Via col vento rimosso dalla HBO negli Usa: «Film razzista»

Via col vento un film razzista. Questa sarebbe la motivazione per cui la storica pellicola è stata rimossa da Hbo Max, il servizio di video on demand Usa. Il film, del 1939, è stato definito con pregiudizi razziali e per questo eliminato, un gesto che ha probabilmente a che fare con le numerose proteste antirazziste di questi giorni negli Usa conseguenti alla morte di Floyd.

5279671_1318_via_col_vento_rassismo_hbo

Il film racconta la guerra di secessione americana, lo scontro tra nordisti e sudisti per l’abolizione della schiavitù dei neri. Si tratta di un film storico, in cui viene mostrata la difficile condizione dei neri in schiavitù, ma resta un film di livello, che vinse ben 8 premi Oscar, compreso quello per la migliore attrice non protagonista, assegnato allora a Hattie McDaniel, che divenne così, paradossalmente, la prima attrice nera a vincere la prestigiosa statuetta. Inoltre, più che istigare al razzismo, racconta un capitolo della storia americana.

A motivare l’esclusione dello storico film dal catalogo di Hbo Max è stato un portavoce della stessa società di intrattenimento, nell’ambito di un’intervista concessa sempre ieri alla rivista Variety che spiega che si tratta: «un prodotto del suo tempo e raffigura alcuni dei pregiudizi etnici e razziali che, purtroppo, sono stati all’ordine del giorno nella società americana. Queste rappresentazioni razziste erano sbagliate allora e lo sono oggi e abbiamo ritenuto che mantenere questo titolo senza una spiegazione e una denuncia di quelle rappresentazioni sarebbe irresponsabile».

Bianca Atzei, resurrezione a Sanremo: “Così la tv e lʼamore mi hanno cambiata”

L’impressione, Bianca, è che tu sia più serena, è così?
E’ una impressione molto giusta, sono cambiate tantissime cose nella mia vita, sono più grande, tra pochi giorni (l’8 marzo, ndr) compio trent’anni, sto vivendo uno dei momenti più belli della mia vita. Sono felice e serena, quando c’è l’amore si sta bene.
Allora parliamo subito d’amore…

1423696231927_rainews_20150212001000124 (1)

E io che pensavo di cavarmela solo con una frase (ride, ndr). La verità è che sto bene, sono innamorata. Max mi supporta, mi sta vicino, è sempre la mio fianco. Anche in questi giorni sanremesi mi ha dato tanta tranquillità, con lui mi sento bene, è come se fossi a casa.
Tornando a Sanremo, come è nata la canzone?
Una notte dell’estate scorsa, avevo appena finito un concerto, mi ha chiamata Kekko Silvestre e mi ha detto ‘ho scritto una canzone per te’. Bene, me l’ha cantata al telefono tre volte di seguito, piano e voce, e ho subito capito dal testo che era fatta per me. Kekko mi ha confermato che era così, che aveva pensato alla mia storia d’amore. “Ora esisti solo tu” parla dei miei sentimenti, è molto intima, mi riguarda, sembra quasi che l’abbia scritta io, è come se l’autore mi conoscesse nel profondo.
Non c’è un album in uscita…
Lo faremo entro la fine dell’anno, con calma, ora mi dedico a questo momento. Ci sono diversi cantanti e autori che scriveranno per me, da Grignani a Silvestre. Bei nomi importanti…
Sei reduce da “Tale e quale show”, cosa ti ha dato la tv?
L’obiettivo era quello di vincere tanti pregiudizi. Solo perché non ho fatto un talent non devo essere penalizzata. Mi sono detta perché no ‘Tale e quale’? Lo guardavo, mi piaceva tantissimo, da tre anni volevo partecipare e l’ho fatto. E mi è servito tantissimo.
Bianca sei bella, brava, elegante: perché ci sono tanti pregiudizi su di te?
Non lo so. Sul palco mi concentro e canto. Cosa ci posso fare?
Magari sorridere di più?
Giuro, lo farò.