«Giulia De Lellis e Andrea Damante sono tornati insieme». Arriva l’indiscrezione

«Giulia De Lellis e Andrea Damante sono tornati insieme». Arriva l’indiscrezione. Dopo anni di liti, ritorni di fiamma e allontanamenti, i fan dei Damellis sono tornati a sperare. Negli ultimi giorni, si sono rincorse diverse voci su un loro presunto riavvicinamento. Ma adesso sarebbe arrivata l’indiscrezione da un “addetto ai lavori”, il giornalista Gabriele Parpiglia.

dellellis_damante

Come riporta il sito Blastingnews, durante una diretta Instagram, Parpiglia avrebbe confermato: «Giulia e Andrea stanno facendo la quarantena insieme». Inserendoli tra le coppie famose che starebbero trascorrendo questo periodo insieme.

Le parole di Parpiglia arrivano dopo giorni di rumor su un presunto ritorno di fiamma. I follower dei Damellis avevano infatto notato due indizi che li avevano fatti tornare a sperare. Come riporta il sito Blastingnews, in una story di Giulia De Lellis, diversi fan avrebbero detto di aver sentito in lontananza la voce di Andrea Damante, come se i due ex fidanzati stessero nella stessa casa. Non è tutto.

Secondo i follower, la felpa rossa utilizzata da Giulia De Lellis per un’altra story sarebbe proprio di Andrea Damante. Ora la dichiarazione di Parpiglia. Staremo a vedere.

Il principe Carlo positivo al coronavirus: il 10 marzo la cena con Alberto di Monaco, il 12 l’incontro con la Regina Elisabetta

Il principe Carlo, 71 anni, erede al trono britannico della Regina Elisabetta, è risultato positivo al test del coronavirus. Lo rende noto Buckingham Palace. Carlo era in isolamento in Scozia da alcuni giorni. Anche la consorte Camilla, duchessa di Cornovaglia, si è sottoposta al test che è risultato negativo. Il principe Carlo sta mostrando lievi sintomi «ma rimane in buona salute», ha riferito un portavoce. Tra i recenti impegni del principe una cena del 10 marzo al Water Aid in cui sedeva di fronte al Principe Alberto II di Monaco, di recente risultato positivo al virus. Secondo la Bbc l’ultimo incontro con la Regina Elisabetta sarebbe avvenuto il 12 marzo a Buckingham Palace.

il-principe-carlo-positivo-al-coronavirus_C_1_article_10985_0_paragraph_image

IN ISOLAMENTO IN SCOZIA
Il portavoce ha aggiunto: «In accordo con il governo e la consulenza medica, il principe e la duchessa si stanno autoisolando a casa in Scozia. I test sono stati effettuati dall’NHS nell’Aberdeenshire». «Non è possibile accertare da chi il principe abbia preso il virus a causa dell’elevato numero di incarichi che ha svolto nel suo ruolo pubblico nelle ultime settimane – ha spiegato – È improbabile che il principe Carlo abbia avuto con altri membri della famiglia reale, poiché la regina Elisabetta II, 93 anni, e il principe Filippo, 98 anni, alloggiano entrambi al Castello di Windsor, nel Berkshire».

L’ULTIMA VISITA CON LA REGINA ELISABETTA
Risale al 12 marzo l’ultimo impegno pubblico del principe Carlo. Lo sottolineano fonti della corte britannica, puntualizzando che il 71enne erede al trono ha visto per l’ultima volta sua madre, la quasi 94enne regina Elisabetta, «prima del 13 marzo». Effettivamente l’ultima immagine pubblica insieme risale al 9 marzo in occasione del Commonwealth Day nell’Abbazia di Westminster. Secondo la Bbc però l’ultimo incontro tra i due sarebbe avvenuto il 12 marzo a Buckingham Palace.

Nei giorni successivi, hanno aggiunto le fonti, ha avuto solo alcuni singoli incontri privati con conoscenti, funzionari e dignitari, prima di trasferirsi in auto-isolamento precauzionale con la consorte Camilla nella residenza di Balmoral, in Scozia. Tutti gli ultimi interlocutori entrati in contatto con lui sono stati avvertiti per i controlli del caso. Carlo e Camilla, hanno confermato le fonti, restano ora isolati a Balmoral con un piccolo gruppo di persone del loro staff.

IL 12 MARZO IL DISCORSO A UNA CENA IN AIUTO DELL’AUSTRALIA
Il principe Carlo il 12 marzo ha tenuto un discorso durante una cena tenutasi in aiuto allo sforzo australiano di ripresa degli incendi boschivi, rendendo omaggio alla “straordinaria determinazione e capacità di recupero” del popolo australiano. Il filmato è stato pubblicato sull’account Instagram ufficiale della Royal Family.

