Madonna: “Non sono mai stata con un uomo che ce l’aveva piccolo…”

Dopo 10 date annullate Madonna torna sul palco con il suo Madame X Tour e dal Palladium di Londra “provoca” il suo pubblico con domande bollenti. “Come definireste un uomo con un pene piccolo?”, chiede la popstar e poi risponde lei stessa: “La risposta è che non vorrei saperlo. Non sono mai stata con uomo che ce l’aveva piccolo…Le dimensioni contano, non fate finta di non saperlo…”.

49-Madonna-Hot-Pictures-Will-Drive-You-Nuts-For-Her

Ma non è finita qui. La regina del pop, 61 anni, che nel suo curriculum sentimentale vanta personaggi del calibro del regista Guy Ritchie (con cui è stata sposata dal 2000 al 2008), Sean Penn (sposato nel 1985 e da cui ha divorziato nel 1989) e poi Warren Beatty, Tony Ward, il rapper Vanilla Ice e una serie di toyboy come il modello portoghese Kevin Sampaio, 31, il ballerino francese Brahim Zaibat, ha continuato a “stuzzicare” il pubblico vantandosi delle sue abilità sessuali: “Sono molto brava sulle ginocchia, riesco a stare piegata anche venti minuti”.

Dopo aver bevuto da una bottiglia di birra di un fan nel pubblico ha poi commentato: “Ecco, abbiamo appena condiviso le malattie sessualmente trasmissibili…”.

Elisa Tovati, la cantante fa una scenata al ristorante. Muccino retwitta il video: «Sembra un mio film»

Una sfuriata degna di un film. La cantante francese Elisa Tovati si è lasciata andare a una scenata degna di un film con tanto di grida, lancio di oggetti e altro, mentre si trovava in un tavolo di ristorante insieme ad altre persone. La donna non è riuscita a trattenersi e il suo sfogo, che ha turbato tutta la sala è stato ripreso con un telefono e postato sui social dove è diventato ben presto virale.

Elisa-1

Proprio a questo punto la Tovati ha spiegato cosa fosse accaduto: «In realtà stavamo girando il mio nuovo video in questo ristoranti. Nella canzone ‘The Machine’, denuncio la brutalità con cui a volte vengono trattati gli artisti». La cantante ha commentato dicendo che in questo periodo spesso ad artisti non più giovanissimi le case discografiche fanno notare che forse è arrivato il momento di finire la carriera: «Volevo che questa clip fosse violenta come questa realtà, per dare una scossa».

Va detto che non tutti gli utenti sono stati convinti della risposta dell’artista, tanto che lo stesso Gabriele Muccino ha retwittati il video affermando ironicamente: «Nei miei film urlano sempre così tanto i personaggi! Ma perché?! La vita non è così».

Belen: “Non sono una tr**a”. Incontra hater ma il finale è inaspettato

Tutti i vip, o quasi, sono vittime di haters. Si tratta di utenti, ben nascosti dietro smartphone e pc, che non perdono occasione per aggredire verbalmente, commentare in modo pungente e, a volte cattivo, quanto viene postato sui social dai personaggi famosi ( e non). Belen Rodriguez, personaggio del momento, non è da meno e Le Iene hanno deciso di organizzare un incontro tra la showgirl e una sua accanita hater.

18486400_1263996267055943_5933996201764655145_n

Mary Sarnataro ha seguito il caso e alla fine ha organizzato l’incontro tra le due, anche se la hater non sapeva che si sarebbe trovata di fronte Belen. «Mi devi rimproverare?», ha subito chiesto la ragazza dopo un saluto. «Devo dirti un paio di cosine, ti devo chiedere per quale motivo mi scrivi ‘Schifosa’, ‘L’ha data a cani e porci’, ‘Rubauomini’, ‘facili costumi’…», così è iniziato il loro lungo scambio di battute a cui la ragazza ha subito risposto di non essere la sola ad avere un atteggiamento simile e a scriverle certi commenti. «Ma ti sembra una giustificazione? Ma una cosa è la critica e una cosa sono quelle parole come ‘Tr… a pagamento’, cose che potrebbe legge anche mio figlio», ha replicato Belen. Lo scambio di battute si è concluso, però, nel migliore dei modi, con un abbraccio, le scuse e persino una promessa da parte della hater: «Io, Mary, prometto davanti a Belen Rodriguez che non la insulterò più, non insulterò più nessuno. E soprattutto lei, perché ci ho dato giù pesante».

Barbara D’Urso non dovrà più pagare l’assegno all’ex marito

Barbara D’Urso, che ha appena festeggiato i 60 anni, da oggi non dovrà pagare più all’ex marito, Michele Carfora, l’assegno del divorzio riconosciutogli in primo grado dal Tribunale di Roma. Lo ha stabilito con sentenza pubblicata il 2 maggio scorso la Corte d’Appello di Roma. La presidente, Germana Corsetti, ha cancellato l’obbligo dell’assegno della anchor-woman di Canale 5, dopo che la D’Urso era stata denunciata penalmente dall’ex marito per il mancato pagamento di un assegno che non era dovuto e che non avrebbe mai dovuto essere versato.

Barbara_D_Urso_3

La notizia arriva nel giorno in cui una sentenza della Cassazione archivia definitivamente l’assegno di divorzio legato al tenore di vita matrimoniale, sostituendolo con nuovi parametri basati sulla valutazione dell’indipendenza o dell’autosufficienza economica dell’ex coniuge che lo richiede. Barbara d’ Urso e Michele Carfora si erano separati consensualmente nel 2006, dopo appena tre anni di matrimonio, ma al divorzio il marito ha chiesto l’assegno alla moglie. La D’Urso, difesa dall’avvocato Valeria De Vellis dello studio legale Carnelutti di Milano, secondo la Corte, oggi deve essere «definitivamente esonerata» dall’obbligo di versare l’assegno «divorzile» all’ex coniuge, perché Michele Carfora, formando una nuova famiglia dalla quale è anche nata una figlia, «ha determinato il venire meno dell’obbligo di solidarietà post-coniugale». Michele Carfora non aveva negato in giudizio la convivenza, ma aveva dichiarato che la stessa, durata quanto meno dal 2009 al 2016, si era interrotta. Tuttavia, la Corte d’Appello di Roma ha fatto valere il principio, espresso dalla Cassazione in alcune recenti sentenze, per cui la formazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia di fatto, «rescindendo ogni connessione con il tenore e il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale», determina la perdita definitiva dell’assegno divorzile e non la semplice sospensione dello stesso, a prescindere dalle sorti del nuovo nucleo familiare. Secondo la Corte d’Appello di Roma l’assegno non è dovuto anche perché durante il matrimonio ciascuno dei coniugi, entrambi personaggi dello spettacolo dotati di reddito, si manteneva da sé.