“C’è Posta per Te”, polemiche social sul pubblico in studio: «Nessun distanziamento e zero mascherine»

C’è Posta per Te parte con il botto ma anche con le polemiche. Molte persone hanno notato che tra le persone che componevano il pubblico in studio non sempre sono state rispettate le regole di distanziamento sociale e sui social si sono scatenate polemiche e anche proteste. Un po’ come era successo dopo la prima punta del Maurizio Costanzo Show.

cc-5

La trasmissione di Maria De Filippi ha ripreso con il pubblico in studio, un pubblico non troppo distanziato ma separato dal plexiglass, una soluzione che però alcuni telespettatori non hanno ritenuto prudente. Tanti hanno poi storto la bocca davanti alla mancata mascherina da parte dei postini sebbene abbiano sempre mantenuto la distanza.

Le decisioni prese dal programma non sono piaciute ad alcuni telespettatori che su Twitter si sono scatenati. «Comunque due pesi e due misure. A C’è posta per te zero mascherine, zero distanziamento, pubblico appiccicato e vastissimo. Tutto chiuso, gente che non può lavorare ma lì tutto come un anno fa. Possibile che nessuno dica niente?», ha scritto qualcuno, un altro utente ha aggiunto: «Ma Maria è Free Covid? Perché a C’è posta per te c’è il pubblico senza mascherine? E la Ferilli appiccicata ai signorini in studio senza distanze di sicurezza? Follia pura. Diseducativo!», e poi ancora: «Si guarda C’è posta per te e ci si domanda perché i teatri, i cinema e i palasport siano chiusi». E poi ancora: «Questa trasmissione va proprio contro ogni decreto anti Covid. Ora anche l’abbraccio, spengo che mi sto innervosendo», con tanto di tag al premier Conte.

C’è però chi ha difeso la scelta di voler far sembrare tutto “normale” della De Filippi e sempre su Twitter un utente che ha partecipato come pubblico ha replicato: «Siamo stati tamponati, abbiamo il plexiglass e un secondo prima che entrava Maria ce l’hanno fatta togliere».

Le puntate, in ogni caso, sono state registrate fra settembre e ottobre, quando la curva dei contagi in Italia non toccava ancora gli allarmanti picchi degli ultimi tempi. Inoltre, tutti coloro che prendono parte alla trasmissione (pubblico, ospiti e protagonisti) vengono sottoposti a un test rapido prima della registrazione. Gli abbracci fra parenti sono consentiti in quanto considerati congiunti.

Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi choc: «Nomino Stefania». La Orlando scoppia in lacrime

Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi choc: «Nomino Stefania». La Orlando scoppia in lacrime. Colpo di scena proprio al termine della ventiseiesima puntata. A sorpresa l’influencer ha scelto di nominare una delle sue più care amiche all’interno della casa.

PSX_20201030_004500-1140x641

Tommaso Zorzi ha abituato il pubblico alle sorprese, ma questa volta la sua scelta risulta incomprensibile. Durante le nomination di lunedì sera, il talentuoso influencer, a sorpresa, ha detto ad Alfonso Signorini: «Alfonso, ti spiazzerò: nomino Stefania Orlando». Protetto dal segreto del confessionale Zorzi ha poi proseguito: «La nomino perché non mi è piaciuta una cosa che mi ha detto oggi. Ho difeso Samantha De Grenet e lei mi ha detto di fare attenzione perché anche i grandi amori possono finire. La nomino per questo».

Una nomination davvero spiazzante visto il rapporto che lega i due, anche sui social l’interrogativo è forte. Nessuno riesce a capire il motivo di questa scelta. Intanto al termine della trasmissione Stefania, dopo aver scoperto di essere stata nominata dal suo migliore amico è scoppiata in lacrime, ma senza farsi vedere da nessuno si è chiusa in bagno. Chiusa la diretta ZOrzi dice di essersi pentito di questa sclta faccia solo per lo show: «Io sono fatto così, sbaglio, però questo è spettaccolo. Ho fatto però un errore, posso sbagliare anch’io?»

Striscia la Notizia, Ficarra e Picone a sorpresa annunciano l’addio: «Dopo 15 anni non è facile»

Ficarra e Picone a sorpresa annunciano l’addio a Striscia la Notizia: «Dopo 15 anni non è facile». Come un fulmine a ciel sereno, i due conduttori hanno salutato, per sempre, il pubblico a casa e Antonio Ricci.

1606810704-ficarra-e-picone

Addio a sorpresa a Striscia la Notizia. Ficarra e Picone durante la diretta hanno annunciato che questa sarà non solo la loro ultima settimana da conduttori prima del passaggio di testimone, ma sarà anche l’ultima volta che li vedremo dietro il bancone del Tg satirico.

«Oggi è cominciata l’ultima settimana di conduzione – ha comuicato Ficarra – e sarà anche il nostro ultimo anno e non vi nascondiamo che dopo 15 anni non è facile. Ringraziamo Antonio Ricci che ci ha sempre fatto sentire importanti».

