“Temptation Island”, Selvaggia pronta alle nozze… ma spunta un video senza veli

I “lenticchi” Selvaggia e Francesco sono stati tra i protagonisti indiscussi di “Temptation Island”. Il loro rapporto fatto di litigate furiose e riavvicinamenti strappalacrime ha fatto sognare i telespettatori e nella puntata finale è arrivato anche l’happy end: una proposta di matrimonio. Ora dal passato della futura sposa è spuntato un video senza veli, girato nel 2010 per il rapper Diluvio. Scatenerà la gelosia del fidanzato?

C_2_articolo_3088029_upiImagepp

Nel 2010 Selvaggia è stata protagonista del video “Li lascio fare” del rapper romano Diluvio. Nella clip (che non ha nulla a che fare con un sextape) si vede la ragazza sotto le lenzuola con il rapper, con indosso solo un perizoma. Una volta uscita dal letto però vola via anche quello e la scena si sposta sotto la doccia, per poi proseguire con altri siparietti bollenti in auto e sul divano.

‘Raz e` strano e l’amore con Paola e`…’, la confessione di Stefano Bettarini dopo L’Isola dei famosi

Raz e` strano e l’amore con Paola e`…’, la confessione di Stefano Bettarini dopo L’Isola dei famosi Ai microfoni di Alfonso Signorini Bettarini parla delle sue esperienze al Gf Vip e all’Isola dei Famosi: tra una frecciata ad Andrea Damante e l’altra, l’ex calciatore ha anche parlato di Raz Degan e del suo rapporto con Paola Barale.

2588372_15_20170728092031 (1)

Stefano Bettarini, intervistato da Alfonso Signorini nel programma gossipparo #Estate, ha ripercorso con il direttore di Chi i due ultimi reality a cui ha preso parte, in vesti diverse: concorrente al Grande Fratello Vip e inviato de L’Isola dei famosi.
L’ex calciatore è stato uno dei protagonisti -nel bene e nel male- del Grande Fratello Vip e nonostante tutto ha affermato che ripeterebbe l’esperienza: “È una cosa pazzesca, provi emozioni fortissime. Mi sento ancora con le persone che sono state più rappresentative per me nella casa: Elenoire, le Mosetti, Bosco e tutti gli altri. (…) L’unico che non sento è il ragazzino di cui ora mi sfugge il nome, no dai Andrea Damante. Non l’ho più sentito”
La vecchia ruggine con Damante non si è affatto ricomposta, a quanto sembra. Bettarini approfitta anzi per lanciare qualche altra frecciata affermando “Forse ora fa il dj. Sì, un po’ tutti fanno i dj, si dilettano a registrare nelle chiavette della musica, è una moda, passerà anche quella”
Per quanto riguarda l’Isola, Bettarini ha affermato che l’esperienza è stata più dura ed intensa del previsto, poi parlando dei naufraghi ha commentato anche il percorso del vincitore, Raz Degan: “Raz non l’ho sentito, ma lui è sempre stato un po’ strano, finita quest’esperienza ognuno di noi ha bisogno del suo tempo per disintossicarsi e fare le cose che ama. Quello tra Raz e Paola è un rapporto speciale, un sentimento profondo che va oltre il riavvicinamento sentimentale. C’è grande rispetto. E’ sempre bello vederli insieme”
In chiusa, Bettarini ha smentito decisamente l’ipotesi che il figlio Niccolò partecipi al Grande Fratello Vip: nè lui nè la ex moglie Simona Ventura sono d’accordo e a quanto pare non lo è neanche lo stesso Niccolò, che non ha voglia di farsi etichettare solo come “figlio di”. La storia con Nicoletta Larini, fashion designer, prosegue a gonfie vele: i due, secondo le indiscrezioni, sarebbero pronti per una convivenza.

Alba Parietti, fisico al top a 56 anni al sole della Versilia

VERSILIA – Anche per Alba Parietti è arrivato il tempo sulle vacanze.

