La principessa Latifa, figlia dell’emiro di Dubai, denuncia: «Mio padre mi tiene prigioniera»

«Mio padre mi tiene prigioniera a Dubai, solo perché io voglio essere libera». A parlare è la principessa Latifa, figlia dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, l’emiro di Dubai. La ragazza, che poco tempo fa era ‘sparita’ facendo temere per le sue sorti, ha lanciato una richiesta d’aiuto con un videomessaggio girato clandestinamente.

5773287_principessa_latifa_1

Il grido d’aiuto della principessa di Dubai
Latifa Al Maktoum ha inviato i videomessaggi ad alcuni amici, che poi li hanno girati ad un programma della BBC. L’emittente britannica ha tentato di contattare l’emirato di Dubai e gli Emirati Arabi Uniti, che però non hanno voluto commentare.
«Sono segregata in una villa, trasformata in una prigione. Tutte le finestre sono sbarrate e non posso aprirle, ci sono sette agenti di polizia a controllarmi: due all’interno e cinque all’esterno» – il grido d’aiuto della giovane – «Mi sono rinchiusa in bagno per registrare questo messaggio, non ho altra scelta».

La principessa di Dubai e i tentativi di fuga
Latifa Al Maktoum, 35 anni, è figlia del reggente di Dubai e vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti, considerato uno degli uomini di Stato più ricchi al mondo, ma ha da sempre un rapporto molto conflittuale col padre. Già ad appena 16 anni, la ragazza aveva tentato di fuggire dalla sua ‘prigione dorata’, ma la prima, vera e concreta pianificazione risale al 2011. Dopo diversi anni, la principessa Latifa provò a scappare con la complicità della sua istruttrice di capoeira, Tiina Jauhiainen, e di un imprenditore francese, Herve Jaubert. Era il febbraio 2018 quando la principessa e la sua istruttrice, con un gommone, si erano recate in acque internazionali, dove le attendeva Jaubert su uno yacht battente bandiera statunitense. Dopo otto giorni, però, al largo dell’India, un commando aveva assaltato la barca, riportando la principessa a Dubai. Tiina Jauhiainen e Herve Jaubert furono detenuti per due settimane, ma della figlia dell’emiro non si seppe più nulla.

La preoccupazione per la principessa di Dubai
Nei vari messaggi in cui chiede aiuto, la principessa Latifa sostiene anche di essere stata drogata subito dopo essere stata riportata con la forza a Dubai. Ora, dopo quasi due anni di silenzio e preoccupazione, i messaggi della figlia dell’emiro angosciano ancora di più le persone a lei più vicine. Gli amici si sono organizzati per recapitare quei messaggi ai media occidentali, con lo scopo di allertare anche l’Onu. «Non so proprio cosa vogliano fare di me, la situazione peggiora giorno dopo giorno, sono stanca di tutto questo», spiega la principessa. Mentre la sua famiglia ha sempre ribadito che si trovi al sicuro insieme alla sua famiglia.

Francesco Totti e Ilary Blasi, nuova “figlia” in famiglia. Fan increduli: «Com’è possibile?»

Francesco Totti, Ilary Blasi compie un gesto inaspettato. Lui va fuori di sé: «Basta». La conduttrice romana ha sorpreso il marito con un gesto improvviso, lui però non l’avrebbe presa bene, rispondendo per le rime. Ma andiamo con ordine.

5771180_2217_ilaryblasi_totti

Nell stories di Instagram, Ilary Blasi ha condiviso un video in cui fa uno scherzo al marito. Francesco Totti è intento a prepararsi per uscire di casa. Lei gli arriva alle spalle con il telefonino e lo segue fino alla porta, poi quando lui si accorge della sua presenza gli chiede «Fashion or Trashion?» (il nuovo format di Ilary Blasi su Instagram).

Totti, però, non prende bene lo scherzo e sbotta: «E basta Ilary». Il video del piccolo diverbio fa il giro del web, l’ex capitano fa ancora gol.

Roberta Siragusa, in una foto spunta un ematoma. La mamma: «Ho davvero nutrito l’assassino di mia figlia?»

«Pietro Morreale era eccessivamente morboso con Roberta Siragusa». A dirlo sono gli amici della ragazza trovata morta in un burrone a Caccamo. Il fidanzato 19enne ha aiutato a trovare il corpo, ma non ha confessato. E tra gli atti dell’inchiesta c’è anche una foto acquisita da WhatsApp che mostra un ematoma al viso della ragazza. Intanto, la mamma della 17enne, consapevole di aver accolto in casa il possibile assassino di sua figlia, non se ne capacita: «Era sempre a casa nostra».

