Georgette Polizzi si racconta dopo Temptation Island: «La mia odissea tra violenze e malattia»

Il grande pubblico la conosce soprattutto per essere stata, nel 2016, una delle concorrenti di Temptation Island insieme al fidanzato Davide Tresse, diventato suo marito due anni più tardi. Ma Georgette Polizzi, stilista (suo è il brand GeorgettePol) e influencer da 600.000 followers, prima di diventare una donna di successo ha dovuto sopportare ingiustizie, maltrattamenti, discriminazioni. Un passato difficile e doloroso che racconta per la prima volta nel libro “I lividi non hanno colore” (Mondadori Electa).

georgette-polizzi-678x381

Perché ha scelto questo titolo?
«Perché sulla pelle nera i lividi non si vedono. Però sono segni che il tempo non può cancellare».

La principale responsabile di quei lividi è stata sua madre.
«Sì, mi ha picchiata fin da piccolissima. Adesso ho capito che era malata, ma quando sei bambina non lo capisci, pensi che quella rabbia sia la normalità, che tutti i genitori reagiscono così per punire i figli quando magari rompono qualcosa, credi di meritarle. A 15 anni sono finita in ospedale e mi hanno allontanata da lei: da quel momento sono cresciuta in una Casa famiglia».

Ha subito violenze solo tra le mura domestiche?
«No, per strada i compagni di scuola mi facevano cadere, mi tiravano i sassi in testa per il colore della mia pelle. Erano gli anni Ottanta, il razzismo era tanto. Mi sono resa conto di essere diversa a 6-7 anni, stavo malissimo. Probabilmente da lì nasce la mia voglia di rivalsa, di dimostrare agli altri che sapevo fare le cose come loro e forse ancora meglio di loro».

Pensa che il razzismo sia sparito, da allora?
«No, c’è ancora, ma in maniera velata. Prendere posizione contro il razzismo fa moda, fa tendenza, e credo che tutti i post sulla morte di George Floyd siano state soltanto forme di esibizionismo».

Oggi combatte contro la sclerosi multipla. Cosa vuole dire a chi, come lei, ne è affetto?
«Che bisogna amare la vita e non buttarsi mai giù, perché in questo tipo di malattie i farmaci fanno molto, ma senza la testa non ci si riprende. Io da un giorno all’altro mi sono ritrovata paralizzata, ma con grande impegno e forza di volontà ho ripreso a camminare in quattro mesi. Se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque».

Che esperienza è stata Temptation Island?
«Una parentesi che mi ha dato la possibilità di farmi conoscere, di questo devo ringraziare quel programma, ma fare televisione non è una cosa a cui penso: io avevo un sogno e l’ho realizzato, ora ho un’azienda con dei dipendenti».

Lorella Cuccarini, la lettera d’addio a La Vita in diretta e lo sfogo contro Alberto Matano: «Maschilista e con un ego sfrenato»

L’addio di Lorella Cuccarini a La Vita in Diretta, praticamente ufficiale, adesso fa discutere. Oggi pomeriggio su Raiuno andrà in onda l’ultima puntata del contenitore pomeridiano dell’ammiraglia del servizio pubblico, che tornerà a settembre ma senza “la più amata dagli italiani” in conduzione. Infatti, in studio ci sarà il solo Alberto Matano. Infatti, Matano è considerato molto vicino al M5S, partito di maggioranza relativa in Parlamento e conseguentemente molto influnte nella rete ammiraglia rai, è uno dei conduttori di punta di viale Mazzini, in grande ascesa.

5310899_1156_lorella_cuccarini_alberto_matano

La decisione era nota, i giornali l’avevano ampiamente anticipata. Oggi, però, la svolta: Lorella Cuccarini in una lettera inviata ai colleghi che hanno lavorato con lei in questi mesi si sfoga – senza mai nominarlo – contro il collega Alberto Matano con cui il rapporto non è mai decollato: la Cuccarini, nel testo della lettera, lo accusa di «maschilismo» e parla di «prevaricazioni». Un sorpresa anche per molti redattori del programma che pensavano che il rapporto tra i due si fosse “normalizzato” dopo alcune incomprensioni degli scorsi mesi. Una lettera esplosiva.

«Cari compagni di viaggio, è arrivato il momento dei saluti, ma prima vorrei condividere con voi ciò che questa avventura ha rappresentato per me – scrive la Cuccarini nella sua lettera – È stata la mia prima volta in un programma quotidiano così complesso. Di programmi televisivi ne ho fatti tanti, ma una ‘macchina infernale’ come quella di VID non l’avevo mai guidata. La prima volta (e speriamo l’unica) in cui abbiamo dovuto convivere con il dramma di una pandemia devastante. A proposito, grazie per il vostro coraggio. La professionalità la diamo per scontata, il coraggio no…», scrive.

