La star del web diventa una schiava: “Liberatemi da quelle foto oscene”

Eleonora, il nome è di fantasia, quando la sua vita era ancora un bocciolo ha raccolto un mare di like, adesso che è sbocciata a rivedersi in quelle pose oscene dal riquadro di un pc è la prima a odiare se stessa. Era adolescente quando ha scalato la classifica dei “mi piace” facendo piovere online selfie e foto fascinose e audaci, ora è una giovane donna e l’esercito di follower ipnotizzati dalla sua bellezza oggi sono una moltitudine pruriginosa che a colpi di clic cerca il suo profilo più osceno.

C_2_articolo_3105273_upiImagepp

Da ragazzina sentiva come piacevoli carezze gli sguardi degli ammiratori delle sue grazie, adesso è maggiorenne e gli occhiacci che la scrutano languidi sono frustate alla dignità di donna. Eleonora era principessa dei social, è diventata una schiava della sua immagine. Gli screen sono le sbarre della cella che vuole spezzare per trovare finalmente se stessa al posto del suo avatar della rete.
La storia di Eleonora arriva dalla provincia di Ancona, è una delle tante. Purtroppo. C’è chi le tratta tutti i giorni, con sensibilità e professionalità. Luca Russo, è analista forense e presidente dell’associazione Ragazzi in rete. «Serve il controllo dei genitori, ogni volta quando succede ai loro figli cadono dalle nuvole». Attenzione ai cellulari, possono diventare mostri. «Ma li usano per studiare, dicono, però vengono utilizzati per tutt’altro».

Weinstein, modella italiana: “Mi pagò per stare zitta, ma ora mi pento”

Ambra Battilana Gutierrez è nata a Torino da padre italiano e madre filippina, ha 25 anni, fa la modella. Ha lavorato a Londra, a Parigi e poi a New York. Ma due anni fa dice di essere fuggita dalla Grande Mela a causa di Weinstein: aveva denunciato alla polizia le molestie. Lui le aveva offerto un milione di dollari per il silenzio. Dopo un primo momento di esitazione, lei ha accettato e ha deciso di andare via dagli Stati Uniti. Ora però la ragazza è pentita ed è pronta a denunciare nuovamente il produttore. “Spero si apra presto il processo, voglio che Weinstein finisca in tribunale”, ha detto la modella a La Stampa.

19623678_1691277494510799_7402356545310162944_n

E’ il 2015 quando l’allora 22enne Ambra viene notata dal produttore hollywoodiano a un party a New York. Lui chiede di incontrarla in privato. “Andai nel suo ufficio con il mio book sotto braccio”, ha raccontato la ragazza. In quel primo incontro Weinstein le avrebbe toccato il seno e avrebbe cercato di metterle la mano sotto la gonna. Lei però dice di essere fuggita e di essere andata subito dalla polizia. Le forze dell’ordine le avrebbero chiesto di tornare da lui con un microfono per raccogliere le prove, ma una volta in albergo lei non avrebbe avuto il coraggio di entrare nella sua stanza, era “terrorizzata”.
Ambra riesce ugualmente quel giorno a rubare a Weinstein una dichiarazione importante: “E’ normale, lo faccio sempre”, avrebbe detto lui dopo aver ammesso di averle messo le mani addosso. Ma per il procuratore non era sufficiente per procedere con un’incriminazione.
La modella racconta che, dopo la denuncia, i giornali hanno cominciato a descriverla come una “prostituta” e “una professionista del ricatto”. “Ho raccontato la verità… ma la mia immagine ne è uscita distrutta”. E’ lo stesso avvocato di Ambra a consigliarle di firmare l’accordo di riservatezza da un milione di dollari con il produttore hollywoodiano. “All’inizio rifiutai, erano soldi sporchi. Ma ero sola. Ho avuto paura. E ho firmato”, ha ammesso la modella. In cambio del milione Ambra ha dovuto consegnare smartphone e le password di tutti i suoi account. Weinstein voleva avere la certezza che non ci fosse più traccia di quell’audio.
Dopo aver firmato l’accordo, Ambra decide di lasciare New York. “Nessuno mi chiamava più per lavorare. Ero depressa. Mio fratello mi portò nelle Filippine, dove sono rimasta un anno e mezzo”. La ragazza però col tempo è riuscita a guarire “grazie all’amore di amici e familiari”. Adesso Ambra si dice pronta a denunciare di nuovo il produttore. E nonostante le difficoltà degli ultimi anni, lei è pentita soltanto di non essere andata fino in fondo nel 2015 perché “situazioni del genere capitano a tutte le donne. Le denunce sono riuscite a far aprire gli occhi alle persone. Credo che sostenendo le vittime e rimanendo uniti la situazione cambierà”.
Weinstein, modella italiana: “Mi pagò per stare zitta, ma ora mi pento”

“Immagine orrenda ma…”. Belen sorprende tutti con questa frase su Barbara D’Urso

Per gli appassionati di gossip non è un segreto: tra Barbara D’Urso e Belen Rodriguez non corre buon sangue e le due non hanno mai perso occasione per lanciarsi frecciatine su vita professionale e privata. Nonostante questo la showgirl argentina è voluta scendere in campo sui social per difendere la “rivale” da un attacco giudicato scorretto.

