Grande Fratello Vip e il Covid, Stefano Bettarini, Giulia Salemi e Selvaggia Roma smentiscono: «Negativi e in isolamento»

L’ingresso nella casa del Grande Fratello Vip dei nuovi concorrenti, Stefano Bettarini, Giulia Salemi e Selvaggia Roma è stato rimandato a casa di un sospetto di positività al Covid-19. I diretti interessati fanno sapere, però, di essere in salute. «Ciao a tutti bellini – scrive su Instagram l’ex marito di Simona Ventura – posso rasserenarvi che io e Giulia Salemi siamo negativi. E sereni dal 17 ottobre. Sia ben chiaro». Anche Selvaggia Roma ha rassicurato sulle sue condizioni in un’intervista rilasciata all’Adnkronos: «Ho fatto il tampone prima di entrare al ‘Gf Vip’ e il risultato è negativo. Scoppio di salute! Basta con questa caccia alle streghe’».

5549600_1743_grande_fratello_vip_giulia_salemi_stefano_bettarini_selvaggia_roma_negativi_covid

«Sembra di assistere a una caccia alle streghe – ha aggiunto la futura concorrente del ‘Gf Vip’- ho fatto il tampone ed è risultato negativo. Non ho incontrato nessuno (Bettarini e Salemi, ndr) e sono stata in isolamento per almeno 15 giorni. La produzione non mi ha detto nulla su chi sia risultato positivo al Covid. Ora sono in isolamento per fare tutti gli accertamenti medici che mi verranno richiesti».

Stefano Bettarini, che è stato inquilino della casa nella prima edizione vip, ha menzionato Giulia Salemi e non ha citato l’altra futura concorrente. Gli ha fatto eco sui social l’influencer italo-iraniana. «Ciao a tutti, volevo rassicurarvi che io sto bene e sono tornata in albergo dove sono in isolamento dal 17 ottobre. Il mio tampone è negativo. Attendo serenamente le decisioni della produzione del Grande Fratello»

Ieri sera Alfonso Signorini ha annunciato in diretta televisiva che lei, Stefano Bettarini e Selvaggia Roma non potevano più entrare nella Casa «per un caso di sospetta positività al Covid». «Pochi minuti prima di iniziare la trasmissione – ha comunicato il conduttore – abbiamo ricevuto la notizia di un sospetto di positività al Covid di uno dei tre nuovi vip che sarebbero dovuti entrare. Questa situazione necessita di approfondimenti medici per la sicurezza della persona coinvolta e di chi sta nella Casa. Quindi questa sera i tre ingressi non ci saranno».

La Cuccarini in scena come la Turandot

Squadra che vince non si cambia. Con lo stesso cast di Rapunzel, successo da 160mila spettatori, dove lei era la regina Gothel, Lorella Cuccarini si trasforma – parrucca corvina e tiara monumentale – ne La regina di ghiaccio, musical corale ideato e diretto da Maurizio Colombi.

DSC0983_0002-9-578x420 (1)

Un musical liberamente ispirato alla fiaba persiana che, a sua volta, ha dato origine alla Turandot di Giacomo Puccini. «Lo spettacolo è bellissimo e non lo dico perché sono di parte, più bello forse di Rapunzel – ha spiegato Lorella Cuccarini durante la presentazione, ieri, al teatro Brancaccio – Il musical può contare su un ottimo cast di attori, ballerini, dove nessun personaggio è di contorno all’altro, sono tutti protagonisti. È una bellissima sfida». Questa volta la star televisiva – reduce dal recente successo di Mia nemica amatissima al fianco di Heater Parisi, oltre che neo autrice del libro Ogni giorno il sole (Piemme) – interpreta il ruolo di una crudele regina, vittima di un incantesimo fatto da tre streghe, dove gli uomini sono costretti ad indossare una maschera per non incrociare il suo sguardo. A tutti gli uomini lei pone tre enigmi: se non li risolvono, vengono decapitati. Solo il principe Calaf, interpretato da Pietro Pignatelli, riuscirà a sciogliere il cuore di ghiaccio della regina con il suo amore. Questa volta in sala, a differenza di Rapunzel, non mancheranno gli effetti speciali e gli attori, ben 21 sul palco, abbattendo la cosiddetta quarta parete, coinvolgeranno tutti gli spettatori, grazie all’utilizzo di immagini video realizzate con le tecnologie più moderne. «È un musical tipicamente italiano e ne siamo tutti orgogliosi. Non si rifà a dei musical internazionali come spesso ultimamente sta accadendo. Il mio personaggio è affascinante, bipolare, una donna algida, fredda, vittima di un incantesimo, ma al contempo è una donna eccitante». Molti i personaggi curiosi come le tre streghe Tormenta, Gelida e Nebbia e un terzetto di uomini, Ping, Pong, Pang, lo stesso Principe Calaf, nome che sta per calore, amore, fuoco. Le musiche sono di Davide Magnabosco, Paolo Barillari e Alex Procacci. I testi sono dello stesso Maurizio Colombi e Giulio Nannini.