Gwyneth Paltrow, in topless e coperta di fango sulla cover del suo magazine

In topless, con un fisico impeccabile e coperta di fango. Così appare Gwyneth Paltrow, 44 anni, nello scatto social con cui lancia il suo magazine “Goop”. La rivista prende il nome dal suo sito di benessere, dal quale l’attrice dispensa consigli e trucchi di bellezza e lifestyle e che, nel 2016, ha realizzzato 700 mila iscritti e 1 milione di visitatori unici al giorno.

C_2_articolo_3093551_upiFoto1F (1)

Forma fisica al top per l’attrice, che dimostra così, mostrandosi senza veli, ma coperta di fango, che vivere e mangiare bene rende belli. Davvero. L’ex moglie di Chris Martin, che il 27 settembre festeggerà 45 anni, annuncia che la rivista uscirà il 19 settembre e svela al Daily Mail alcune anticipazioni sui contenuti. Come quello che riguarda la puntura d’ape e l’utilizzo del veleno dell’insetto a titolo curativo: “Ci si fa pungere dal dottore con un’ape viva, è come l’agopuntura. L’ho fatto sulla cicatrice del parto cesareo e adesso i segni si sono livellati…”.
Poche settimane fa Gwyneth era stata accusata di dispensare consigli ingannevoli sulla salute dal comitato di controllo a favore dei consumatori Tina, secondo cui il sito dell’attrice Goop avanza pretese mediche senza una base scientifica e per questo ha chiesto allo stato della California di bloccarlo. Ma l’accusa pare si sia risolta con un nulla di fatto.

Gwyneth Paltrow, confessioni hot sul suo sito: “Ecco qual è il mio sex toy preferito”

Si va dalle classiche manette alle palline cinesi, passando per un vibratore waterproof, lubrificanti organici e altri strumenti del piacere, tra cui un dildo in oro 24 carati da 15mila dollari. Non si tratta del catalogo di un sexy shop ma della lunga lista dei sex toys preferiti da Gwyneth Paltrow, che l’attrice, 43 anni, ha da poco pubblicato su ‘Goop,’ il sito in cui si diletta a dare consigli sul lifestyle, dalle ricette veg ai prodotti beauty. Stavolta però a fare capolino tra cibi detox e dritte sul fitness, sono i giocattolini sessuali “ideali per ogni situazione”, come spiega l’attrice di ‘Sliding Doors’.

banner707

A partire dal vibratore rosa che resiste all’acqua, “ideale da usare nella vasca da bagno”, o ancora, i lubrificanti organici a base di ibisco, tè verde, e aloe, in vendita a 13 dollari, fino alle palline cinesi ‘Fetish Fantasy’ che “oltre che rafforzare il pavimento pelvico” come scrive l’attrice “possono anche essere scaldate o raffreddate”.  Che dire poi del gatto a nove code nero di Agent Provocateur da 535 dollari “così carino che si è tentati di lasciarlo fuori” o della collana che vibra e che si trasforma in pinze per capezzoli? Insomma, sembrano lontani i tempi in cui Gwyneth Paltrow vestiva i panni della timida fidanzatina d’America al fianco di Brad Pitt. Dopo aver decantato i vantaggi del bagno di vapore per la vagina, l’attrice sembra abbracciare ora il mondo fetish.  Per chi volesse criticarla per la sua svolta sexy, però, l’attrice ha già la risposta pronta: “I sex toys sono stati per molto tempo oggetti di gomma da nascondere nel comodino – scrive su ‘Goop’ – oggi sono belle opere d’arte interattiva”.

Vip che soffrono… per mantenersi belli

Per belle apparire bisogna soffrire, dice un detto, che le vip sembrano aver preso proprio alla lettera. Pur di sembrare più giovani, belle e affascinanti ricorrono a rimedi “estremi” come il cupping, una terapia olistica scelta da Madonna, Joanna Krupa e Justin Bieber, o come l’apiterapia, preferita da, o la cryoterapia, sperimentata da Lindsay Lohan.

