Chucky, la bambola assassina attacca in metro i passeggeri senza mascherina

La celebre bambola assassina, Chucky, contro i passeggeri che prendono la metro e non indossano la mascherina (o la indossano in maniera sbagliata). Accade anche questo a New York, dove alcuni pendolari hanno assistito ad una sorta di esperimento sociale.

x5740892_1735_chucky_bambola_assassina_attacca_passeggeri_senza_mascherina_metro.jpg.pagespeed.ic.thphXF1A0c

Chucky, la bambola assassina contro il coronavirus
Si tratta di una trovata di due attori che hanno seminato il panico sulla metro di New York. Miguel, attore affetto da nanismo, si è infatti mascherato da Chucky la bambola assassina e ha improvvisato più volte una scena un po’ horror insieme alla collega Sara Stone. La ragazza, che per qualche istante indossa la mascherina abbassata sul mento, diventa la vittima designata di Chucky, che decide di attaccarla in più modi. Ne nasce una (falsa) colluttazione, che finisce per coinvolgere anche alcuni passeggeri. Un modo decisamente scoppiettante di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’utilizzo corretto delle mascherine in luoghi chiusi e affollati come i mezzi di trasporto.

Chucky, bambola assassina e soprannome di Hirving Lozano
Chucky è uno dei personaggi horror più celebri al mondo, protagonista del film La bambola assassina, diretto nel 1988 da Tom Holland. I tifosi del Napoli, però, sanno molto bene che Chucky è anche il soprannome di Hirving Lozano. Il motivo è molto semplice: molti tifosi dell’attaccante messicano, sin dai primi anni di carriera, avevano presto notato una discreta somiglianza tra il calciatore e la bambola assassina. Un soprannome che poi lo ha accompagnato anche nell’approdo in Europa, prima al PSV Eindhoven e poi al Napoli.

Sandra Milo, il gesto che spiazza tutti durante l’intervista a Vita in Diretta. Andrea Delogu allibita: «No!»

Sandra Milo intervista un’anziana a Vita in Diretta, poi compie un gesto che spiazza tutti. Andrea Delogu reagisce così. Oggi l’attrice, inviata del programma insieme alla figlia Debora Ergas, si è collegata con i conduttori da Gaeta e ha intervistato Reginella, una nonnina del posto che ancora lavora e prepara il pranzo per la sua famiglia. «Un’istituzione a Gaeta», spiega Sandra. Un gesto nei confronti della signora però spiazza tutti.

5348331_2046_sandramilo_vitaindiretta

L’attrice infatti per introdurre Reginella davanti alle telecamere la prende sottobraccio e l’abbraccia, non rispettando il distanziamento sociale. Andrea Delogu interviene immediatamente: «Distanza Sandra!». A quel punto, Sandra Milo con gentilezza si scusa e riprende a raccontare la storia di Reginella.

Poi, la nonnina le porge un grappolo d’uva chiedendole di mangiarla. Anche dallo studio la incoraggiano. Sandra Milo la mangia ed esclama: «Ma non è lavata, vabbé lo faccio…». Applausi in diretta.

Carmen Di Pietro, le foto del tradimento a Domenica Live: “Simona Izzo lo sapeva e non mi ha avvisato”

ROMA – Lite in studio, a Domenica Live, tra Carmen Di Pietro e Simona Izzo. Galeotte, le foto che mostrano il marito di Carmen Di Pietro – la coppia è separata – mentre bacia un’altra donna. Nella Casa, Simona Izzo, giocando a fare la veggente, aveva predetto alla Di Pietro il tradimento.

11743005_893375117395086_468672739788369618_n

«Tra donne bisogna essere solidali», le grida contro Carmen Di Pietro.
«Carmen non lo sapevo, te lo giuro, l’ho detto solo nell’ambito del gioco in cui facevo la veggente», si difende Simona Izzo.
La Di Pietro non le crede e continua: «Simona tu lo sapevi».
«Non lo sapevo – assicura Simona Izzo, difesa anche da Barbara D’Urso – se lo avessi saputo te lo avrei detto. Esiste una cosa che si chiama bugia sociale».
Le foto erano state mostrate alla Di Pietro – non al pubblico – nelle puntate precedenti proprio da Barbara D’Urso e il marito della Di Pietro, in quell’occasione presente in studio, aveva negato la relazione, definendo il bacio “casto”.
«Tu sei innamoratissima di tuo marito – conclude Simona Izzo – e non hai capito che è grazie a quello che ho fatto che tornerete insieme, se è quello che vuoi».