Poi la lunga parte su un “lui” mai nominato che non si fa fatica ad identificare con Matano, di cui però non fa mai il nome. «C’è una ‘prima volta’ alla quale non ero preparata: il confronto con l’ego sfrenato e – sì, diciamolo pure – con l’insospettabile maschilismo di un collega di lavoro – scrive Lorella – Esercitato più o meno sottilmente, ma con determinazione. Costantemente. Talvolta alternato ad incredibili (e mai credute) dichiarazioni pubbliche di stima nei miei riguardi. So che tutto questo non devo certo ricordarlo a voi che eravate qui. E se si volesse cercare il perché di tutto questo, non sarebbe certo necessario rivolgersi alla Bruzzone».

Per la cronaca, la trasmissione ha sempre avuto buoni ascolti, anche durante la pandemia e il lockdown, e Lorella con i colleghi e la redazione ha avuto un ottimo rapporto: per alcuni di loro questo saluto è stato una sorpresa, perché non pensavano che il rapporto tra i conduttori fosse così burrascoso come descritto dalla Cuccarini. Il cui addio, di cui si era parlato già nei mesi scorsi, arriva anche a causa delle sue posizioni sovraniste dello scorso anno. «Ora la missione è compiuta e saluto il programma», scrive rendendo chiaro il messaggio.

«Malgrado tutto, mi ritengo fortunata per due motivi: perché in questi mesi ho avuto il privilegio di poter fare vero Servizio Pubblico e perché, in tutta la mia vita, ho conosciuto prevaricazioni di questo tipo solo ora, a 55 anni. Niente al confronto di molte donne che hanno sperimentato questa realtà fin da subito senza avere neppure la forza di opporsi o di parlarne. Malgrado tutto però è stato bello condividere questi mesi con voi – conclude la ex ‘più amata dagli italiani’ – Non so dove, non so quando, magari ci ritroveremo… Grazie di cuore a tutte le anime belle che ho incontrato. Vi abbraccio, Lorella Cuccarini».

Che fine ha fatto la sexy Caroline Holden di Baywatch? La trasformazione dopo 20 anni

Il tempo passa per tutti, ma per alcuni è particolarmente impietoso, soprattutto quando si è un personaggio pubblico e nel passato si è stati dei sex symbol. Sarà per questo che, da Greta Garbo in poi, molte star hanno deciso di ritirarsi a vita privata quando non si sentivano più in grado di reggere le critiche: oggi però, tra paparazzi e social network, sfuggire agli occhi del pubblico è molto, molto più difficile che un tempo.

dc59559af1116847ca083aa16dd60d3c

La notizia del giorno sui siti di gossip è la trasformazione totale di Yasmine Bleeth, uno dei volti più conosciuti ed affascinanti di Baywatch, la storica serie tv con i bagini ambientata a Malibù: Yasmine interpretava Caroline Holden e come notorietà era seconda forse solo a Pamela Anderson e David Hasselhoff. Oggi, a 51 anni, Yasmine vive nel sud della California, dove è stata paparazzata mentre portava a spasso il cane: è molto diversa da Caroline Holden, ma sicuramente è una donna nuova, che afferma di aver imparato a tenere consapevolmente la droga lonta.

Domenica in, signora del pubblico attacca Selvaggia Lucarelli: «Vai bene con Tina Cipollari»

Selvaggia Lucarelli è stata ospite come opinionista a Domenica In nella puntata speciale su Sanremo.

unnamed (2)

La giornalista non ha usato parole tenere nei confronti di alcuni giovani cantanti stroncando Achille Lauro, Alberto Urso ed Enrico Nigiotti. Il pubblico in sala non ha gradito i suoi commenti e l’ha fischiata più volte finché una donna si è alzata in piedi urlandole contro. Mara Venier ha invitato la signora ad avvicinarsi per spiegare le sue ragioni. “Lei attacca sempre tutti sti ragazzi, sta bene con Tina” ha detto la donna. “Ma Tina Cipollari? Io amo Tina e Gemma!” ha esclamato divertita Mara. Insomma, un’inattesa dose di trash anche a Domenica In che ha fatto impazzire il popolo dei social.