Lo scorso 21 febbraio, stando sempre alle immagini pubblicate sui social, l’erede al trono britannico ha incontrato residenti e imprenditori colpiti dalle recenti alluvioni nella città di Pontypridd. Il principe ha anche incontrato alcuni membri del personale dei servizi di emergenza coinvolti nell’operazione di salvataggio.

Naomi Campbell pubblica i video di Vincenzo De Luca e non solo: «Ascolta, America»

Naomi Campell fan di Vincenzo De Luca. Chi lo avrebbe mai potuto pensare. La situazione del Coronavirus negli Stati Uniti sta precipitando ma gran parte della popolazione sembra ancora sottovalutare i rischi. Ed quindi Naomi Campbell su Instagram ha pubblicato una ‘compilation’ dei duri e coloriti appelli di vari amministratori locali italiani, tra cui il presidente della Campania, Vincenzo De Luca: «Ascolta, America, ascolta».

Naomi (1)

Il post di Naomi Campbell su Instagram è in realtà un repost di Rula Jebreal. La giornalista, sui social, ha pubblicato alcuni dei video più famosi degli ultimi tempi, in cui gli amministratori locali lanciano appelli minacciosi alla cittadinanza. C’è Vincenzo De Luca e il suo famoso monito indirizzato a chi vorrebbe organizzare la festa di laurea: «Vi mandiamo i carabinieri, ma con il lanciafiamme». Il presidente della regione Campania, tuttavia, non è l’unico ad aver mandato questo genere di messaggi ai cittadini.

C’è infatti anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che da giorni scende in strada per evitare assembramenti da parte dei cittadini. «Non si può stare fuori, come ve lo devo dire? Non è un gioco, quello che sta accadendo in Lombardia non è un telefilm» – gli appelli ripetuti del sindaco e presidente dell’Anci – «Non so come fare con voi, ci vorrebbero le vostre fidanzate con la mazza».

Nella ‘compilation’ c’è anche il sindaco di Messina, Cateno De Luca: «Vi becco domani, non tra anni: domani! Sul mio territorio non si passeggia. Non posso impedirvi formalmente di uscire di casa? Allora vi impedisco di camminare sul suolo pubblico». Un altro primo cittadino balzato agli onori delle cronache è Massimiliano Presciutti, sindaco di Gualdo Tadino (Perugia): «Ma dove c…o andate in giro con i cani, che hanno la prostata infiammata?».

Un altro sindaco che ha lanciato un duro appello ai propri cittadini è Antonio Tutolo. Il primo cittadino di Lucera (Foggia) si è sfogato così: «Ho saputo che molti fanno venire i parrucchieri a domicilio. Ma se non potete uscire, a che c…o vi servono i capelli aggiustati? Guardate che la bara la chiudono e i capelli perfetti non si vedono!».

Anche Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, ha avuto da ridire con un cittadino e lo ha fatto sapere in un videomessaggio: «Ho incontrato quest’uomo che correva avanti e indietro, insieme al suo cane ormai stremato. Gli ho detto: “Guarda che non sei Will Smith nel film Io sono leggenda”».

I vari filmati degli appelli di tutti gli amministratori locali italiani che le stanno tentando tutte per fronteggiare l’emergenza coronavirus stridono con le tante notizie che arrivano dagli Stati Uniti, dove troppe persone continuano a riunirsi e a creare grandi assembramenti, nonostante l’aggravarsi della situazione. Per questo motivo, Naomi Campbell ha voluto dare risalto al messaggio lanciato sui social da Rula Jebreal. «Amo gli italiani! Il loro spirito, la loro creatività, la loro anima, il coraggio, la resilienza, la passione e la compassione» – ha spiegato la giornalista di origini palestinesi – «Ecco una compilation aggiornata di sindaci e governatori italiani che perdono la pazienza con chi viola la quarantena per il Covid-19».

Coronavirus, il condominio contro la dottoressa: «Fai attenzione quando rientri a casa». La rabbia dell’ospedale

Si fa presto a definire “eroi” o “angeli” i tanti medici, infermieri, operatori socio-sanitari e personale delle strutture ospedaliere che ogni giorno combattono in prima linea per fronteggiare l’emergenza coronavirus. L’importante, infatti, è che lo facciano restando ben lontani da noi. È l’amara realtà che emerge da quanto accaduto in provincia di Pisa, dove una dottoressa costretta a turni massacranti è finita nel mirino dei condomini: nei pressi del portone, infatti, è stato affisso un cartello che è stato condannato dai vertici dell’ospedale in cui la donna lavora.

coronavirus_dottoressa_condominio_24122011-768x420

Come riporta Il Tirreno, la dottoressa lavora in un ospedale di Cisanello (Pisa) e, rincasando, ha trovato un messaggio diretto a lei: «Sappia che in questo condominio abitano una neonata di sei mesi e una signora ultraottantenne vedova. Perciò usi le massima precauzioni quando utilizza gli spazi comuni e deve toccare cancelli, scale, sottoscala e corrimano». La paura del contagio è comprensibile, ma un simile messaggio stride con una improvvisa riscoperta dell’importanza di alcune categorie di lavoratori che troppo spesso vengono bistrattati e che negli ultimi tempi invece si ritrovano incensati un po’ da tutti.