C_2_articolo_3007661_upiImagepp

Ecco tutti i trucchi per diventare “estremamente” belle. Madonna lo ha sperimentato già da diversi moda ed è particolarmente diffuso tra le celebrities: la cupping therapy, ovvero la coppettazione con benefici simili a quelli ottenuti con l’agopuntura. Tra le star che hanno scelto questo metodo olistico anche Justine Bieber e la bellissima Joanna Krupa che hanno posto sui relativi profili le prove del trattamento: schiena nuda sul lettino e coppette in azione.
Altrettanto doloroso, ma efficace il rimedio scelto da Gwyneth Paltrow che ha confidato di essersi sottoposta all’apipuntura, un trattamento antietà che distende i tessuti, un’alternativa al botox. L’attrice si affida al veleno degli insetti, dolorosissimo ma particolarmente miracoloso, inventato addirittura dagli antichi Egizi. La moda del veleno – di api o di serpente – sarebbe esplosa anche a corte: Kate Middleton e Camilla Parker Bowles sarebbero fan del veleno d’api.
Lindsay Lohan , invece, è una habitué della cryoteraphy: il congelamento è un ottimo rimedio per curare le infiammazione ed è utilizzato anche per gli sportivi. La Lohan si spoglia, sorride ed entra in una camera sotto zero (tre minuti di sofferenza a -160 gradi) cinguettando serena.
Eva Longoria prima di ogni evento importante si affida invece alla placenta botanica.

Chris Martin e i tormenti d’amore per l’ex moglie Gwyneth Paltrow: “Depressione dopo la separazione”

È dovuto trascorrere un lungo anno di tormenti e depressione prima che Chris Martin riuscisse a metabolizzare la separazione da Gwyneth Paltrow. Malgrado la carriera di successo, lo stuolo di fan adoranti e l’amore dei due figli Apple e Moses, per il frontman dei Coldplay, l’addio alla donna con cui è stato sposato per più di un decennio si è rivelato infatti una sorta di complicatissimo trauma.

1395848909_chris-martin-gwyneth-paltrow-640

Un trauma da cui è riuscito ad uscire gradualmente e che, comunque, ogni tanto torna come il peggiore degli incubi.
“Ci sono ancora molti giorni in cui mi sveglio e mi sento giù”, ha spiegato il cantante al Sunday Times. “Adesso però mi sento meglio, ho trovato gli strumenti per ripartire”.
Era il 2014 quando la coppia annunciò la fine del suo celebrato e chiacchierato matrimonio iniziato nel 2003. La rottura, “un disaccoppiamento consapevole” come la ebbe a definire con un’espressione famigerata l’attrice premio Oscar, arrivò a sorpresa a causa di incomprensioni e divergenze varie: dai mugugni di lui per i tanti impegni lavorativi di lei, che, invece, secondo i soliti bene informati, si sarebbe sentita trascurata, ai differenti punta di vista nell’educazione dei bambini.
In ogni caso, a love story conclusa, i due non si allontanarono mai del tutto: Martin prese casa vicino a quella in cui aveva abitato con Gwyneth e prole, riuscendo a mantenere un rapporto civile con la ex e lasciando sempre una porta aperta per un ritorno di fiamma.
“Puoi diventare aggressivo e darti la colpa, continuare a incolparti – ha aggiunto il trentanovenne artista britannico, che conobbe l’interprete di Shakespeare in Love nel 2002 in occasione di un concerto dei Coldplay -. Oppure puoi mettere te stesso in garage e come si dice “prendere te stesso, ripulire i pezzi e riassemblare il tutto”.
Il cantante ha optato per questa seconda opzione, aiutato anche dalla poesia, quella del persiano Mewlana Jalaluddin Rumi: “La poesia di Rumi ha cambiato tutto: dice che anche quando sei infelice, è un bene per te. Mi ci è voluto un anno. Di depressione e tutto il resto”.
Passato il tempo del lutto, ora il fascinoso Chris si sente un uomo nuovo, a cui la vita, soprattutto sentimentale, ha ripreso a sorridere. Merito di Jennifer Lawrence prima, con cui pare abbia avuto una relazione dopo la fine dell’unione con la Paltrow, e di Annabelle Wallis, trentunenne attrice inglese e sua attuale fidanzata, poi. L’ex consorte, invece, è felice tra le braccia del produttore Brad Falchuk, con cui fa coppia dall’inizio del 2015.
Divisi ma non nemici, Martin e Gwyneth, che hanno divorziato lo scorso aprile, da perfetti genitori modello continuano intanto a frequentarsi come due “fratelli” e a darsi sostegno reciproco anche in campo professionale. Prova inequivocabile di ciò è stata la recente partecipazione della Paltrow ad A Head of Full Dreams, l’ultimo disco dei Coldplay, in cui ha registrato la sua voce in una traccia, Everglow, brano che descrive (guarda tu il destino) la nascita della scintilla d’amore.
“Non penso alla parola “divorzio” molto spesso, non lo vedo così il nostro rapporto – è la chiosa del cantante di Yellow -. È come quando incontri qualcuno, trascorri del tempo insieme e poi le cose continuano ad andare avanti”. E, nella fattispecie, procedono, tutto sommato, nel migliore dei modi.