2582353_1329_alba_parietti_bikini (1)

Qualche giorno fa la showgirl ha rilasciato alcune dichiarazioni circa il suo rapporto sul sesso (“Se non provo un sentimento non riesco neanche ad affrontare il sesso, il letto per il letto non mi interessa, preferisco arrangiarmi da sola, almeno dopo non ho il problema di doverlo cacciare per dormire da sola o di rovinare un’amicizia.
Oggi invece si pratica lo scambio sessuale più violento e consumistico”) che hanno destato qualche clamore ed ora è stata sorpresa mentre, in ottima forma a 56 anni, si gode il sole della Versilia in uno stabilimento vip.

Violante Placido: “Io vittima dei bulli, nessuno voleva essermi amico”

“Pur nella condizione privilegiata di figlia di attori ed emigrante di lusso, mi sentivo diversa: ero la straniera stralunata, che si vestiva strana, parlava strano e nessuno voleva essermi amico”, confessa Violante Placido in un’intervista rilasciata a Candida Morvillo per l Corriere della Sera.

© Piergiorgio Pirrone - LaPresse 31-08-2011  Venezia Lido spettacolo 68esimo Festival del cinema di Venezia  Red carpet del film Le idi di marzo che inaugura il 68esimo festival del cinema di Venezia. nella foto: Violante Placido © Piergiorgio Pirrone- LaPresse 31-08-2011  Venice Lido 68 Venice Filmfestival "The ides of march"  for the opening red carpet of the 68Venice cinema festival. In the picture: Violante Placido

L’attrice racconta di essere stata vittima dei bulli quando si è trasferita negli Stati Uniti e ha frequentato una scuola a Los Angeles. “Le altre ragazzine – continua – già si depilavano, alcune portavano lenti a contatto colorate. Io ero intimidita, impaurita, e troppo orgogliosa per fare il primo passo”.
“Mi facevano piccoli ricatti, sottili violenze psicologiche, non fisiche. Il rappresentante di classe aveva il compito di fare l’appello e mi faceva mettere in punizione per ritardi minimi. Oppure qualcuno m’invitava al cinema, ma a patto che lo facessi copiare in spagnolo, in cui ero la prima della classe. Mi offrivano amicizia sotto forma di ricatto. E se invece, in classe, davo aiuto a quelli più emarginati di tutti, facevano la spia”.
Violante ha un figlio di tre anni che sta educando a vivere il rapporto con gli altri in maniera sana: “Per ora, Vasco è solare, giocherellone e ha un suo senso di giustizia innato: una volta, un amichetto ha strappato un gioco a una bambina e lui è intervenuto, ha detto ‘ridaglielo, è suo’. Cerco innanzitutto di essere io per prima rispettosa nei suoi confronti. Non puoi chiedere a un bimbo di essere giusto se il senso di giustizia glielo insegni con la coercizione. E se gli trasmetti autostima, sarà difficile che senta il bisogno di prevaricare qualcuno”.

Barbareschi parla degli abusi subiti a 7 anni: “Mia mamma? Disse che mi piaceva”

Luca Barbareschi si confessa al Maurizio Costanzo Show e racconta degli abusi subiti da bambino. L’attore è stato syuprato quando aveva solo 7 anni e ha raccontato le ferite che questo dramma gli ha lasciato indelebili. Racconta anche il rapporto con la madre, un rapporto complesso, e per alcuni aspetti difficile: «Io ringrazio mia madre che aveva un carattere terribile.

image (11)