Roberta-Siragusa-morta (1)

ROBERTA SIRAGUSA, LA FOTO DEL LIVIDO
Da una foto su Whatsapp, finita negli atti delle indagini, è emerso un livido che potrebbe svelare qualcosa in più sul rapporto tra Roberta e il fidanzato, fermato con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. I fatti risalirebbero al giugno scorso e secondo gli amici interrogati dalle forze dell’ordine sarebbe stato provocato da Morreale. «Provava un sentimento morboso nei confronti della vittima», si legge nel provvedimento che ha portato al fermo. In base alle testimonianze raccolte, ci sarebbero stati diversi episodi di violenza fisica e anche minacce nei confronti della ragazza.

ROBERTA SIRAGUSA, IL DOLORE DELLA FAMIGLIA
«Pietro stava sempre con noi. Da un anno e mezzo, uno di famiglia», ha dichiarato al Corriere della Sera Iana, la madre di Roberta Siragusa. «Era spesso qui a tavola. Lo conoscevamo bene. E in paese ci conosciamo tutti, come ripeto all’avvocato, anche lui di Caccamo, chiedendogli se davvero abbiamo nutrito l’assassino della nostra bambina…Tra loro “liti fisiologiche”, cose compatibili per due ragazzi che dopo un quarto d’ora fanno pace e passa tutto. Chi avrebbe mai potuto pensare…»

ROBERTA SIRAGUSA, PARLA LA MAMMA DI PIETRO
Questa storia ha distrutto due famiglie. È intervenuta anche la mamma di Pietro: «Si sono fermate anche le nostre vite. Come mamma vorrei abbracciare Iana che conosco bene. Lo so che è difficile. Ma, se potessi, vorrei confortarla e prendermi tutto il suo dolore. Abbiamo il cuore spaccato. Cos’è successo a questi due ragazzi che stavano sempre insieme?».

Giorgia Palmas positiva al Covid dopo Filippo Magnini: ecco come sta la figlia di appena 3 mesi

Giorgia Palmas positiva al Covid. Dopo l’annuncio della malattia del compagno Filippo Magnini anche per l’ex velina è arrivata la brutta notizia nel giorno di Natale. Ad annunciarlo è stata lei stessa con un lungo post su Instagram in cui ha informato i followers del suo stato di salute e di quello di tutta la famiglia.

40115439_2194008547584283_5983997201292984320_n

«Io e Fili non volevamo nulla da questo Natale, solo stare tra di noi a casa, rispettando le regole come abbiamo sempre fatto, invece è arrivata la doccia fredda prima della positività al covid di Fili e poi della mia positività (ieri)…», ha annunciato su Instagram dopo aver fatto gli auguri a tutti i followers sottolineando che questo sarà per tutti un Natale particolare, diverso ma che permetterà di riscoprire il senso della famiglia.

Giorgia ha rassicurato sulle condizioni di salute di tutti i suoi cari: «Al momento cmq stiamo bene, spero di continuare così… Fortunatamente le bimbe stanno bene, Sofia già da qualche giorno era via da casa per passare questo Natale con il suo papà e ieri è risultata negativa al tampone, la nostra piccola roccia Mia non ha alcun sintomo e sta benone… prego Dio che tutto prosegua bene, non chiedo altro». Poi conclude: «Le preoccupazioni ci sono è ovvio ma anche la positività di spirito e la voglio tenere stretta tra le mani ora più che mai. Adesso per questo Natale ho un desiderio e credo che tutti abbiate già capito quale».

Kobe Bryant, la figlia Vanessa contro la madre: «Dopo il dolore per la morte di Kobe e Gianna, le tue pretese assurde»

Vanessa Bryant contro la madre. Non ha finito di piangere la morte imprevista e accidentale del marito, la star del basket Kobe e della figlia maggiore Gianna, 13 anni, avvenuta il 26 gennaio 2020, che deve fronteggiare la peggiore delle liti familiari: madre contro figlia. Vanessa Bryant ha contro-querelato la madre, Sofia Laine, per le pretese che la donna avrebbe circa il mantenere il suo status.

x5651541_1920_vanessa_laine_3.jpg.pagespeed.ic.qOxbMrv8Cp

«Kobe mi aveva promesso che si sarebbe occupato di me tutta la vita. Dopo che è morto mia figlia mi ha messo alla porta» ha sintetizzato lei presentando la prima causa legale. «Ho fatto da baby sitter per i figli di Vanessa e Kobe (tre, ndr) per 18 anni, senza risparmiarmi e senza compensi, neppure durante le festività» insiste lei.