«Al momento passiamo il testimone, ma non è detto che sarà per sempre» ha concluso Picone.

«Come qualcuno di voi avrà sentito stasera in trasmissione, abbiamo annunciato che lasceremo #striscialanotizia Dopo 15 anni non è facile ma preferiamo fermarci. A tutti quelli che ci avete seguito in questi anni diciamo Grazieeeee» hanno annunciato sui social.

Gerry Scotti positivo al coronavirus, l’annuncio sui social: «Volevo essere io a dirvelo»

Gerry Scotti positivo al coronavirus, l’annuncio sui social: «Volevo essere io a dirvelo». La notizia della “positività di un noto conduttore Mediaset” era stata rilanciata questa mattina dal sito Dagospia, ma poco fa è stato lo stesso presentatore a comunicarlo al suo pubblico.

5547236_1317_gerry_scotti_positivo_coronavirus_2

Gerry Scotti ha annunciato tramite i suoi canali social di essere positivo al Coronavirus. Fortunatamente sembra non sia stato necessario alcun ricovero. Il conduttore, dopo le indiscrezioni circolate nella mattinata di oggi ha voluto tranquillizzare il suo pubblico: «Volevo essere io a dirvelo: ho contratto il COVID-19. Sono a casa, sotto controllo medico. Grazie a tutti per l’affetto e l’interessamento».

Un vero problema per Mediaset visto che Gerry Scotti conduce tre dei programmi di punta di Mediaset: Tu si que vales, Caduta Libera e Chi vuol essere milionario?. Alcune di queste, come ad esempio Tu si Que vales, sono già state registrate, e quindi andranno regolarmente in onda. A lui va il nostro più grande in bocca al lupo!

Georgette Polizzi si racconta dopo Temptation Island: «La mia odissea tra violenze e malattia»

Il grande pubblico la conosce soprattutto per essere stata, nel 2016, una delle concorrenti di Temptation Island insieme al fidanzato Davide Tresse, diventato suo marito due anni più tardi. Ma Georgette Polizzi, stilista (suo è il brand GeorgettePol) e influencer da 600.000 followers, prima di diventare una donna di successo ha dovuto sopportare ingiustizie, maltrattamenti, discriminazioni. Un passato difficile e doloroso che racconta per la prima volta nel libro “I lividi non hanno colore” (Mondadori Electa).

georgette-polizzi-678x381

Perché ha scelto questo titolo?
«Perché sulla pelle nera i lividi non si vedono. Però sono segni che il tempo non può cancellare».

La principale responsabile di quei lividi è stata sua madre.
«Sì, mi ha picchiata fin da piccolissima. Adesso ho capito che era malata, ma quando sei bambina non lo capisci, pensi che quella rabbia sia la normalità, che tutti i genitori reagiscono così per punire i figli quando magari rompono qualcosa, credi di meritarle. A 15 anni sono finita in ospedale e mi hanno allontanata da lei: da quel momento sono cresciuta in una Casa famiglia».

Ha subito violenze solo tra le mura domestiche?
«No, per strada i compagni di scuola mi facevano cadere, mi tiravano i sassi in testa per il colore della mia pelle. Erano gli anni Ottanta, il razzismo era tanto. Mi sono resa conto di essere diversa a 6-7 anni, stavo malissimo. Probabilmente da lì nasce la mia voglia di rivalsa, di dimostrare agli altri che sapevo fare le cose come loro e forse ancora meglio di loro».

Pensa che il razzismo sia sparito, da allora?
«No, c’è ancora, ma in maniera velata. Prendere posizione contro il razzismo fa moda, fa tendenza, e credo che tutti i post sulla morte di George Floyd siano state soltanto forme di esibizionismo».

Oggi combatte contro la sclerosi multipla. Cosa vuole dire a chi, come lei, ne è affetto?
«Che bisogna amare la vita e non buttarsi mai giù, perché in questo tipo di malattie i farmaci fanno molto, ma senza la testa non ci si riprende. Io da un giorno all’altro mi sono ritrovata paralizzata, ma con grande impegno e forza di volontà ho ripreso a camminare in quattro mesi. Se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque».

Che esperienza è stata Temptation Island?
«Una parentesi che mi ha dato la possibilità di farmi conoscere, di questo devo ringraziare quel programma, ma fare televisione non è una cosa a cui penso: io avevo un sogno e l’ho realizzato, ora ho un’azienda con dei dipendenti».

