Uomo si ubriaca davanti alla tv a Natale e cambia nome: ora si chiama Celine Dion

Guardava Celine Dion in tv e si è ubriacato, bevendo così tanto da fare qualcosa che al risveglio non ricordava di aver fatto. Qualcosa di incredibile. Accade in Inghilterra dove un uomo di nome Thomas Dodd qualche giorno fa si è svegliato una mattina e ha scoperto di aver cambiato nome: in una lettera infatti le autorità lo informavano di aver accolto la sua richiesta di cambiare le proprie generalità. E il suo nuovo nome era proprio “Celine Dion”.

2019-10-24_17_09_57_2019-08-12_12_13_01_1562245532139-jpg-1565604790673-jpg-1571929803794.jpg--celine_dion_pubblica_una_foto_dei_figli__ed_e_subito__commozione_

Thomas (o meglio Celine), 30 anni, vive nello Staffordshire: per cambiare nome, da ubriaco, ha pagato 89 sterline, e sconvolto sua madre e sua sorella che non l’hanno presa bene. Ma dopo un iniziale shock, si è abituato all’idea e ora non vuole più tornare al suo vecchio nome: «Dopo aver visto le sue esibizioni a Natale, evidentemente devo aver pensato di aver avuto una grande idea da ubriaco», ha detto l’uomo a Birmingham Live, scrive il Daily Mirror (qui l’articolo in lingua originale).

Il suo primo pensiero è stato al lavoro: «Come faccio a dire che devo cambiare il mio nome nell’intestazione delle email?». Poi però si è consolato pensando che il suo nuovo nome potrebbe tornargli utile nell’eventualità di accedere al backstage dei concerti della cantante canadese, che al trentenne britannico piace parecchio. «Ora spero solo di non essere fermato dalla polizia, potrebbe essere imbarazzante», ha confessato ai media britannici, concludendo che «stamattina ho cantato sotto la doccia, ma posso dire di non aver ereditato né la voce della vera Celine Dion, né il suo conto in banca».

Chiara Ferragni gioca con Leone, poi si lascia sfuggire il nome femminile. I fan: «Ecco come si chiamerà sua figlia»

Chiara Ferragni gioca con Leone, poi si lascia sfuggire il nome femminile. I fan: «Ecco come si chiamerà sua figlia». Pochi minuti fa, l’imprenditrice digitale ha condiviso un video su Instagram che ha fatto immediatamente il giro del web. Secondo i suoi follower, infatti, avrebbe spoilerato il nome della bimba in arrivo. Ma andiamo con ordine.

chiaraferragni_rachele_03222508

Nel filmato, Leone si “allena” a diventare fratello maggiore. Il piccolo gioca con una bambola in passeggino, svegliandola e mettendola a dormire. Durante il gioco, però, la bambola cade e interviene Chiara Ferragni: «Povera Rachele».

Immediati i commenti dei fan: «La sorellina si chiamerà Rachele». E ancora: «Che bel nome avrà la sorellina di Leone». Ma Fedez nega. In una story su Instagram, il rapper chiarisce: «Rachele è il nome della bambola di Leo, non della sorellina». Poi scherza: «La sorellina si chiamerà Gennara». Staremo a vedere.

Elisa Isoardi: “Tradire Salvini con un politico rivale? Un nome ce l’ho…”

«Nel mio lavoro è importante la chiarezza e l’umiltà, cerco sempre di migliorarmi e la concorrenza mi stimola. Sto per laurearmi in scienze della comunicazione allo Iulm di Milano e passo intere ore a studiare anche per preparare le mie conduzioni».

matteo-salvini-elisa-isoardi-relazione-fidanzati- (1)

Elisa Isoardi, conduttrice di ‘A conti fatti’ su RaiUno, si racconta professionalmente e non solo in un’intervista a Affari Italiani. Il successo di share della trasmissione le fa piacere, ma Elisa, che da bambina sognava di diventare insegnante, è una donna che resta umile: «Il mio è un lavoro bellissimo, come potrei non consigliarlo? Stringo mani, incrocio occhi, ascolto storie di umanità. Il mio modello di conduzione? Un mostro a tre teste con la grinta di Simona Ventura, il garbo di Milly Carlucci e la curiosità di Maria De Filippi. La mia dote migliore? La resistenza».
Inevitabili, però, le domande sulla relazione con il leader della Lega, Matteo Salvini. «Sono una donna che crede fermamente nel matrimonio e nella famiglia» – spiega Elisa – «Accettare un invito a cena da un altro politico? Be’, un nome ce l’ho: Dario Franceschini. Gli proporrei di valorizzare il filatoio di Caraglio, è un bellissimo patrimonio storico-culturale di archeologia industriale».
Purtroppo, però, il ministro dei Beni Culturali è già impegnato con una collega di partito, l’esponente di spicco del Pd romano Michela Di Biase, la pasionaria dem impegnata in Campidoglio in dure opposizioni alla sindaca Virginia Raggi durante le sedute nell’Aula Giulio Cesare.