«Ci siamo presi cura di mia madre per vent’anni. Non è mai stata la nostra baby sitter, siamo stati noi ad avere cura di lei, adesso vuole solo estorcermi denaro. Si è occupata delle prime due bambine solo a tempo parziale. Io non ho avuto altri figli dal 2006» ha replicato Vanessa, adendo a vie legali. «Le sue pretese sono puerili, scandalose, ma mi fanno molto male» ha concluso.

Sandra Milo da Barbara D’Uso per la foto senza veli, il malinteso a Pomeriggio 5: «Non è educato ridere così». E la figlia risponde alle critiche

Sandra Milo, ospite di Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, difende la sua scelta di posare seminuda a 87 anni. «Bisogna fare quello che ci piace fare e che non fa male a nessuno», spiega l’attrice in merito alla copertina del magazine “Flewid”. E poi racconta come è andata: «È stato un caso, dovevo fare le foto con degli abiti. Indossavo tela cerata, ma faceva un caldo. Me la sono levata e mi sono coperta con un lenzuolo. La fotografa ha iniziato a scattare e lì ci abbiamo giocato».x5639465_1848_sandra_milo_barbara_durso_foto_senza_veli_pomeriggio5.jpg.pagespeed.ic.DtnLy6eXBd

Poi l’attrice sottolinea che le foto non sono ritoccate e che fra 13 anni compirà 100 anni e vorrà festeggiare da Barbara D’Urso. A un certo punto, però, cala la tensione. Sandra Milo fraintende una risata di Francesca De Andrè, presente in studio e la riprende: «Non è educato ridere così, però ridi». Ma è Roberta Beta che fa una critica per quel servizio fotografico: «Quella posa non mi piace, è un tuffo al cuore, è sgraziata per lei che invece è elegante. Non c’entra con l’età. Solo una ballerina come Eleonora Abbagnato potrebbe fare una foto del genere». E De Andrè rincara la dose: «Uno non può non aspettarsi che una foto a gambe aperte non venga criticata».

Pacata la replica della protagonista: «Rigranzio chi mi critica, mentre un sacco di gente ha preso le mie difese. Interviene anche la figlia Azzurra: «Io ero divertita, in due giorni mamma ha acquistato 2.500 followers. Ogni donna può essere bella a qualsiasi età».

Infine qualche gossip sulla vita privata: «Non condivido l’intimità, ma ho un’amicizia amorosa con uno di 50 anni. Mi dice delle cose bellissime». Poi si rivolge alla conduttrice: «Ma vuoi che ce labbia con uno dell’età mia, hai visto come sono vecchi quelli dell’età mia. Mi ha regalato l’anello. Sto cercando di venderlo perché ho qualche difficoltà». «Mamma te lo impedirò, regalalo a me», aggiunge la figlia scatenando la risata in studio.

Video hard di una dottoressa sul web, 10 indagati: anche ex calciatore del Brescia e la figlia di un allenatore

Alcuni video hard di una dottoressa bresciana 40enne erano diventati pubblici e virali finendo sui telefonini di migliaia di persone prima in città, poi in Italia e anche all’estero: dopo la sua denuncia per il caso di revenge porn, la Procura di Brescia ha iniziato ad indagare. E le indagini si sono concluse nei giorni scorsi, con l’iscrizione nel registro degli indagati di ben 10 persone, come riporta il Giornale di Brescia.

x5635111_1745_video_porno_dottoressa_brescia.jpg.pagespeed.ic.hYkBpR1cye

Si tratta di otto uomini e due donne: tra essi un ex calciatore del Brescia, la figlia di un allenatore di calcio che conosceva bene il marito della vittima, un personal trainer e anche un agente di polizia locale di origini piemontesi. La vittima, una volta diventato il caso di dominio pubblico, era stata licenziata «per danno di immagine» dallo studio dove lavorava. Tutti gli indagati ora avranno venti giorni di tempo per farsi interrogare dal pm Benedetta Callea o per depositare memoria scritta.