Cristiano Ronaldo positivo al Covid: «È asintomatico e in isolamento»

Cristiano Ronaldo è positivo al Covid. Lo annuncia la federcalcio portoghese, a poche ore dalla partita con la Svezia. L’attaccante della Juve è in isolamento ed è asintomatico.

5521095_1621_ronaldo_positivo_covid

La federcalcio portoghese ha reso noto che Cristiano Ronaldo ha lasciato l’allenamento con la Nazionale ed è stato posto immediatamente in isolamento. l giocatore sta bene, e non ha sintomi. A seguito della positività del campione juventino, tutti i restanti giocatori sono stati sottoposti stamattina a nuovi test, tutti con esito negativo, e sono a disposizione di Fernando Santos per gli allenamenti di questo pomeriggio, a Cidade do Futebol. Il Portogallo affronterà domani sera la Svezia in una partita valida per le qualificazioni alla Nations League.

Trump positivo, ha sintomi «lievi». Sapeva di Hicks ma volò ugualmente in New Jersey

Donald Trump e la First Lady Melania sono positivi al Covid. Lo ha annunciato lo stesso Trump su Twitter. «Iniziermo subito la quarantena e il percorso di convalescenza. Supereremo questo insieme», ha scritto il presidente americano. È accaduto dopo che Hope Hicks, una delle più strette consigliere del presidente, è risultata positiva. Negativi al tampone Ivanka Trump e il marito Jared Kushner.

054534018-e0270355-4899-4335-a15b-54b016151550

E, incalzato dai cronisti, il chief of staff Mark Meadows ha ammesso che la Casa Bianca sapeva della positività della consigliera Hope Hicks giovedì prima che partisse l’elicottero che ha trasportato il presidente ad una raccolta fondi in New Jersey. Alcune persone dello staff entrate in contatto con la Hicks, ha riferito, sono state fatte scendere. Anche Donald Trump era stato in stretto contattato con la sua consigliera ma è partito lo stesso e ha partecipato ugualmente all’evento, mettendo a rischio i partecipanti.

Donald Trump avrebbe contratto, almeno finora, un caso lieve di coronavirus, ma ha sintomi simili a quelli di un raffreddore. Lo riporta il New York Times citando alcune fonti. «Ho sintomi lievi ma in generale mi sento bene». Lo twitta la First Lady, Melania Trump, ringraziando per l’incoraggiamento ricevuto.

Trump ha cancellato il viaggio in Florida previsto nelle prossime ore nell’ambito della sua campagna elettorale – ha affermato la Casa Bianca -, aggiungendo che la positività del presidente avrà un effetto sugli ultimi scampoli di campagna elettorale a 32 giorni dal voto. La collaboratrice e consigliera di Trump, Hope Hicks, «non solo è risultata positiva al coronavirus, ma ci hanno anche detto che ha sintomi. Sta male», scrive il corrispondente dalla casa Bianca dell’emittente Usa Abc.

Tutto era cominciato proprio con un annuncio che il presidente aveva sempre affidato a un tweet. «Hope Hicks, che ha lavorato duramente senza prendersi neanche una piccola pausa, è positiva al Covid-19. Terribile!», aveva cinguettato in tarda serata dopo aver concesso un’intervista a Fox, durante la quale aveva confermato la positività di Hicks e spiegato di essere stato sottoposto al test e di attendere i referti. Poche ore dopo l’annuncio della positività al virus anche per il presidente e la First Lady.

Briatore positivo al tampone Covid: la conferma ufficiale dal San Raffaele

Flavio Briatore è positivo al Covid. Lo ha reso noto lo stesso ospedale San Raffaele di Milano, dove l’imprenditore è ricoverato da lunedì. L’esito del tampone parla chiaro, anche se dall’ospedale precisano che il ricovero è avvenuto per un’altra patologia – la prostatite, come dichiarato dal diretto interessato – e gli accertamenti Covid sono stati effettuati per seguire il protocollo.

Flavio Briatore, comunica l’Irccs ospedale San Raffaele di Milano, «si è rivolto all’ospedale per una specifica patologia diversa da Covid-19 e che è stato sottoposto prima del ricovero, come tutti i pazienti, al tampone rinofaringeo per il rilevamento del coronavirus Sars-Cov-2. Il tampone è risultato positivo».

«Di conseguenza – spiegano dal San Raffaele Giulio Melisurgo, medico curante, e Pasqualino D’Aloia, direttore professioni sanitarie – al signor Briatore è stato applicato il protocollo standard che prevede l’isolamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale necessari in caso di positività, sia per la sicurezza del paziente, sia per la tutela del personale di reparto e degli altri pazienti ricoverati». L’ospedale ribadisce che «la modalità di ricovero applicata risponde a tutti i requisiti di sicurezza necessari nel rispetto delle norme anti-contagio».

