Caterina Balivo confessa in diretta: «Mio marito è andato via di casa, viviamo separati per sicurezza»

Caterina Balivo e il marito Guido Maria Brera vivono in due case diverse. È stata la stessa conduttrice a confessarlo nel corso della puntata di oggi di “Vieni da me”. «Mio marito è andato via», ha dichiarato intervistando Maurizio Costanzo. Si tratta di una separazione temporanea iniziata subito dopo la quarantena, il 4 maggio, quando la Balivo ha ricominciato a lavorare negli studi Rai. Una notizia che è arrivata all’improvviso e che ha incuriosito lo stesso Costanzo.

5251015_1644_caterina_balivo_marito_fuori_casa_coronavirus

Il giornalista le ha chiesto di fare i complimenti al marito per la serie tv “Diavoli” e la conduttrice di Rai Uno ha risposto spiegando che lei e Brera non sono più conviventi. «Glieli farò allora, ma sappi che è andato via di casa dal 4 maggio, da quando ho ricominciato a lavorare per stare in sicurezza». Finito il lockdown, entrambi hanno ricominciato a lavorare, ma hanno deciso di stare lontani perché il pericolo del coronavirus è ancora molto presente. Si ricongiungeranno quando la conduttrice terminerà la stagione di “Vieni da me”:

«Visto che il Covid-19 c’è ancora – ha aggiunto – lui ha preferito andare in un’altra casa. Se ne è andato e ci ricongiungeremo una settimana dopo la fine della trasmissione; è un po’ ipocondriaco», ha spiegato la Balivo. La scelta è stata fatta anche per il bene dei due figli.

Belen Rodriguez confessa: «I primi tempi che stavo con Stefano provavo ad imitare Emma»

Belen Rodriguez racconta della sua storia con Stefano De Martino quando era agli albori. La showgirl e il ballerino di Amici si sono conosciuti durante la trasmissione di Maria De Filippi, quando Stefano era fidanzato con la cantante Emma, per questo la nascita del loro amore infiammò le pagine di gossip.

5136354_1044_belen_rodriguez_emma_stefano_de_martino

A distanza di anni i due sono una coppia salda, hanno un figlio, hanno superato molte difficoltà, ma Belen confessa un particolare di cui non aveva mai parlato. La Rodriguez ammette di aver tentato di copiare Emma all’inizio della sua relazione con Stefano: «Cantavo sempre a casa, la copiavo», spiega in un’intervista al settimanale Chi. «Quando mi sono fidanzata con Stefano, lui stava con Emma e io con Fabrizio. Poi è successo quello che è successo. Ci mettiamo insieme e io cantavo a casa, perché lui aveva accanto una cantante bravissima che tra l’altro ascoltavo e stimo tantissimo e io cantavo perché dicevo quella là è forte, io volevo essere brava anche in quel settore. E la copiavo. Quando ti innamori cerchi di emulare i suoi ex».

Belen ha quindi ammesso di aver temuto, in un certo senso, il confronto con Emma. Poi è tornata a parlare del periodo della separazione con De Martino: «Io ero arrabbiata. La verità è che molto spesso noi utilizzavamo il tempo dello scambio di Santiago per farci delle chiacchierate e alla faccia di tutti di farci un pranzo insieme. Quando stavo con lui stavo benissimo, poi me ne andavo e le paure mi mangiavano il cervello. Pensavo magari se mollo l’indipendenza che ho acquisito e ritorno dipendente da lui che guaio se poi non va bene. Lui è uno tosto, mi sa tenere testa e non è facile per niente», poi conclude ammettendo di voler dare un fratellino o una sorellina a Santiago.

Francesco Totti, Ilary Blasi confessa: «La nostra storia era destinata a finire… saremmo impazziti»

«La nostra storia sembrava destinata a finire», così Ilary Blasi parla del rapporto con suo marito Francesco Totti in un’intervista rilasciata al settimanale “Oggi”. La conduttrice si è lasciata andare anche a qualche piccolo rimpianto di tipo professionale. E sugli ascolti deludenti di “Eurogames”, il nuovo “Giochi senza Frontiere”, resta diplomatica: «Ho rimesso in piedi un gioco amarcord che può piacere o no, ma mi assumo il rischio perché l’ho fortemente voluto. Va bene, va male? In ogni caso ce ne faremo una ragione».

Totti-Blasi

Dal punto di vista professionale la signora Totti ammette di sognare il grande schermo e di non sentirsi realizzata: «Da un po’ il cinema mi incuriosisce, prima non ci pensavo proprio. Ma non mi chiama nessuno!». Un piccolo rimpianto per una donna di innegabile successo: «Mi vergogno quasi a esprimere altri sogni, ma non nascondo che superato un obiettivo me ne prefiggo subito un altro. Se no che noia sarebbe la vita! Mi piace spingermi sempre oltre e avere nuove mete perché ho fame, non mi sento arrivata. Mi sento a metà percorso. Ma non è necessariamente solo di tv che parlo».

Sul programma che conduce su Canale 5 aggiunge: «Adoro il rischio, l’imprevisto, non voglio essere scontata. Mi piace osare anche con l’abbigliamento e se piovono le critiche vado dritta. Non è che muore qualcuno, sono altre le tragedie!… Dati e risultati li lascio agli altri, non ci ho mai badato. Il dato di ascolto certamente è importante, non lo nego. Ma la personalità è più importante ancora».