Avevo 6 anni, una mattina è venuta e mi ha detto: ‘Divorzio’, io non capivo cosa volesse dire e lei ha aggiunto: ‘La Sacra Rota ha fatto tutto’. Io ho pensato a una ruota enorme che divideva in due tutta la famiglia. Poi mi ha detto che sarebbe andata a Roma con mia sorella. E io? E lei mi fa: ‘Eh caz**, non è che andiamo tutti a Roma adesso’. È andata via e non è più tornata».
Barbareschi però sottolinea di aver sempre amato la madre e di dover ringraziare lei per il grande amore che ha per la lettura: « Quando andò via mi regalò un romanzo. Quando parlava con me si annoiava, era una donna colta ma un po’ distratta. Pensava ad altro, non gliene fregava niente. Allora mi dava dei libri e mi diceva ‘Tieni, leggi’. Una volta per sbaglio mi diede una coltellata sul sopracciglio. Le dissi che sanguinavo e rispose: ‘Metti il nastro adesivo e leggi ‘Incompreso’ così la smetti di lamentarti’. Quando se ne andò di casa, invece, mi disse ‘Leggi ‘Cent’anni di solitudine’ ti piacerà». Poi racconta di come la donna prese la notizia sui suoi abusi. Dopo la pubblicazione del libro in cui ne parlava, ammette di essersi sentito orgoglioso, ma la risposta della donna fu: « ‘Cos’è sta storia che andavi con gli uomini quando eri piccolo?’ e io: ‘Veramente mamma avevo 7 anni, sono stato violentato’. Lei continuò: ‘Sì ma c’è scritto per tre anni e allora ti piaceva, non rompere i cogl*** via’».

Selfie. Stefano parla del figlio, Belen si commuove: ecco cosa ha detto

La storia di Lorenzo, ventenne che ha sempre sofferto per un difetto all’occhio risolto grazie al mentore Stefano De Martino, ha commosso tutti, soprattutto per le parole che Stefano ha voluto dire a Lorenzo sul rapporto con il padre.

41324166 (1)

La grande sensibilità dimostrata dal ballerino e quello che ha detto su suo figlio Santiago hanno commosso il pubblico e anche Belen Rodriguez.
Non perdete altro tempo. Nella mia vita il rapporto più bello che ho è quello con mio figlio, che è una cosa che mi riempie la vita tutti i giorni. Fare il padre e la madre non è semplice, molte volte uno dei due deve essere quello un po’ più duro, però non può non amarti. Sono sicuro che tuo padre ti ama tanto, dovete solo trovare la via giusta per condividere tutto e recuperare il tempo che avete perso.
Le lacrime in studio scendono copiose, ma anche Belen dalla sua saletta del trucco viene pizzicata dalle telecamere con gli occhi lucidi, visibilmente toccata dalle parole dell’ex marito sull’essere genitori e su suo figlio. La coppia non ha solo seppellito l’ascia di guerra, ma può anche permettersi senza timore di esternare il dispiacere per la fine di una relazione dolorosa per tutti, ma soprattutto per il figlio.

“Domenica Live”, Marina La Rosa: “Pietro Taricone mi aiutò dopo il Gf”

Ospite di “Domenica Live” Marina La Rosa, la ‘gattamorta’ del primo Grande Fratello, ha ricordato Pietro Taricone a quasi sette anni dalla scomparsa. Dentro la Casa i due si avvicinarono molto e il rapporto speciale continuò anche fuori. “Ci vedevamo spesso da soli” ricorda lei “Un giorno piangevo, era un periodo difficile, e lui semplicemente mi abbracciò. Fu un gesto paterno, Pietro era una persona meravigliosa”.

MarinaLaRosa-vi

Dopo la fine del reality Marina fu travolta dalla notorietà improvvisa che le aprì molte porte, come un calendario super se. xy, ma che le procurò anche problemi di salute. Proprio in quel momento la presenza di Taricone fu fondamentale per lei.
“Fu un periodo molto confuso, ero una persona comune e improvvisamente non potevo più passeggiare per strada. Ero molto giovane e non avevo gli strumenti per gestire questa situazione” racconta “Soffrivo di attacchi di panico e in quei momenti chiamavo Pietro”.