Fedez e Chiara Ferragni, lo yacht imbarca acqua in Sardegna: paura in mare. I fan sotto choc: “Cosa è successo?”

Chiara Ferragni, panico in mare per lo yacht che imbarca acqua. Paura per Chiara Ferragni e Fedez che stanno trascorrendo le loro vacanze in Sardegna con gli amici. Durante una gita in mare nelle acque cristalline di La Maddalena e Caprera è successo un imprevisto che i Ferragnez hanno provveduto immediatamente a socializzare con i loro fan, alcuni dei quali decisamente preoccupati per quello che stava succedendo.

5403411_1536_chiara_ferragni_barca_rotta_sardegna

La loro imbarcazione di lusso ha cominciato ad imbarcare acqua e per qualche attimo si è temuto perfino che potesse affondare. Chiara Ferragni e Fedez sono stati salvati, insieme ai loro amici, da un maxi gommone arrivato in loro soccorso. SOlo così hanno potuto tornare a riva. In questi giorni i Ferragnez si stanno rilassando sulla costa est della Sardegna, tra San Teodoro e Tavolara. In particolare hanno postato la loro uscita in barca ai Sassi Piatti di Molara, isoletta davanti a Tavolara, dove sono stati riconosciuti dai bagnanti entusiasti per la presenza a sorpresa delle star social dell’estate 2020. Fedez e la Ferragni sono stati anche ospiti dell’hotel Ollastu di Porto San Paolo, dove è stato organizzato per loro un super pic nic molto chic in riva al mare con vista mozzafiato su Tavolara.

Alessia Marcuzzi, paura per la conduttrice: incidente in strada mentre era a passeggio col cane

Alessia Marcuzzi, incidente in strada mentre era a passeggio col cane. Brutta avventura per la conduttrice Mediaset. Alessia Marcuzzi è caduta in strada mentre era fuori con il barboncino Brownie, riportando un infortunio al piede. È lei stessa a raccontarlo sulle storie di Instagram.

5307156_1821_alessiamarcuzzi_incidente

«Sono caduta come una polla lessa – spiega autoironica -. Un po’ di ghiaccio, ma la caviglia è salva». La conduttrice posta poi una foto in cui è ritratta sul letto con il piede fasciato. I fan sono con lei: «Forza Alessia».

David Beckham, tunnel segreto sotto casa per paura di essere rapinati

David e Victoria Beckham progettano di costruire un passaggio sotterraneo nel loro ritiro in Cotswolds. La coppia è terrorizzata da svariate aggressioni e dall’aumento della criminalità, e così ha deciso di aumentare la sicurezza della loro casa di campagna costruendo un tunnel che possa metterli a riparo. Lo riporta l’Independent.

5299295_1322_victoria_david_beckham_30

Il permesso è arrivato pochi giorni fa e il costo del progetto è di 6 milioni di sterline che porterà a una cantina sotto un garage molto grande (c’è posto per 7 auto). L’architetto, che ha disegnato il progetto, ha raccontato che questo comprende una nuova cantina nel seminterrato costruita sotto l’attuale garage che verrà collegato tramite una passerella. Al momento, viene usata per riporre pregiate bottiglie di vino, ma in caso di necessità si trasforma in un rifugio (una specie di panic room) che in questo modo mette tutta la famiglia al riparo di aggressioni.

Secondo il Times , l’agente di pianificazione della famiglia ha dichiarato che il lavoro “migliorerà la sicurezza per gli occupanti della proprietà”.

I Beckham attualmente vivono con tre dei loro quattro figli: Romeo, Cruz e Harper. Il loro figlio maggiore, Brooklyn, vive a New York. Ricordiamo che i Beckham hanno anche una casa da 31 milioni di sterline a Holland Park, a ovest di Londra, dove hanno appena perso una battaglia per impedire a un vicino di ristrutturare la sua proprietà dopo aver affermato che avrebbe invaso la loro privacy.

Si dice che Ed Sheeran abbia installato un passaggio simile sotto casa sua a Suffolk che conduce al suo pub.

Barbara D’urso, paura per la conduttrice: incidente e ustione di secondo grado. «È sotto antidolorifici»

Su Leggo.it gli ultimi aggiornamenti. Barbara D’urso, incidente e ustione di secondo grado. Barbara D’Urso ha appena postato un video su Instagram in cui ha raccontato un brutto episodio di cui è stata suo malgrado protagonista.

barbaradurso_ustione_18212659

«Non vi avrei voluto raccontare questa cosa – spiega nel filmato – ma devo farlo perché domenica sarò in diretta e ve ne sareste accorti. Ho un’ustione di secondo grado alla mano, è stato un momento bello doloroso, sono sotto antidolorifici. Ma le cose brutte sono altre, guarirò…».

La conduttrice ha preferito glissare sulla dinamica dell’incidente. Immediati i commenti dei fan: «Barbara siamo con te».