Infine sul matrimonio con il Pupone spiega: «La vita privata è stata impegnativa: eravamo giovani e ogni Velina e ogni Letterina si metteva col calciatore. Era un binomio scontato, erano storie che poi magari duravano poco. Anche per questo motivo venivano additate spesso terze persone fra noi. Se non fossimo stati saldi, saremmo impazziti… evidentemente era più forte il nostro mondo “interno”, visto che siamo ancora qui… È subentrata la protezione verso ciò in cui credevamo, spontaneamente, inconsciamente. Abbiamo sempre avuto una vita normale con i nostri amici, la nostra famiglia. Francesco, pur essendo “il Capitano”, provava a vivere la sua normalità. Ed è stata la protezione reciproca che ci ha salvati».

Elena Santarelli confessa a Paola Perego: «Ho voluto vedere il tumore di Giacomo»

Elena Santarelli torna a parlare del tumore del figlio a Non Disturbare, il programma condotto da Paola Perego in seconda serata su Rai 1. La show girl racconta della battaglia accanto al suo piccolo Giacomo al quale era stato diagnosticato un tumore cerebrale.

333802

Dopo il ricovero e le cure, ora il bambino sta bene ed Elena Santarelli può sperare in un futuro migliore. “Per i prossimi cinque anni e per altri anni seguiranno dei controlli in cui si spera che non si ripresenti più quella cosa lì” ha raccontato. Nel corso della chiacchierata con Paola Perego, la Santarelli ha anche fatto una rivelazione: “Ho visto il tumore che Giacomo aveva, l’ho visto in fotografia. Me lo immaginavo diversamente, era orrendo! Però una volta che l’ho visto mi sono data pace”.

Barbareschi parla degli abusi subiti a 7 anni: “Mia mamma? Disse che mi piaceva”

Luca Barbareschi si confessa al Maurizio Costanzo Show e racconta degli abusi subiti da bambino. L’attore è stato syuprato quando aveva solo 7 anni e ha raccontato le ferite che questo dramma gli ha lasciato indelebili. Racconta anche il rapporto con la madre, un rapporto complesso, e per alcuni aspetti difficile: «Io ringrazio mia madre che aveva un carattere terribile.

image (11)

Avevo 6 anni, una mattina è venuta e mi ha detto: ‘Divorzio’, io non capivo cosa volesse dire e lei ha aggiunto: ‘La Sacra Rota ha fatto tutto’. Io ho pensato a una ruota enorme che divideva in due tutta la famiglia. Poi mi ha detto che sarebbe andata a Roma con mia sorella. E io? E lei mi fa: ‘Eh caz**, non è che andiamo tutti a Roma adesso’. È andata via e non è più tornata».
Barbareschi però sottolinea di aver sempre amato la madre e di dover ringraziare lei per il grande amore che ha per la lettura: « Quando andò via mi regalò un romanzo. Quando parlava con me si annoiava, era una donna colta ma un po’ distratta. Pensava ad altro, non gliene fregava niente. Allora mi dava dei libri e mi diceva ‘Tieni, leggi’. Una volta per sbaglio mi diede una coltellata sul sopracciglio. Le dissi che sanguinavo e rispose: ‘Metti il nastro adesivo e leggi ‘Incompreso’ così la smetti di lamentarti’. Quando se ne andò di casa, invece, mi disse ‘Leggi ‘Cent’anni di solitudine’ ti piacerà». Poi racconta di come la donna prese la notizia sui suoi abusi. Dopo la pubblicazione del libro in cui ne parlava, ammette di essersi sentito orgoglioso, ma la risposta della donna fu: « ‘Cos’è sta storia che andavi con gli uomini quando eri piccolo?’ e io: ‘Veramente mamma avevo 7 anni, sono stato violentato’. Lei continuò: ‘Sì ma c’è scritto per tre anni e allora ti piaceva, non rompere i cogl*** via’».

Ilary Blasi si confessa: “Totti in tv con me? Che pall*. Ce l’ho già tutto il giorno a casa”

“Sono una fedele. Nel lavoro come nel matrimonio. Il mio lavoro poi lo faccio come un hobby, piacevole e divertente. La vita vera è altro: la famiglia, ingombrante e ben più impegnativa”. Ilary Blasi, tornata alla conduzione de “Le Iene”, si confessa in un’intervista a “La Stampa”: “Passaparola il mio accesso a questo mondo.

blasi518

Che tempo che fa un cambio di passo importante per una ex Letterina. Il Festival di Sanremo 2006 la svolta. Infatti subito dopo sono arrivate Le Iene , il primo programma da conduttrice”.
Al suo fianco a “Le Iene” diversi compagni, da Luca e Paolo (“Luca e Paolo, la mia palestra, veloci, mi hanno insegnato ad affrontare gli imprevisti. Non è stato facile inserirsi: il programma lo conducevano da tempo e, pur molto diversi, sono una coppia molto unita”), a Enrico Brignano (“Una macchina: preciso, pignolo, preparato. Con lui non esisteva improvvisazione. Romano ma laziale. Di calcio non ci capisco, non ho mai toccato l’argomento. Ma siamo entrambi del Toro, pigri e golosi”) passando per Matano e Morelli: “Frank lo sento davvero un po’ un figlio che ho visto crescere. Morelli simpatico, un superprofessionista attento al testo. Io e Frank facevamo la figura dei caciaroni”.
Ora è tornato Teo Mammucari: “Un amico vero, l’unico con cui ci si frequenta. Io ho un carattere morbido, mi adatto, lui non è facile da prendere. Ho messo subito in chiaro alcune cose. Ci siamo annusati, capiti e da allora siamo amicissimi”.
Il marito Francesco Totti è stato a Sanremo (“Io che lo conosco bene, conosco anche le sue battute. Ironia e simpatia non le impari per mestiere: le hai o non le hai. Lui ci è nato”), ma non lo vorrebbe al suo fianco alle Iene: “Che palle. Ce l’ho già tutto il giorno a casa”.