Lorella Cuccarini, la lettera d’addio a La Vita in diretta e lo sfogo contro Alberto Matano: «Maschilista e con un ego sfrenato»

L’addio di Lorella Cuccarini a La Vita in Diretta, praticamente ufficiale, adesso fa discutere. Oggi pomeriggio su Raiuno andrà in onda l’ultima puntata del contenitore pomeridiano dell’ammiraglia del servizio pubblico, che tornerà a settembre ma senza “la più amata dagli italiani” in conduzione. Infatti, in studio ci sarà il solo Alberto Matano. Infatti, Matano è considerato molto vicino al M5S, partito di maggioranza relativa in Parlamento e conseguentemente molto influnte nella rete ammiraglia rai, è uno dei conduttori di punta di viale Mazzini, in grande ascesa.

5310899_1156_lorella_cuccarini_alberto_matano

La decisione era nota, i giornali l’avevano ampiamente anticipata. Oggi, però, la svolta: Lorella Cuccarini in una lettera inviata ai colleghi che hanno lavorato con lei in questi mesi si sfoga – senza mai nominarlo – contro il collega Alberto Matano con cui il rapporto non è mai decollato: la Cuccarini, nel testo della lettera, lo accusa di «maschilismo» e parla di «prevaricazioni». Un sorpresa anche per molti redattori del programma che pensavano che il rapporto tra i due si fosse “normalizzato” dopo alcune incomprensioni degli scorsi mesi. Una lettera esplosiva.

«Cari compagni di viaggio, è arrivato il momento dei saluti, ma prima vorrei condividere con voi ciò che questa avventura ha rappresentato per me – scrive la Cuccarini nella sua lettera – È stata la mia prima volta in un programma quotidiano così complesso. Di programmi televisivi ne ho fatti tanti, ma una ‘macchina infernale’ come quella di VID non l’avevo mai guidata. La prima volta (e speriamo l’unica) in cui abbiamo dovuto convivere con il dramma di una pandemia devastante. A proposito, grazie per il vostro coraggio. La professionalità la diamo per scontata, il coraggio no…», scrive.

Poi la lunga parte su un “lui” mai nominato che non si fa fatica ad identificare con Matano, di cui però non fa mai il nome. «C’è una ‘prima volta’ alla quale non ero preparata: il confronto con l’ego sfrenato e – sì, diciamolo pure – con l’insospettabile maschilismo di un collega di lavoro – scrive Lorella – Esercitato più o meno sottilmente, ma con determinazione. Costantemente. Talvolta alternato ad incredibili (e mai credute) dichiarazioni pubbliche di stima nei miei riguardi. So che tutto questo non devo certo ricordarlo a voi che eravate qui. E se si volesse cercare il perché di tutto questo, non sarebbe certo necessario rivolgersi alla Bruzzone».

Per la cronaca, la trasmissione ha sempre avuto buoni ascolti, anche durante la pandemia e il lockdown, e Lorella con i colleghi e la redazione ha avuto un ottimo rapporto: per alcuni di loro questo saluto è stato una sorpresa, perché non pensavano che il rapporto tra i conduttori fosse così burrascoso come descritto dalla Cuccarini. Il cui addio, di cui si era parlato già nei mesi scorsi, arriva anche a causa delle sue posizioni sovraniste dello scorso anno. «Ora la missione è compiuta e saluto il programma», scrive rendendo chiaro il messaggio.

«Malgrado tutto, mi ritengo fortunata per due motivi: perché in questi mesi ho avuto il privilegio di poter fare vero Servizio Pubblico e perché, in tutta la mia vita, ho conosciuto prevaricazioni di questo tipo solo ora, a 55 anni. Niente al confronto di molte donne che hanno sperimentato questa realtà fin da subito senza avere neppure la forza di opporsi o di parlarne. Malgrado tutto però è stato bello condividere questi mesi con voi – conclude la ex ‘più amata dagli italiani’ – Non so dove, non so quando, magari ci ritroveremo… Grazie di cuore a tutte le anime belle che ho incontrato. Vi abbraccio, Lorella Cuccarini».

Che fine ha fatto la sexy Caroline Holden di Baywatch? La trasformazione dopo 20 anni

Il tempo passa per tutti, ma per alcuni è particolarmente impietoso, soprattutto quando si è un personaggio pubblico e nel passato si è stati dei sex symbol. Sarà per questo che, da Greta Garbo in poi, molte star hanno deciso di ritirarsi a vita privata quando non si sentivano più in grado di reggere le critiche: oggi però, tra paparazzi e social network, sfuggire agli occhi del pubblico è molto, molto più difficile che un tempo.

dc59559af1116847ca083aa16dd60d3c

La notizia del giorno sui siti di gossip è la trasformazione totale di Yasmine Bleeth, uno dei volti più conosciuti ed affascinanti di Baywatch, la storica serie tv con i bagini ambientata a Malibù: Yasmine interpretava Caroline Holden e come notorietà era seconda forse solo a Pamela Anderson e David Hasselhoff. Oggi, a 51 anni, Yasmine vive nel sud della California, dove è stata paparazzata mentre portava a spasso il cane: è molto diversa da Caroline Holden, ma sicuramente è una donna nuova, che afferma di aver imparato a tenere consapevolmente la droga lonta.