Pagata per strangolarsi in video, cam girl morta in diretta a 21 anni

Hope Barden aveva solo 21 anni. Lunghi capelli scuri e un corpo mozzafiato, aveva iniziato a fare la cam girl: si esibiva a pagamento in diretta su Internet. Il suo obiettivo, però, era un altro: mettersi da parte denaro per aprire una clinica per adolescenti con disturbi mentali.

PRC_71663759

Jerome Danger (45 anni) era un suo cliente. L’uomo l’aveva convinta ad esibirsi solo per lui in cambio di una paga generosa. Ma le sue richieste diventavano via via sempre più umilianti, fino al fatidico 15 marzo 2018. Hope doveva stringersi una corda al collo fino a perdere il respiro per qualche secondo. Il gioco, però, è finito in tragedia: Hope è morta per soffocamento in diretta.

A scoprire il cadavere di Hope, è stata la coinquilina. Dopo due mesi di ricerche, si è riusciti a risalire all’uomo che era con lei online al momento della sua morte. L’uomo è stato arrestato per omissione di soccorso e poi condannato a 15 mesi di carcere per il possesso di immagini pornografiche estreme, mentre l’indagine per la morte di Hope è proseguita. Prima che il processo potesse avere luogo, l’uomo di è impiccato in cella.

Pagata per strangolarsi in video, cam girl morta in diretta a 21 anniultima modifica: 2019-07-01T09:46:53+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento