Pancioni nudi sotto il sole: dalla Palmas alla Persico

“Abbracci ad incastro” scrive Giorgia Palmas mostrando il primo pancione nudo dalla Sardegna insieme al compagno Filippo Magnini. “Tetris” replica lui postando la stessa immagine della felicità. Michela Persico si mette in bikini e con le sue dolci curve al vento annuncia ai follower di aspettare un maschietto dal calciatore Daniele Rugani. Sarà il terzo fiocco azzurro per Alice Campello in costume a bordo piscina dopo i due gemellini avuti dal marito Alvaro Morata.

070753589-c7f6ae72-f7cf-4625-adfc-a34c281f5a69

Posa in mezzo alla natura in topless con addosso solo un paio di slip gialli la modella Eva Riccobono. In attesa del secondo figlio, ama mostrare le forme morbide della gravidanza e scrive a corredo dello scatto fatto da Matteo Ceccarini: “Si sente tutto…gli uccellini, il sole, il vento, i suoi movimenti dentro di me, la vita… Grazie papà per questo scatto”.

“Noi già ti amiamo tanto” scrive Gaia Lucariello a Sabaudia mentre accarezza il suo pancione. Ha già un figlio, Lorenzo, da Simone Inzaghi. “Guardo il mare e canto per te” è la dedica di Ludovica Caramis, moglie di Mattia Destro e in attesa del primogenito. Guarda i pancioni al vento davvero esplosivi e le mamme che si rilassano al mare in dolce attesa di poter stringere i loro bebè.

«Cercasi addetti alle pulizie a 60 euro l’ora», ma occorre essere belli e nudi

Una impresa di pulizie è alla ricerca di personale e promette un compenso decisamente notevole, pari a circa 60 euro l’ora. C’è però un ‘piccolo’ particolare: per essere assunti, occorre essere di bell’aspetto e lavorare completamente nudi, o quasi.

cercasi_addetti_pulizie_nudi_14140606-768x512

Un’iniziativa che sta facendo molto discutere in tutto il Regno Unito, quella lanciata da un’azienda che ora è anche accusata di sessismo. I promotori, però, respingono ogni accusa, facendo notare che l’annuncio di lavoro è diretto sia alle donne che agli uomini. A dirigere l’azienda Naked Cleaning Company, con sede a Plymouth, è tra l’altro una donna, Niki Belts.

Come riporta anche Wales Online, l’azienda da venerdì scorso ha lanciato una serie di annunci di lavoro, validi per tutto il territorio nazionale britannico: si offrono ricchi compensi, ma occorre lavorare nudi o, per i più pudici, in abbigliamento intimo. In alcuni casi, i clienti più ricchi hanno offerto alla compagnia un compenso fino a 75 sterline (oltre 87 euro) l’ora e i vertici dell’azienda avrebbero fiutato il ‘business’.

Le regole imposte dall’azienda ai suoi ‘bizzarri’ clienti sono comunque molto rigide: niente molestie, niente ‘toccatine’ e niente fotografie agli addetti alle pulizie. In un post promozionale diretto ai clienti, l’azienda ha infatti spiegato: «Siamo un’impresa di pulizie, non di sesso a pagamento. I nostri dipendenti sono molto professionali e pronti a ogni genere di reazione, ma per favore, rispettate loro e il loro spazio personale».