Boris Johnson positivo al coronavirus. «Ho febbre e tosse, guiderò il governo da casa»: Contagiato anche un ministro

Boris Johnson è positivo al coronavirus: il premier britannico è stato contagiato dal Covid-19 ed è in autoisolamento, riporta Downing Street, che precisa che i sintomi sono al momento «leggeri». «Nelle ultime 24 ore ho avvertito alcuni sintomi e sono risultato positivo al coronavirus – ha fatto sapere in un video postato su Twitter il premier inglese – Ora sono in autoisolamento, ma continuerò a lavorare in videoconferenza e a guidare il Governo nella battaglia contro questo virus. Insieme lo batteremo».

Johnson ha ringraziato tutto lo staff e «il nostro meraviglioso personale» sanitario. Il premier nel suo video spiega di avere febbre e tosse, ma di essere in grado di guidare il Paese. «Sto lavorando da casa in auto-isolamento perché è assolutamente la cosa giusta da fare. Ma non abbiate dubbi che posso continuare a guidare la controffensiva nazionale contro il coronavirus, col mio top team, grazie alla magia delle moderne tecnologie».

IERI IL TAMPONE Il tampone è stato eseguito ieri dopo che il primo ministro conservatore aveva accusato sintomi definiti leggeri di contagio da Covid-19. «Dopo aver manifestato sintomi lievi ieri, il Primo Ministro è stato sottoposto al test sul coronavirus su personale consiglio del chief medical officer, il professor Chris Whitty», ha detto oggi una portavoce di Downing Street. «Il test è stato eseguito da personale dell’Nhs (il servizio sanitario nazionale britannico) qui al numero 10 e il risultato è stato positivo».

La portavoce ha precisato che comunque Johnson al momento non ha smesso di lavorare e «continua a guidare la risposta del governo all’emergenza coronavirus». Nei giorni scorsi era stato precisato che, in caso d’impedimento, la guida dell’esecutivo sarebbe passata temporaneamente al suo vicario di fatto, il titolare degli Esteri, Dominic Raab, uno dei due ministri elevati nei mesi scorsi al rango di Primo Segretario di Stato (l’altro è Michael Gove).

POSITIVO ANCHE IL MINISTRO DELLA SANITA’ Il coronavirus dilaga nel governo britannico colpendo dopo Boris Johnson un’altra figura chiave nell’emergenza: il ministro della Sanità, Matt Hancock, che ha confermato in prima persona di essere a sua volta risultato positivo al test e di avere al momento «sintomi lievi». Hancock è ora in auto-isolamento, come ha fatto sapere.

Il principe Carlo positivo al coronavirus: il 10 marzo la cena con Alberto di Monaco, il 12 l’incontro con la Regina Elisabetta

Il principe Carlo, 71 anni, erede al trono britannico della Regina Elisabetta, è risultato positivo al test del coronavirus. Lo rende noto Buckingham Palace. Carlo era in isolamento in Scozia da alcuni giorni. Anche la consorte Camilla, duchessa di Cornovaglia, si è sottoposta al test che è risultato negativo. Il principe Carlo sta mostrando lievi sintomi «ma rimane in buona salute», ha riferito un portavoce. Tra i recenti impegni del principe una cena del 10 marzo al Water Aid in cui sedeva di fronte al Principe Alberto II di Monaco, di recente risultato positivo al virus. Secondo la Bbc l’ultimo incontro con la Regina Elisabetta sarebbe avvenuto il 12 marzo a Buckingham Palace.

il-principe-carlo-positivo-al-coronavirus_C_1_article_10985_0_paragraph_image

IN ISOLAMENTO IN SCOZIA
Il portavoce ha aggiunto: «In accordo con il governo e la consulenza medica, il principe e la duchessa si stanno autoisolando a casa in Scozia. I test sono stati effettuati dall’NHS nell’Aberdeenshire». «Non è possibile accertare da chi il principe abbia preso il virus a causa dell’elevato numero di incarichi che ha svolto nel suo ruolo pubblico nelle ultime settimane – ha spiegato – È improbabile che il principe Carlo abbia avuto con altri membri della famiglia reale, poiché la regina Elisabetta II, 93 anni, e il principe Filippo, 98 anni, alloggiano entrambi al Castello di Windsor, nel Berkshire».

