Coronavirus, Bill Gates: «Ci saranno ancora milioni di morti, prima della fine della pandemia»

Preoccupa la previsione sul coronavirus di Bill Gates, che in tempi non sospetti era stato il primo a parlare di rischi legati alle epidemie. In un’intervista rilasciata all’Economist, ha dichiarato che «Ci saranno ancora milioni di morti, prima della fine della pandemia di Covid-19». Per il co-fondatore della Microsoft e filantropo della Fondazione Bill&Melinda Gates, che ha già devoluto più di 350 milioni di dollari alla lotta contro la pandemia, «la maggior parte di quelle morti non sarebbe causata dalla malattia in quanto tale, ma dal sovraccarico dei sistemi sanitari, e di economie già stressate e soprattutto nei Paesi poveri e in via di sviluppo».

Per Gates, che critica la politicizzazione della risposta americana al virus, nonché la diffusione di teorie del complotto, «per la fine del 2021 sarà avviata la produzione di massa di un vaccino abbastanza efficace, rendendo immune una quota dell’umanità sufficiente da bloccare la pandemia. Ma non basta: dobbiamo tutti spendere miliardi per ottenere il vaccino, per evitare i trilioni di danni che la pandemia sta facendo all’economia». Per scongiurare il rischio di milioni di morti in Africa e in India e anche le conseguenze economiche di nuovi lockdown, a causa dei quali potrebbero essere cancellati decenni di progressi nella lotta alla povertà, Gates chiede ai Paesi ricchi di «comprare vaccini per quelli poveri. Non è soltanto un calcolo altruistico: se alcuni Paesi resteranno bacini del virus, nuovi focolai di contagi continueranno ad apparire anche altrove. Se i vaccini avranno nei Paesi ricchi un costo abbastanza elevato da coprire le spese fisse di produzione – test clinici, costruzione di fabbriche e così via – il costo a margine delle forniture ai Paesi poveri sarebbe relativamente modesto, nell’ordine dei 10-12 miliardi di dollari totali».

Nella visione di Gates, «il grosso di questa spesa dovrebbe provenire dall’America, alla quale attribuisce anche ‘il voto massimo’ nella ricerca e nello sviluppo del vaccino, l’80 per cento dell’impegno globale. Spera che la prossima legge sul bilancio presentata al Congresso stanzierà fondi per i vaccini del mondo povero. Questo però dipenderà dalla politica, la cui polarizzazione ha complicato la risposta al virus, con problemi che gli altri Paesi non hanno. Perfino l’atto di indossare la mascherina è diventato una dichiarazione politica, più che l’adesione ai consigli degli esperti sanitari».

Bill Gates ritiene che «questa situazione rimarrà, anche se le elezioni di novembre portassero un cambio al vertice. Una volta persa la fiducia del pubblico, una volta che la politica dalla logica dei costi-benefici passa nel campo della lotta partigiana, invertire la tendenza non è facile. In una presidenza Biden il rifiuto di indossare la mascherina potrebbe diventare per i sostenitori di Donald Trump un modo per manifestare la loro rabbia. La mancanza di leadership in America ha danneggiato la lotta alla pandemia anche nel resto del mondo. L’unica superpotenza mondiale ha a lungo guidato l’impegno globale per la salute, e in sua assenza trovare il consenso diventa molto più difficile».

Treni, assalto e boom di biglietti venduti per partire lunedì 4 maggio. «Tre milioni di italiani in viaggio, esodo verso sud»

Assalto ai treni, boom di biglietti venduti per partire lunedì 4 maggio. «Tre milioni di italiani in viaggio, esodo verso sud». Mancano due giorni all’inizio della Fase 2 ed è già boom di biglietti venduti per la prossima settimana da Trenitalia, che ha aggiunto quattro Frecce tra Torino, Milano e Napoli.

esodo sud treni_02142355

Come riporta il sito La Stampa, si metteranno in viaggio circa tre milioni di italiani. Si prospetta un esodo verso sud, ma ci saranno anche tanti operai meridionali che tornano nelle fabbriche del nord. Ai lavoratori in viaggio, si aggiungono anche coloro che rientrano nella città di residenza come studenti e lavoratori fuorisede.

Sui treni, molti al completo, la capienza è dimezzata per tenere le distanze. Sul sold-out pesa anche la riduzione delle corse di Italo che riprenderà a regime il 17 maggio. Stessa data per Flixbus.

Trenitalia ha annunciato le novità per salire sui convogli: mascherine obbligatorie, la raccomandazione di guanti monouso, dispenser per igienizzare le mani e distanziamento sociale. Tra le principali novità, l’introduzione del biglietto elettronico nominativo sia per le Frecce sia per gli Intercity, per i quali la prenotazione diventa obbligatoria. L’iniziativa «permetterà di essere avvisati nel caso in cui si sia condiviso il viaggio con un passeggero risultato successivamente positivo al virus».

