Tradimenti, boom a Natale: 4 su 10 comprano il regalo anche all’amante. Budget minimo? 100 euro

Quanti sono i traditori di Natale? Secondo un sondaggio condotto da Incontri-ExtraConiugali.com su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 24 ed i 65 anni, in occasione della cena aziendale di Natale a tradire sono 7 italiani su 10.

PicsArt_12-10-04.39.34-640x427

«Una tendenza che, indipendentemente dall’emisfero e dal clima, vale a livello globale perché il Natale è un momento di svago che molti sfruttano per liberare lo stress dell’intero anno» spiega Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com, il sito più sicuro dove cercare un’avventura in totale discrezione e anonimato.

Il sondaggio di Incontri-ExtraConiugali.com ha anche rivelato che 4 italiani su 10 acquistano un regalo di Natale anche per l’amante e che sono le donne a spendere di più rispetto agli uomini. Le donne hanno indicato un budget minimo di 100 euro per il regalo al loro “uomo clandestino”, confessando che uscire per comprare i regali è per loro l’alibi perfetto per incontrare i loro amanti.

«Ma anche le feste organizzate dall’azienda sono la scusa perfetta per divertirsi senza il proprio partner e per interagire in maniera rilassata con i colleghi in un contesto meno formale rispetto a quello di lavoro» puntualizza Alex Fantini.

Mamma abusa della figlia e manda video e foto porno all’amante. Il marito la scopre e la fa arrestare

4380992_0917_fffUna brutta storia di degrado, declinata ai tempi dei social. Una madre che abusa della figlia minore, che si fa ritrarre in alcuni video, che vengono poi trasmessi all’amante. Una madre che è stata arrestata, con un fermo di polizia, che questa mattina si ritrova dinanzi al gip D’Auria del Tribunale di Napoli.

Brutta storia, siamo tra San Giovanni a Teduccio e Barra, quando intervengono gli uomini del commissariato locale, accanto agli specialisti di via Medina. Finisce in carcere la donna, mentre la bambina è sotto strettissima osservazione. Storia di pedofilia, elementi raccapriccianti, che emergono grazie alla denuncia del marito della donna e padre della bambina. In sintesi, la donna sarebbe stata adescata attraverso i social, poi avrebbe incontrato anche il suo amante, che l’avrebbe indotta a trasmettere foto e video a sfondo pornografico. Fin qui, siamo in uno scenario di ordinario degrado, che neanche avrebbe richiesto l’intervento della polizia. Ma quello che viene raccontato nella denuncia ha fatto scattare immediate contromosse da parte degli inquirenti.

Violenza su minore, traffico di foto a sfondo pedopornografico, un’altra brutta storia a danno di una piccola di soli otto anni. Questa mattina l’attesa per la convalida del fermo.