L’ULTIMA VISITA CON LA REGINA ELISABETTA
Risale al 12 marzo l’ultimo impegno pubblico del principe Carlo. Lo sottolineano fonti della corte britannica, puntualizzando che il 71enne erede al trono ha visto per l’ultima volta sua madre, la quasi 94enne regina Elisabetta, «prima del 13 marzo». Effettivamente l’ultima immagine pubblica insieme risale al 9 marzo in occasione del Commonwealth Day nell’Abbazia di Westminster. Secondo la Bbc però l’ultimo incontro tra i due sarebbe avvenuto il 12 marzo a Buckingham Palace.

Nei giorni successivi, hanno aggiunto le fonti, ha avuto solo alcuni singoli incontri privati con conoscenti, funzionari e dignitari, prima di trasferirsi in auto-isolamento precauzionale con la consorte Camilla nella residenza di Balmoral, in Scozia. Tutti gli ultimi interlocutori entrati in contatto con lui sono stati avvertiti per i controlli del caso. Carlo e Camilla, hanno confermato le fonti, restano ora isolati a Balmoral con un piccolo gruppo di persone del loro staff.

IL 12 MARZO IL DISCORSO A UNA CENA IN AIUTO DELL’AUSTRALIA
Il principe Carlo il 12 marzo ha tenuto un discorso durante una cena tenutasi in aiuto allo sforzo australiano di ripresa degli incendi boschivi, rendendo omaggio alla “straordinaria determinazione e capacità di recupero” del popolo australiano. Il filmato è stato pubblicato sull’account Instagram ufficiale della Royal Family.

Lo scorso 21 febbraio, stando sempre alle immagini pubblicate sui social, l’erede al trono britannico ha incontrato residenti e imprenditori colpiti dalle recenti alluvioni nella città di Pontypridd. Il principe ha anche incontrato alcuni membri del personale dei servizi di emergenza coinvolti nell’operazione di salvataggio.

Coronavirus, Michelle Hunziker rassicura i fan dopo l’intervista da Chiambretti: «Sono fuori pericolo»

Michelle Hunziker ha voluto fare sapere ai suoi fan di essere fuori pericolo dal coronavirus dopo l’intervista da Chiambretti. Il conduttore è infatti risultato positivo al Covid-19, insieme a sua mamma che purtroppo non ce l’ha fatta. Dopo la notizia è scattata l’allerta per gli ospiti predenti durante l’ultima puntata de La Repubblica Delle Donne, tra cui Michelle.

michelle-hunziker-con-felpa-rosa

Michelle ha fatto sapere di non essere in pericolo rispondendo a una sua fan su Instagram. In un momento di nostalgia la conduttrice ha postato una foto della mamma dicendo che in questo momento le manca molto non poter averla vicina: «Non vedo la mia mamma da almeno 20 giorni. Si è giustamente tappata in casa come tutti ed è a rischio a causa della sua età. Abbiamo evitato qualsiasi possibilità di contagio per lei. Mi manca tanto», ha scritto la Hunziker.

Tra i commenti alla foto c’è chi ha però osservato: «Michelle ma anche tu eri in quarantena obbligatoria? Intendo dopo essere andata da Chiambretti», Immediata la risposta di Michelle che ha rassicurato subito i suoi followers: «Ciao, no grazie a Dio sono fuori pericolo. Penso tanto a Piero…gli voglio molto bene».

Chiambretti positivo, Serena Grandi: «Ci eravamo baciati in puntata, poi sono stata da Barbara D’Urso»

Chiambretti positivo, Serena Grandi: «Ci eravamo baciati in puntata, poi sono stata da Barbara D’Urso». A poche ore dalla notizia secondo cui Piero Chiambretti e la mamma sono positivi al coronavirus, Serena Grandi ha rilasciato una dichiarazione all’Adnkronos riguardo ai suoi ultimi contatti con il conduttore di CR4 La Repubblica delle Donne.

5117133_2210_serenagrandi_chiambretti

«Sono stata da Piero Chiambretti per ben due volte, ci siamo abbracciati e baciati e in attesa di capire che tipo di protocollo devo dire mi metto in autoquarantena». E continua: «Sono tanto tanto dispiaciuta per Piero. Mi hanno detto che ha una broncopolmonite, spero guarisca presto. Sono preoccupata anche molto per la mamma anziana. Io sono ipocondriaca e sono preoccupata ma per ora sto benissimo».

Serena Grandi conclude parlando dei giorni dopo l’ospitata alla Repubblica delle Donne: «Ora che ci penso dopo essere stato ospite da lui ho avuto una brutta febbre e tosse durata solo qualche giorno e ho pensato che fosse stata causata dalla radioterapia a cui sono dovuti sottoporre per un tumore al seno. Vai a sapere. Sono stata ospite per due volte anche da Barbara D’Urso. Speriamo che finisca tutto per il meglio».