registrate fra settembre e ottobre, quando la curva dei contagi in Italia non toccava ancora gli allarmanti picchi degli ultimi tempi. Inoltre, tutti coloro che prendono parte alla trasmissione (pubblico, ospiti e protagonisti) vengono sottoposti a un test rapido prima della registrazione. Gli abbracci fra parenti sono consentiti in quanto considerati congiunti.