Laura Chiatti e il sesso dopo la nascita dei figli: «Prima due volte la giorno, poi le cose cambiano…»

Dopo il matrimonio con Marco Bocci e la nascita di due figli, Enea e Pablo, la vita per Laura Chiatti è cambiata molto. L’attrice infatti ospite a “Detto fatto”, condotto da Bianca Guaccero su Rai2, ha parlato dei cambiamenti di “abitudini” dato dall’arrivo dalla prole, anche dal punto di vista del sesso.

Laura-Chiatti

La conduttrice durante la trasmissione infatti ha scherzosamente ricordato alla Chiatti che, in passato, relativamente alla sua vita sessuale aveva fatto sapere di farlo due volte al giorno. Laura, ridendo, ha fatto subito capire che la situazione è mutata con uno “Scordatevelo!”.

L’affermazione in realtà era una battuta, ma Laura ha sottolineato che la frequenza si è molto ridotta, dati gli standard passati: “Vi dirò la verità, era una battuta, fu mal interpretata perché mi chiesero questa cosa ma io risposi: “Molto più di due volte al giorno”… Quando poi ci sono i figli tutto un po’ cambia, diciamo che invece di due al giorno diventano due la settimana, ecco”.

Laura Chiatti, dopo una relazione col cestista Davide Lamma, ha ufficializzato l’amore col collega Marco Bocci: I due si sono sposati il 5 luglio 2014 a Perugia e hanno avuto due figli Enea, nato nel 2015 e Pablo, nato l’anno successivo.

Uomini e donne, Rosa Perrotta quasi mamma: «Stanca e gonfia, ma sta per arrivare mio figlio Domenico»

Rosa Perrotta sta per diventare mamma. Durante l’estate infatti l’ex tronista e naufraga all’Isola dei Famosi e il compagno Pietro Tartaglione, conosciuto sotto i riflettori di “Uomini e donne” di Maria De Filippi, diventeranno genitori del loro primo figlio, Domenico.

4565149_1622_rosa_perrotta_incinta

Manca poco e il fisico un po’ ne risente: “Mi sento gonfia e un po’ stanca – ha fatto sapere al Magazine di “Uomini e donne” – Ahimè il mal di schiena è ormai la mia croce, ma fortunatamente manca poco alla nascita di Domenico che avverrà con un parto naturale. Tutto sommato fisicamente sto abbastanza bene anche i chili di più sul mio corpo esile si fanno sentire. Di sicuro mi manca la libertà di movimento! Sono una donna molto dinamica e, alle volte, l’ingombro della pancia mi ricorda che non posso più fare certe cose”.

Per l’educazione sceglie il modello insegnato dalla mamma: “Mia madre è stata piuttosto severa e rigida con noi figli quando eravamo piccoli. Si è addolcita quando siamo cresciuti. Di certo anche io non lo accontenterò in tutto: voglio che, come me, cresca con il senso del dovere e del sacrificio e che impari presto a meritarsi le cose”.

La nascita del piccolo non cambierà troppo la sua vita: “Continuerò a fare la mia vita, il mio lavoro. Questa gravidanza è stata una parentesi. Riprenderò a fare quello che facevo, anche se in realtà non ho smesso di lavorare nemmeno in gravidanza!”.