Alessandro Del Piero ricoverato: «Ancora non ci credo come una cosa piccola possa fare così male»

Alessandro Del Piero è stato ricoverato in ospedale, ma rassicura i followers sulle sue condizioni di salute dal suo account Instagram. Niente di grave, ma qualcosa di fastidioso.

istantaneaschermo2020-05-1723_MASTER.27.53-ksng-u31802242711458c9d-656x492corriere-web-sezioni

L’ex capitano della Juventus, infatti, è indisposto a causa dei calcoli renali. «Ancora non ci credo come una cosa piccola solo 3mm possa fare così male», ha scritto nel post a corredo di un paio di foto che lo vedono sul lettino del nosocomio con indosso la mascherina.

Solo un po’ di paura e qualche fitta dolorosa, ma sta bene e guarirà presto. La Juventus ha fatto sentire subito la sua vicinanza al suo storico campione. «Auguri di pronta guarigione, get weel soon», il messaggio del club bianconero. Anche molti amici e icone dello sport gli hanno augurato di rimettersi, tra questi Max Biaggi e Louis Figo.

«Forza capitano», «Siamo con te», «Riprenditi presto», «Sei sempre il più forte», sono soltanto alcuni dei messaggi postati dai tifosi di Pinturicchio e della vecchia signora.

Georgina Rodriguez, raccolta fondi per emergenza coronavirus: all’asta anche la maglia di Cristiano Ronaldo

Georgina Rodriguez, la compagna di Cristiano Ronaldo, in prima linea per fronteggiare l’emergenza coronavirus. La modella spagnola, infatti, ha deciso di donare 20mila mascherine ad una associazione benefica del suo paese, ma poi ha lanciato anche una raccolta fondi per alcuni ospedali spagnoli, mettendo all’asta veri e propri cimeli.

5221730_2229_coronavirus_georgina_rodriguez_cristiano_ronaldo

Tra i vari oggetti messi all’asta da Georgina Rodriguez, c’è anche una maglia della Juventus del suo Cristiano Ronaldo, ma anche diversi vestiti indossati dalla modella durante varie serate di gala. «Stiamo attraversando un periodo orribile, in cui gli ospedali e il personale sanitario hanno bisogno del nostro aiuto. La Spagna sta soffrendo molto per questa pandemia e voglio fare la mia parte» – ha spiegato su Instagram la modella spagnola – «Insieme possiamo aiutare il nostro paese e il nostro pianeta: donerò l’intero ricavato delle vendite agli ospedali spagnoli che curano i pazienti Covid».

Per partecipare alle varie aste di Georgina Rodriguez è necessario scaricare una app gratuita di compravendita di abiti usati, LESS_, e accedere al profilo personale della compagna di Cristiano Ronaldo (georginagio). A quel punto sarà possibile vedere tutti gli oggetti all’asta, anche se il pezzo più pregiato, la maglia della Juventus di CR7, ha già superato abbondantemente i 4000 euro. Ci sono però molti abiti firmati, assolutamente di lusso, a prezzi più contenuti.

Coronavirus, Federica Sciarelli a Chi l’ha Visto: «Persone abbandonate con la febbre, ma ai calciatori della Juventus hanno fatto il tampone»

A Chi l’ha Visto le storie di persone “abbandonate” in casa con i sintomi del coronavirus e senza il tampone. Le vicende hanno in comune una gestione confusa dell’emergenza. Federica Sciarelli ricorda, tuttavia, che a fronte di tanti che non hanno potuto fare il test ci sono persone ricche e famose che hanno avuto facilmente il risultato. A domanda diretta su un medico di base morto senza tampone, Angelo Borreli ha spiegato che sono sempre state osservate le regole dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

5186511_2324_coronavirus_chi_l_ha_visto_sciarelli_tamponi_juventus (1)

«L’Oms non ha detto di fare il tampone a tutti i giocatori della Juventus, mentre ci sono persone abbandonate a casa con la febbre», spiega in diretta la conduttrice.
«Sono stata abbandonata con due anziani malati», racconta una donna che ha perso la madre e continua ad assistere il padre affetto da polmonite. «Ci hanno detto ‘se state meglio chiamate che vi togliamo la quarantena, non vogliamo tenere le persone ai domiciliari’. Parlo non perché voglio apparire, ma perché con la fase due non si dimentichino queste morti».