Sanremo 2020, il figlio di Amadeus emoziona: il gesto toccante e inaspettato del bambino di 10 anni

Durante il festival di Sanremo 2020, dopo l’esibizione di Paolo Palumbo, il più giovane malato di sla d’Europa, il Teatro Ariston gli ha giustamente dedicato una standing ovation. Quello che però in molti hanno notato è che a farla partire è stato un bambino seduto in prima fila, ovvero Josè Alberto, il figlio di Amadeus. Ecco cosa è successo.

5033017_43_20200206065443

Paolo Palumbo sul palco dell’Ariston colpisce tutti
Andiamo con ordine. Nella seconda serata del Festival di Sanremo è salito sul palco dell’Ariston Paolo Palumbo, un ragazzo di 22 anni colpito dalla sla a soli 18 anni. Lui, il malato di sla più giovane d’Europa, si è esibito sulle note di “Io sto con Paolo”, una canzone estremamente toccante dedicata appunto alla sua condizione.

“La mia non è la storia di un ragazzo sfortunato, ma quella di uno che non si è mai arreso”, ha detto Paolo durante il suo momento, colpendo al cuore il pubblico. Tanto è vero che all’Ariston per lui è partita la standing ovation.

Sanremo 2020: il figlio di Amadeus fa partire la standing ovation
Quello di cui però si sono accorti in tanti è che a far partire la standing ovation della platea di Sanremo 2020 è stato il figlio di Amadeus. Proprio Josè Alberto, infatti – seduto in prima fila accanto alla mamma – si è alzato in piedi per regalare il tributo del pubblico a Paolo Palumbo, un momento veramente sentito.

“Un applauso al figlio di Amadeus che si è alzato per primo – ha scritto un internauta su Twitter – un bambino di meno di 10 anni che si alza ad applaudire per primo davanti ad una performance così toccante, rispetto a tutte le vecchie me**e che volevano stare sedute”.

Madonna: “Non sono mai stata con un uomo che ce l’aveva piccolo…”

Dopo 10 date annullate Madonna torna sul palco con il suo Madame X Tour e dal Palladium di Londra “provoca” il suo pubblico con domande bollenti. “Come definireste un uomo con un pene piccolo?”, chiede la popstar e poi risponde lei stessa: “La risposta è che non vorrei saperlo. Non sono mai stata con uomo che ce l’aveva piccolo…Le dimensioni contano, non fate finta di non saperlo…”.

49-Madonna-Hot-Pictures-Will-Drive-You-Nuts-For-Her

Ma non è finita qui. La regina del pop, 61 anni, che nel suo curriculum sentimentale vanta personaggi del calibro del regista Guy Ritchie (con cui è stata sposata dal 2000 al 2008), Sean Penn (sposato nel 1985 e da cui ha divorziato nel 1989) e poi Warren Beatty, Tony Ward, il rapper Vanilla Ice e una serie di toyboy come il modello portoghese Kevin Sampaio, 31, il ballerino francese Brahim Zaibat, ha continuato a “stuzzicare” il pubblico vantandosi delle sue abilità sessuali: “Sono molto brava sulle ginocchia, riesco a stare piegata anche venti minuti”.

Dopo aver bevuto da una bottiglia di birra di un fan nel pubblico ha poi commentato: “Ecco, abbiamo appena condiviso le malattie sessualmente trasmissibili…”.

Ciao Darwin, chi è Madre Natura: la modella Angelina Michelle

4380846_1049_angelina_michelle_madre_natura_ciao_darwinUn cesto rosso fuoco, di ricci avvolgenti, ha fatto capolino dalla scalinata di Ciao Darwin. E poi ecco apparire Madre Natura. Uno dei momenti più attesi della trasmissione di Paolo Bonolis, andata in onda venerdì 22 marzo, si è rivelato al pubblico con le sembianze di una splendida modella. Mentre il pubblico in studio restava a bocca aperta, da casa sui social arrivavano i primi post con una domanda: “Ma chi è Madre Natura?”.

Chi è la modella di Madre Natura
Si chiama Angelina Michelle. E non è “totalmente” russa. Sì, perché Bonolis nel corso della trasmissione aveva fatto capire l’origine della seconda Madre Natura di questa edizione di Ciao Darwin 2019, parlando con l’accento “moscovita”. In realtà Angelina Michelle è nata in Francia. La sua nazionalità, però, è russa.

Pelle bianca, capelli rossi e un fisico mozzafiato. Su Instagram non ha un numero di seguaci altissimo, quasi 200 mila, però dopo il suo esordio su Canale 5 molto probabilmente aumenterà il suo “bottino”. Angelina Michelle è fidanzata con un altro modello. Si chiama Norman Theuerkorn e insieme condividono una passione: quella dell’arte.