Alberto Matano, paura alla Vita in Diretta: «Inviato e cameraman presi a calci e pugni»

Alberto Matano, paura alla Vita in Diretta: «Inviato e cameraman presi a calci e pugni». Paura per l’inviato Giuseppe Di Tommaso e per il suo operatore che sono stati aggrediti durante un servizio a Bari. È il giornalista a raccontare l’accaduto in diretta ad Alberto Matano. Ma andiamo con ordine.

5251182_1909_alberto_matano_vita_in_diretta

Giuseppe Di Tommaso era stato inviato in Puglia per testimoniare i comportamenti degli italiani rispetto alle regole anti-assembramento ancora in vigore per l’emergenza covid. Sul lungomare di Bari, l’inviato ha rimproverato diversi passanti che non stavano rispettando le normative del governo. E se c’è chi si è imbarazzato e ha chiesto scusa, c’è anche chi l’ha presa molto male.

Un uomo avrebbe infatti risposto con violenza alle parole del giornalista. Come racconta Di Tommaso, il passante ha coperto l’obiettivo della telecamera e l’ha abbassata con un gesto violento. Poi avrebbe affermato: «Se mi riprendi ancora butto a mare te e il tizio con la telecamera. Non puoi fare così con le persone».

Di Tommaso avrebbe replicato che era suo diritto di cronaca registare e raccontare come stessero le cose. Ma la risposta non sarebbe piaciuta all’uomo che ha aggiunto: «Se ti buttano a mare le persone fanno bene». Lo scontro si è concluso con il passante che avrebbe strattonato il giornalista e colpito a calci e pugni il cameraman, finché i due hanno deciso di allontanarsi.

Chi l’ha Visto, uccide la moglie a morsi ma esce dal carcere: «Ai domiciliari senza braccialetto perché c’è il coronavirus»

Eleonora Perraro, 43 anni di Rovereto, è stata trovata in un lago di sangue lo scorso settembre. È stata uccisa a morsi e per il suo omicidio è finito in carcere il marito Marco Manfrini. A Chi l’ha Visto? la disperazione della mamma e della sorella dopo che all’uomo è stato concesso di uscire dal carcere e di finire ai domiciliari senza braccialetto. Il giudice lo avrebbe escluso perché c’è l’emergenza coronavirus e di conseguenza non c’è pericolo che si allontani.

manfrini perraro

Un provvedimento che getta nello sconforto e nella paura i familiari della donna. «Lui è pericoloso», sottolinea la mamma. Già in precedenza aveva fatto del male a Eleonora, che aveva nascosto occhi neri e finto di essere stata vittima di incidenti. I due si erano conosciuti e dopo pochi mesi avevano deciso di sposarsi. Tutto andava bene e Marco la faceva sentire viva, ma subito dopo il matrimonio iniziano i problemi perché mancano i soldi. Entrambi avevano una pensione di invalidità. Marco non voleva lavorare e pretendeva che fosse lei ad arrotondare. Nessuno poteva immaginare che la situazione sarebbe degenerata così. «Mia sorella è stata torturata, seviziata, cannibalizzata. Lui non ha mai confessato l’omicidio e dice di non ricordare nulla».

«Il presunto uxoricida è stato rilasciato dal carcere e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari per motivi di salute legati alla tremenda piaga del Covid-19. – ha scritto in una lettera la madre – Non è infetto. Sia chiaro. Non è in pericolo di vita. Non è in una terapia intensiva attaccato ad una macchina che lo aiuta a respirare. No. È a casa sua senza alcun dispositivo di tracciamento. Con la concreta possibilità che possa andarsene dove vuole. Ho paura perché è una persona molto pericolosa, voglio ancora credere che ci sia la giustizia».

Ragazzo perde ai videogiochi, distrugge mezza casa e uccide il fratello di 7 anni: «Avevo paura raccontasse tutto a mamma»

Perde ai videogiochi e distrugge la casa, poi uccide il fratello per paura che raccontasse tutto alla mamma. Un adolescente russo ha ammesso di aver ucciso il fratello di appena 7 anni perché aveva paura facesse la spia su quanto aveva fatto dopo aver perso una partita ai videogame.

5201645_1525_perde_videogiochi_uccide_fratello

Alexander di Dudinka nella regione russa di Krasnoyarsk Krai ha messo a soqquadro la casa, ha distrutto il telefonino e fatto altri danni dopo aver perso ai videogiochi, tutto sotto gli occhi stupiti del fratellino. Temendo che quando sarebbe tornata la madre avesse fatto la spia facendogli prendere una punizione ha deciso di mettere a tacere per sempre il bambino e lo ha ucciso, come riporta anche il Mirror.

Il ragazzo di 13 anni stava giocando con il telefonino, ma si sarebbe fatto prendere dall’ira. Dopo il game over ha prima distrutto lo smartphone poi ha buttato giù diversi mobili e distrutto altri oggetti svegliando il fratellino di 7 anni. Quando se lo è visto comparire davanti ha pensato alla punizione che gli avrebbe dato la madre, così ha afferrato un coltello e ha pugnalato per 15 volte il bambino fino ad ucciderlo.