Un’altra spiega che alla madre non hanno fatto il test né da viva né da morta. Il suo era un caso di “Covid sospetto”. La donna si è messa in autoquarantena per il suo senso di responsabilità, ma non ha indicazioni in merito. E da tantissime famiglie sparse per l’Italia arrivano altri appelli. «Ti dai da fare, ma nessuno ti dà retta», sono le parole di un’altra donna.

Trezeguet ubriaco, così ha insultato i poliziotti: «Pezzenti, non guadagnate nemmeno duemila euro…»

Due notti fa David Trezeguet, ex giocatore della Juventus e attualmente dirigente sportivo, è stato fermato a bordo della sua Jeep in via Po, nel centro di Torino: sottoposto all’alcoltest, è risultato positivo ed è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza (ne abbiamo parlato su Leggo.it qui).

La patente gli è stata ritirata: ma l’ex bomber juventino rischia anche un’altra denuncia per gli insulti che avrebbe rivolto alle forze dell’ordine, che insistevano perché si sottoponesse all’alcoltest. «Non lo voglio fare, oppure lo faccio tra un’ora», avrebbe detto alle volanti, per poi aggiungere, visibilmente arrabbiato: «Siete dei poveracci, dei pezzenti, non guadagnate nemmeno duemila euro», secondo quanto ricostruito da Repubblica. Sottoposto al test del palloncino, Trezeguet è risultato tre volte positivo, con valori compresi tra 1,5 e 1,7, di gran lunga oltre il limite consentito.

Galeotta una degustazione di diverse annate di Barolo: insieme all’ex compagno di squadra nella Juve (e campione del mondo nel 2006 con la Nazionale italiana) Mauro German Camoranesi infatti era stato ospitato dagli amministratori comunali di Monforte d’Alba, nelle Langhe, per una cena in paese con degustazione di prodotti tipici e vino Barolo appunto. All’ex numero 9 della Juventus quel vino così buono e fruttato dev’essere andato decisamente di traverso.

Gianluca Vialli: «Ho il cancro. Non so come finirà la partita»

4132607_vialli_cancro_1Lotta da quasi un anno contro il cancro, Gianluca Vialli, e per la prima volta lo ammette pubblicamente. L’ex campione della Juventus ha scritto un libro su questa esperienza dolorosa. «Oggi sto bene ma ancora non so come finirà la partita», ha dichiarato in una lunga intervista a “Il Corriere della Sera” il commentatore sportivo popolare in televisione.

«Un’esperienza – spiega Vialli – di cui avrei fatto volentieri a meno. Ma non è stato possibile… E allora ’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa. Sapevo che era duro e difficile doverlo dire agli altri, alla mia famiglia. Non vorresti mai far soffrire le persone che ti vogliono bene: i miei genitori, i miei fratelli e mia sorella, mia moglie Kathryn, le nostre bambine Olivia e Sofia. E ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro».

Vialli si è anche sottoposto a un intervento per asportare il tumore e poi otto mesi di chemioterapia e sei di radioterapia. «Oggi – confida l’ex calciatore – sto bene. Anzi, molto bene. È passato un anno e sono tornato ad avere un fisico bestiale. Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita. Spero che la mia storia possa servire a ispirare le persone che si trovano all’incrocio determinante della vita. E spero che il mio sia un libro da tenere sul comodino, di cui leggere una o due storie prima di addormentarsi o al mattino appena svegli. Un’altra frase chiave, di quelle che durante la cura mi appuntavo sui post-it gialli appesi al muro, è questa: noi siamo il prodotto dei nostri pensieri. L’importante non è vincere; è pensare in modo vincente. La vita è fatta per il 10% di quel che ci succede, e per il 90% di come lo affrontiamo. Spero che la mia storia possa aiutare altri ad affrontare quel che accade.Vorrei che qualcuno mi guardasse e mi dicesse: è anche per merito tuo se non ho mollato».

Gigi Buffon papà a tempo pieno: giornata al mare col figlio Louis Thomas

41745217-720x340MARINA DI MASSA – Vacanze da papà per Gigi Buffon.
Messi da parte gli impegni sul campo da gioco, il portiere della Juventus e della Nazionale è partito per le vacanze assieme alla famiglia allargata, composta da Ilaria D’Amico, il piccolo Leopoldo Mattia, e i figli Louis Thomas e David Lee, nati dalla precedente relazione di Gigi con Alena Seredova.
Buffon è stato sorpreso mentre gioca divertito in riva al mare a racchettoni assieme a Louis Thomas, concludendo la partita con un bel tuffo in acqua.