L’episodio ha scatenato la rabbia di Stefano Taddei, ordinario di Medicina e direttore della clinica medica 1 Universitaria, e di Marco Taddei, direttore di Medicina 4 dell’ospedale: «Questo è un atto vergognoso, che non può passare sotto silenzio. Quando i medici lasciano l’ospedale, tutto avviene in sicurezza e ogni ambiente viene igienizzato e sanificato».

Coronavirus, Barbara D’Urso s’infuria a Pomeriggio 5: «Vi voglio sputtan***». Ecco cosa sta succedendo

Su Leggo.it le ultime novità. Coronavirus, Barbara D’Urso s’infuria a Pomeriggio 5: «Li voglio sputtan***». Ecco cosa sta succedendo. In tempi di coronavirus, la conduttrice continua con le sue dirette per tenere informati e fare compagnia ai telespettatori. Oggi, la conduttrice si è collegata con il sindaco di Messina Cateno De Luca per parlare delle criticità al porto di Messina.

Barbara-D-urso

Il sindaco De Luca racconta a Barbara D’Urso anche della famosa Renault 4, in viaggio dalla Francia alla Sicilia. «I francesi – avrebbe detto De Luca – si erano dati appuntamento in Sicilia con i loro amici spagnoli. Abbiamo dei video di un festino». A quel punto, la conduttrice sarebbe andata su tutte le furie: «Se avete dei video mandatemeli, li voglio sputtan***».

Poi, Barbara D’Urso si collega con la conferenza stampa del presidente Giuseppe Conte che annuncia: «Pene pecuniarie per chi viola le regole restrittive da 400 a 3000 euro».

«Il principe Filippo è morto, ma la regina Elisabetta non lo può dire». Il giallo a Buckingham Palace

«Il principe Filippo è morto, ma la regina Elisabetta non lo può dire». Il giallo a Buckingham Palace. L’indiscrezione si rincorre da giorni sui tabloid inglesi e sui social network. Secondo questi rumor, il principe Filippo, 98 anni, sarebbe morto e la regina starebbe mantenendo il riserbo perché, con l’emergenza coronavirus, fare il funerale sarebbe troppo pericoloso. Tutto vero o fake news?

principefilippo_morto_giallo_25195151

A riportarlo in Italia, anche il sito del Fattoquotidiano. Tra gli indizi che avrebbero messo in allarme i sudditi di sua maestà, l’indiscrezione della Bbc, secondo cui la regina starebbe valutando l’ipotesi di mandare in onda un messaggio televisivo straordinario alla nazione. L’ultima volta che la sovrana parlò “a sorpresa” fu nel 2002, quando morì la madre a 101 anni.

Lo scorso autunno, il principe Filippo era stato colpito da una brutta influenza. E per questa ragione era stato ricoverato prima di Natale. Secondo i rumor britannici, il principe consorte potrebbe essere morto in questi giorni, ma la regina sarebbe costretta al silenzio per evitare assembramenti. La famiglia reale ha smentito le voci con un post su Instagram.

Helena Christensen in costume sull’albero, la sua quarantena in montagna

Ha praticato l’allontanamento sociale a modo suo. Con sensualità e sex appeal. Helena Christensen ha scelto di allontanarsi dalla città per rifugiarsi tra i boschi insieme al figlio e a un’amica e approfittando per regalare scorci di paradiso. Le sue curve da ex top model 51enne in costume di bagno lasciano senza fiato i follower e il panorama tra i monti è perfetto.

120041362-e049c775-b37c-4fe2-b997-eadee7aae558-768x438

Nelle ultime ore della sua fuga in montagna si vedono solo una baita circondata dalla neve e sani manicaretti, ma prima ha regalato fotografie imperdibili arrampicata tra i rami, nascosta nel bosco, o immersa in un gelido fiume in alta quota. Ha lasciato New York insieme al figlio Mingus, 20 anni, e l’amica Camilla Staerk. Entrambi con lei sono protagonisti di video e scatti immersi nella natura. Si tuffano nelle acque, si fotografano reciprocamente in una sorta di shooting da quarantena. Attorno a loro non c’è nessuno solo alberi e natura incontaminata.

La Christensen, nata a Copenaghen, ha vinto il concorso di Miss Danimarca nel 1986 e ha rappresentato il suo Paese alla selezione di Miss Universo. E’ stata protagonista delle sfilate degli anni Novanta insieme a Carla Bruni, Claudia Schiffer, Cindy Crawford e Naomi Campbell. Vent’anni fa il ritiro salvo sporadiche apparizioni. E’ tornata a calcare le passerelle durante la settimana della moda di Parigi.