Striscia, tapiro a Mauro Corona per l’allontanamento dalla Rai. Poi il messaggio a Franco Di Mare: «Mi chiamavi fratello e adesso non mi vuoi più»

Sta facendo discutere l’allontanamento dalla Rai di Mauro Corona, colpevole – durante la messa in onda di #Cartabianca – di aver zittito la conduttrice Bianca Berlinguer dandole della «Gallina!». Ma è davvero questo il motivo dell’addio tra il fumantino scrittore friulano e la tv di Stato?

TAPIROCORONA_22203547

È Corona stesso, durante la consegna del Tapiro d’oro da parte di Striscia la notizia, a fornire alle telecamere del tg satirico la sua versione: «Posso garantirvi che non è la Berlinguer a non volermi. È qualcun altro». E quando l’inviato Valerio Staffelli lo incalza, chiedendogli se il responsabile sia Franco Di Mare, lo scrittore lancia un chiaro messaggio al direttore di Rai 3: «Franky Di Mare, non ho niente da dire sul fatto che non mi vuoi più. Vorrei però capire perché non me l’hai detto prima, invece di continuare a mandarmi messaggi di amicizia e chiamarmi il tuo “fratello della montagna”. Almeno chiarisci questo tuo cambiamento di marcia nei miei confronti. In ogni caso, sappi che io non mi impicco, se non vengo più lì».

Taylor Mega ubriaca in tv, “Striscia” mostra il fuorionda

Il collegamento di Taylor Mega a “Live – Non è la d’Urso” aveva suscitato perplessità in studio. La prima ad accorgersi che qualcosa non andava era stata proprio Barbara, che senza troppi giri di parole aveva chiesto all’influencer se avesse bevuto prima della diretta. Ora i sospetti hanno trovato conferma in un fuorionda mostrato da “Striscia la Notizia”, in cui Taylor ammette di aver bevuto ben quattro bicchieri di vodka.

Taylor-Mega-Foto-da-video-11-1 (1)

Durante il collegamento da Sharm el-Sheikh Taylor aveva giustificato la sua mancanza di prontezza e lucidità con i problemi legati alla differita. Il video mandato in onda da “Striscia la Notizia” ha però svelato la verità. Una volta finito l’intervento dalla d’Urso, infatti, si vede la Mega che canticchia sbiasicando le parole con gli occhi chiusi mentre si sente una voce in romano che dice “tojetele er vino”.

Lei, però, svuota velocemente il bicchiere e poi rischia anche di cadere dalla sedia mentre ride. “Non posso fare l’ubriaca. Sono brilla, Ti rendi conto che quando vado in onda sono peggio?” confida ad un tecnico, coprendo maldestramente l’auricolare invece del microfono per non farsi sentire.

“Mingo aveva ingannato anche me”: risolto il contenzioso tra Striscia e il buon Fabio

«Striscia la Notizia e Fabio De Nunzio sono giunti ad un reciproco chiarimento che ha permesso loro di risolvere il contenzioso insorto». Lo rende noto un comunicato del Tg satirico Mediaset precisando che «nelle ultime settimane», l’ex inviato pugliese Fabio De Nunzio «ha spiegato di essere stato lui stesso ingannato dal suo ex compagno Domenico De Pasquale, che dapprima lo aveva tenuto all’oscuro della falsità di alcuni dei servizi trasmessi nel 2013».

1475841020443-jpg-fabio__sfogo_violento___vita_distrutta__cos_e_accaduto_a_mio_figlio___e_mingo_trema__accusa_devastante

«Le indagini della Procura di Bari – è detto ancora – hanno confermato che Mingo e la moglie hanno operato unilateralmente, ‘taroccandò alcuni servizi in danno di Striscia e all’insaputa dello stesso Fabio». «Fabio, sia in pubblico che in privato, ha espresso dispiacere per l’accaduto – è detto ancora – rammaricandosi di non essersi accorto di nulla e smarcandosi finalmente dal suo vecchio socio». «Alla luce delle risultanze investigative e della netta presa di distanza di Fabio – conclude la nota – Striscia ritiene dunque di poter credere alla buona fede del suo ex-inviato, che dal canto suo ringrazia e conferma la sua stima per il lavoro di Striscia la Notizia». La vicenda riguarda la presunta truffa per 10 servizi ‘taroccatì realizzati dagli inviati pugliesi per il tg satirico. Secondo l’accusa sostenuta dalla procura di Bari, all’insaputa del collega Fabio, Mingo avrebbe truffato per 170mila euro Mediaset con la complicità di sua moglie, facendosi pagare 10 servizi su fatti inventati e spacciati per veri, e facendosi anche rimborsare costi non dovuti per figuranti e attori.