Victoria Beckham chiede i fondi “coronavirus” al governo, nonostante un patrimonio da 335 milioni di sterline

Alcuni tabloid inglesi l’hanno attaccata duramente. Il motivo? Victoria Beckham ha estromesso 30 membri dello staff dal suo impero della moda in difficoltà, cercando il sostegno del governo. Nonostante un patrimonio netto di 335 milioni di sterline (circa 384 milioni di euro). Senza preavviso, con una lettera formale, l’ex Spice Girl ha comunicato a trenta dei suoi dipendenti di aver ridotto all’80% il loro salario mensile.

unnamed (10)

Secondo il The Mirror e il Sun, Victoria, sarebbe ricorsa agli ammortizzatori sociali istituiti del governo inglese. La moglie di David Beckham avrebbe fatto richiesta di potervi accedere: l’80% degli stipendi dei suoi dipendenti sarebbero interamente pagati dai contribuenti inglesi. Ma non è tutto, come segno di solidarietà ai lavoratori l’ex Spice ha rinunciato al suo salario.

Un portavoce della signora Beckham ha dichiarato al Mirror: Stiamo lavorando duramente per garantire che il nostro prezioso team di Victoria Beckham sia protetto durante questo periodo instabile, mantenendo la nostra attività in buona salute». Ma la crisi del marchio di Vicky – nato nel 2005 – non è recente. Nel 2019 la sua azienda aveva registrato perdite da milioni di sterline, crisi che l’aveva costretta a licenziare dipendenti. Poi,pochi mesi più tardi, il licenziamento del direttore generale e di altre dieci manager. E oggi gli esperti danno il suo store di Hong Kong quasi per spacciato.

Ma le critiche all’imprenditrice non sono mancate. Sui social qualcuno ha fatto le pulci a Victoria che oggi dispone di un patrimonio immobiliare di 62 milioni di sterline (70 milioni di euro), di una collezione di borse da 1,5 milioni di sterline. E recentemente ha speso 22 milioni di euro per una nuova casa a Miami assieme a David Beckham e ben 100.000 sterline per la sua recente festa di compleanno.

“Domenica Live”, boom di ascolti: picchi di oltre 3 milioni di spettatori

Nuova domenica sugli scudi per “Domenica Live”. Sul fronte degli ascolti il salotto di Barbara D’Urso stacca nettamente la “Domenica In” di Pippo Baudo con uno share del 17,1% contro l’11,1% e picchi di ascolto di oltre 3 milioni di spettatori. Testa a testa considerando la sovrapposizione con “L’Arena” di Giletti, tallonata con il 14,1% contro il 15,9%.

16830967_1424514364246166_1812553305258622581_n

Risultati che hanno indotto la stessa Barbara D’Urso a festeggiare via Instagram con una foto di felicità e una dida esplicativa. “Buongiorno!! Ieri boom di ascolti per “Domenica Live” ancora una volta programma leader della domenica pomeriggio con picchi superiori al 20% di share e di 3 milioni di spettatori! 7 punti sopra il cielo! Grazieeeeeeeee!! “.
Nella fascia di ascoltatori tra i 15 e i 64 anni, sull’intero pomeriggio “Domenica Live” si aggiudica la contesa con il 13,7% contro l’11,1 della concorrenza. Dove il divario si fa poi evidentissimo è sulla stessa fascia di pubblico, nel periodo di sovrapposizione tra il contenitore di Canale 5 e la “Domenica In” di Baudo: 16,4% di share contro il 7,4%.

Beyoncé incinta batte tutti i record, è la foto più vista di sempre su Instagram

La foto più vista di sempre. È record su Instagram per il post con cui Beyoncé ieri ha annunciato di essere incinta di una coppia di gemelli.

beyonce

La foto condivisa – che ritrae la pop star in uno scatto artistico con pancione in bella vista – è l’immagine che ha ottenuto il maggior numero di “Like” di sempre, riporta il sito Cnet News, candidata al Guinness.
In appena 8 ore la foto ha guadagnato quasi 6 milioni e mezzo di “Like”, e dopo 16 ore dalla pubblicazione ha superato i 7 milioni e mezzo. I commenti ricevuti sono oltre 370 mila. Il post sulla dolce attesa di Beyoncé scalza così il precedente record sul social delle immagini di proprietà di Facebook. Era stato ottenuto da Selena Gomez con 6,3 milioni di “Like” per una sua foto di giugno scorso mentre sorseggia una Coca Cola.