Bianca Guaccero, Detto Fatto cancellato da Rai 2? «Ecco la verità…»

Su Leggo.it le ultime novità. Detto Fatto cancellato da Rai 2? Bianca Guaccero rivela: «Ecco la verità…». Poche ore fa, è circolata sul web la notizia sulla presunta chiusura del factual show condotto dall’attrice pugliese. Secondo i rumors, Detto Fatto avrebbe chiuso a maggio, per lasciare il posto a settembre a un nuovo show condotto forse da Paola Perego. A stretto giro, però, è arrivato un post di Bianca Guaccero che avrebbe chiarito la situazione.

5013660_2134_biancaguaccero_smentita_dettofatto

Ecco le parole di Bianca Guaccero: «DETTO FATTO È QUA… E CI RESTA! Grazie ragazzi!!! A domani!!! ». Insomma, il post della conduttrice suonerebbe come una smentita. Detto Fatto rimarebbe su Rai 2, per la gioia dei fan.

Le parole di Bianca Guaccero arrivano dopo giorni di rumors secondi i quali l’attrice avrebbe già firmato un contratto con Sky per la prossima stagione. Rumors che il post di stasera smentirebbe definitivamente. Staremo a vedere.

Meghan Markle torna a recitare in Suits? La proposta di contratto davvero stellare

markle-988x615Meghan Markle potrebbe tornare a recitare in un nuovo episodio di Suits, la serie tv che l’ha fatta conoscere al grande pubblico.

La produzione di Universal sarebbe pronta a venire incontro a tutte le esigenze della moglie del principe Harry, nonché a sborsare cifre a nove zeri pur di vederla tornare a vestire i panni del personaggio di Rachel Zane.

Maria Teresa Ruta: «Sono sparita dalla Rai perché rifiutai un dirigente»

maria-teresa-ruta-accumulatrice-serialeNon ha finalmente più paura di parlare Maria Teresa Ruta che dopo Pechino Express – e la vittoria in coppia con Patrizia Rossetti – può confessare perché a 44 anni e con una carriera lunga e proficua di colpo è stata allontanata da Viale Mazzini. La conduttrice 58enne ha rilasciato una intervista rivelatoria al magazine Spy in cui ha svelato uno spiacevolissimo episodio vissuto 14 anni fa dal retrogusto piccante… o forse sarebbe meglio dire viscido.

La moglie di Amedeo Goria era a fine contratto, così “nel 2004 un dirigente Rai mi ha convocata nel suo ufficio per discutere del rinnovo del contratto, ma è successa una cosa spiacevole e decisamente grave. Questa persona, che conoscevo da una vita, si è approcciato a me in una maniera assolutamente poco professionale e sbagliata. Non si è trattato solo di parole, ma anche di un approccio fisico pesante”.

Modella di 14 anni collassa e muore dopo 13 ore di sfilate no-stop

Sul suo contratto c’era scritto che doveva lavorare un massimo di tre ore al giorno, in realtà ne passava almeno 12 sfilando, senza assicurazione medica né giorni di festa. Venerdì, dopo l’ennesima, estenuante giornata passata in passerella a Shanghai è collassata e, dopo due giorni di coma, è morta.

russian-mode-vlada-dzyuba-201547

Vlada Dzyuba aveva solo 14 anni, veniva dalla città russa di Perm, e da tre mesi era impegnata in una serie di sfilate in Cina. Secondo la prima ricostruzione medica la giovane soffriva di meningite cronica ed esaurimento nervoso. Adesso è partita un’indagine, che ha riaperto il dibattito sulle condizioni di lavoro, anche minorile, nel mondo della moda. Mosca ha chiesto chiarimenti alla Cina e alla società per cui Vlada lavorava. Sulla vicenda sta indagando anche l’autorità del Cremlino sui diritti umani, Pavel Mikov.
Secondo le prime ricostruzioni, la 14enne non aveva un’assicurazione medica e il decesso è stato causato da una meningite cronica, aggravata da un grave esaurimento nervoso. A riportare la notizia sono i tabloid britannici, che citano una ricostruzione del The Siberian Times, secondo cui la ragazza aveva la febbre altissima quando ha iniziato a sfilare. Dodici ore dopo, è collassata per la stanchezza. La madre, disperata, ha raccontato che Vlada le diceva sempre che si sentiva stanca, e che voleva dormiva. «Io la pregavo di andare all’ospedale». La donna stava cercando di ottenere un visto per raggiungerla. Il capo dell’agenzia di moda che aveva dato a Vlada la possibilità di partire per il suo viaggio di lavoro, Elvira Zaitseva, ha ammesso di non aver controllato il contratto della ragazzina: «Adesso raccogliamo ciò che abbiamo raccolto».