3265241_35_20170927100157

Come riporta Trashitaliano.it, su Instagram Belen è stata taggata in una foto di Barbara D’Urso dove la conduttrice appare con il volto segnato, molto diverso da come risulta in video: la showgirl ha ritenuto che la foto fosse stata modificata in peggio ed ha commentato così “Non mi sono mai ritrovata a difendere la signora d’Urso. Ma siccome mi avete taggato, vi dico che questa è un’immagine saturata e contrastata apposta per rendere l’immagine orrenda. Non capisco questa voglia di voler denigrare sempre le persone. Vi posso garantire che quando vedete le persone dal vivo non sono proprio così! Che cattiverie inutili!”
C’è da dire che sul tema ritocco foto Belen è molto sensibile perchè lei stessa viene accusata di ritoccare le immagini che posta per apparire sempre perfetta: ma bisogna sottolineare come abbia comunque voluto difendere Barbara D’Urso, una donna ancora bellissima nonostante recentemente abbia compiuto 60 anni.E’ forse arrivato il momento di mettere una pietra sull’antica rivalità fra le due primedonne Mediaset? Dopo lo scontro nato dai commenti della D’Urso al matrimonio di Belen con Stefano De Martino e il conseguente scambio di battute incrociate, tra Barbara e Belen c’è stato solo silenzio. Magari questo primo passo della Rodriguez porterà a sciogliere le riserve!

Quattro amiche in vacanza, notate qualcosa di strano nell’immagine? La foto fa impazzire il web

ROMA – Un’immagine curiosa che in poco tempo ha fatto il giro del web. Nella foto sono ritratte quattro amiche in vacanza, ma c’è qualcosa di strano che non è sfuggito all’occhio più attento.

ritocco_06213415

Come riporta il sito Il Giornale, l’utente “what047” ha lanciato l’indovinello sui social. “Cosa c’è di strano nell’immagine?”.
Tanti internauti hanno ammesso di aver notato solo il lato B della ragazza sulla sinistra. Ma alla fine i più attenti hanno scoperto l’anomalia. Con Photoshop il viso del passante è stato replicato sul corpo di tutti gli altri passanti. Insomma un ritocco 2.0 che ha fatto impazzire il web.

Michelle e Aurora, mamma e figlia a confronto su Instagram: “Siete bellissime”

Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti, sempre più due gocce d’acqua. Mamma e figlia non sono nuove a foto insieme sui social e anche questa volta hanno conquistato i fan con uno scatto che le mette a confronto.

2424775_1327_michelle (1)

Nell’immagine postata su Instagram, Michelle indossa un berretto e finge un’espressione spaventata. Aurora tira giù gli occhiali da sole e mostra uno sguardo interrogativo… La verve comica di mamma e figlia è tale e quale.
La gag fotografica conquista i follower e la foto sfiora i 100mila like.

“Fabrizio Corona si dà l’immagine del criminale per essere cool, ma ha perso”

«Fabrizio Corona, che non nasce in periferia ma in una famiglia molto borghese, per diventare credibile, cool, si dà di se stesso un’immagine criminale. Lui si finge, si trasforma, si dà di sé una sceneggiatura da Tony Montana, per essere più credibile, più vincente, più sensuale».

fabrizio-corona-15

Lo ha detto Roberto Saviano oggi a ‘Radio anch’io’ rispondendo alla domanda di un ascoltatore che chiedeva: «Fabrizio Corona potrebbe essere il prodotto di una periferia?». «Dal centro borghese lui va in periferia per vincere. Ci ha provato, ha perso, si è perso, sta pagando. Tutto il dibattito intorno a lui – spiega Saviano – è perché è un ragazzo che tu riconosci, che ha una trasformazione perché decide di vincere, di fare soldi, di essere figo».

​Schillaci contro Barbara D’Urso: “Ha sfruttato il mio nome insieme alla mia ex moglie”

Una vera e propria polemica si è sollevata dopo la pubblicazione dell’ultimo libro di Salvatore Schillaci, l’ex attaccante della nazionale. Il calciatore ha accusato pubblicamente Barbara D’Urso in occasione di un’intervista pubblicata su Today: secondo Schillaci la conduttrice avrebbe sfruttato il suo nome in passato per aver ospitato ripetutamente nella trasmissione ‘Domenica Live’ la sua ex moglie, Rita Bonaccorso.

1763834_b

Tra le accuse mosse da Schillaci verso la D’Urso anche quella di aver subìto un danno di immagine: “Mi hanno dato fastidio alcuni programmi televisivi che hanno sfruttato questa storia, soprattutto non mi sono piaciuti certi atteggiamenti di Barbara D’Urso, che ha usato il mio nome non per aiutare la mia ex moglie ma solo a scopo di audience – ha ammesso l’ex attaccante della Nazionale di calcio a Today -. ‘La casa di Schillaci’, ‘Rita Schillaci’, si chiama Rita Bonaccorso, non Schillaci, facessero bene il loro lavoro. Mi ha dato fastidio che a Domenica Live continuavano a chiamarla con il mio cognome. Io sono sposato con Barbara Lombardo, che amo, e tutta questa storia ha fatto male alla mia famiglia. La D’Urso ci sta facendo una telenovela a puntate e questo mi da fastidio”.