Isola, Raz Degan contro tutti: “Siete piccoli”, La Marcuzzi replica:”Non puoi trattarmi così”

Raz Degan è il leade naturale dell’Isola dei Famosi.
Il suo istinto di sopravvivenza e la sua grande esperienza fanno comodo ai concorrenti dell’isola ma il carattere ombroso e il suo essere a volte un po’ despota inizia a non piacere più.

raz-degan-maestro1

La Marcuzzi manda un rvm in cui quasi tutti i compagni si lamentano di Raz, ma lui non vuole cogliere le provocazioni e ribatte: “Io non casco in questi giochi, dipente tutto dal montaggio che viene fatto, conosco come funzionano le telecamere”. Luxuria mette benzina sul fuoco: “Raz un conto è essere esperto, un altro è essere saccente.
L’Isola continuerebbe ad andare avanti anche senza te. Ci vuole più umiltà!”. Ma il modello proprio non accetta critiche nemmeno quando Giulia prova a dirgli che apprezzano il suo lavoro sull’isola ma “deve capire che tutti sono utili e nessuno è indispensabile, dovrebbe essere più comprensivo”.
La Marcuzzi mostra un altro rvm in cui Raz si rifiuta di fare una delle prove e va allo scontro verbale anche con Stefano Bettarini, una volta ritornati in studio però Bettarini dice di essersi chiarito con Raz.
Credendo poi di non essere ascoltati Degan inizia ad accusare i naufraghi:”Siete piccoli, dei bambini d’asilo”, poi in tono quasi minaccioso si rivolge a Ceccherini, uno dei pochi che gli ha detto in faccia che è insopportabile, dicendo “Massimo, sei nel radar”.
Le polemiche non si placano perchè al momento della nominatio l’ex fidanzato di Paola Barale sembra non voler sentire ragioni sparando a zero su tutti, la Marcuzzi prova ancora una volta a farlo ragionare poi sbotta: “Mi stai trattando male, non ti sto dando lezioni di vita, ti consiglio solo di confrontarti con gli altri”. Ma Degan proprio non ne vuole sapere di avere un confronto e resta sulle sue posizioni: “Io sono venuto qui perchè volevo fare il gioco della sopravvivenza, Ho sbagliato a non vedere il programma sono stato strumentalizzato, d’ora in poi parlerò meno e farò poco”.