Claudia Gerini in bikini, sirenetta in spiaggia… Ma rischia il capitombolo

Claudia Gerini in bikini trascorre una giornata al mare assieme alla figlia Linda. L’attrice, col lockdown finalmente alle spalle, ha deciso di regalarsi un po’ di relax in spiaggia, sul litorale romano, dove ha anche rischiato un piccolo incidente.

claudia-gerini_10191001Col suo bikini Claudia, a 48 anni, sfoggia un fisico da sirenetta e, fotografata da “Vero”, trascorre il tempo assieme alla figlia Linda, nata dalla sua passata relazione col cantante dei Tiromancino Federico Zampaglione, tra tintarella, tuffi in acqua e scherzi.

Proprio durante uno di questi momenti Claudia, protagonista della serie “Suburra” su Netflix, rischia il capitombolo sulla spiaggia, ma alla fine il tutto si risolve per il meglio, fra i sorrisi di Linda e della Gerini.

Alessia Marcuzzi, paura per la conduttrice: incidente in strada mentre era a passeggio col cane

Alessia Marcuzzi, incidente in strada mentre era a passeggio col cane. Brutta avventura per la conduttrice Mediaset. Alessia Marcuzzi è caduta in strada mentre era fuori con il barboncino Brownie, riportando un infortunio al piede. È lei stessa a raccontarlo sulle storie di Instagram.

5307156_1821_alessiamarcuzzi_incidente

«Sono caduta come una polla lessa – spiega autoironica -. Un po’ di ghiaccio, ma la caviglia è salva». La conduttrice posta poi una foto in cui è ritratta sul letto con il piede fasciato. I fan sono con lei: «Forza Alessia».

Arianna Varone morta a 21 anni in un incidente stradale: choc nel calcio femminile

Arianna Varone è morta a 21 anni, vittima di un tragico incidente stradale. Il mondo del calcio femminile è sotto choc per la scomparsa della giovane centrocampista che ha iniziato la sua carriera a nell’Asd femminile Inter, valorizzandosi poi nel Milan Ladies prima di approdare nel 2017 nella Riozzese, con la quale ha disputato un’ultima stagione da protagonista contribuendo con le sue prestazioni all’ottimo campionato del club rosanero.

5306993_1655_arianna_varone_morta_incidente_calcio_femminile

Centrocampista dalle grandi prospettive, mediano dai piedi buoni e all’occorrenza infaticabile recupera palloni.

Secondo quanto riporta il “Quotidiano Online Alessandria Asti” la giovane calciatrice si sarebbe schiantata con lo scooter contro un camion a Riozzo, in provincia di Milano. Troppo gravi le ferite riportato nello scontro e inutitili i tentativi di rianimarla sul posto.

La Divisione Calcio Femminile e il presidente Ludovica Mantovani si uniscono al cordoglio dei familiari di Arianna Varone. «Tutto il movimento si stringe attorno alla famiglia, alle compagne di squadra e alla società Riozzese – dichiara Mantovani – piangiamo la prematura scomparsa di una giovanissima ragazza. Lascerà un vuoto incolmabile nella vita delle persone che le volevano bene e che hanno avuto la fortuna di starle accanto. Ciao Arianna».

Zanardi, il neurochirurgo: «L’ipotesi estrema è che non si risvegli più. Il viso si può ricostruire, il cervello no»

Il momento più delicato per Alex Zanardi, l’ex pilota di Formula 1 e campione paralimpico che lotta tra la vita e la morte dopo il grave incidente di venerdì, deve ancora arrivare e sarà quello del risveglio: che però potrebbe anche non arrivare mai. A spiegarlo in un’intervista al quotidiano Il Giornale è un neurochirurgo, Francesco Di Meco, direttore del Dipartimento di neurochirurgia dell’ospedale Carlo Besta di Milano nonché Ordinario di neurochirurgia all’università Statale di Milano.

5297752_3cd98ccc73d15a087100588e7aae058d

Per Zanardi, si parla di due ossa fratturate con affondamento e fracasso facciale. «Di fracassi facciali ne ho visti diversi nella mia carriera, ma si va dal trauma lieve a quello molto complesso che richiede interventi di chirurgia ricostruttivi». Però c’è anche danno cerebrale. «E qui non c’è limite alla sua entità», sostiene Di Meco. Ma al momento non si possono ancora valutare i danni? «Mentre tac o risonanza riescono a far emergere un focolaio emorragico, gli esami diagnostici più sofisticati non sempre riescono a rilevare i cosiddetti microdanni», afferma.

«Nel cervello – spiega – ci sono diversi moduli di elasticità dei tessuti. L’impatto potrebbe aver provocato danni ai vari livelli fino a coinvolgere il tronco encefalico». In questi casi possono verificarsi «le conseguenze più gravi, che provocano le alterazioni dello stato di coscienza e nella peggiore delle ipotesi causano il coma. É qui che bisogna focalizzare l’attenzione. Il viso può essere ricostruito, ma certe parti profonde del cervello non si possono toccare, nessun chirurgo può intervenire».

Ora Alex ha il cervello ‘addormentato’, «messo a riposo per dargli il tempo di riprendersi dall’insulto. E quanto succede dopo, purtroppo, è molto variabile: se il trauma non è stato così importante si può anche risolvere, ma possono passare anche settimane», spiega il neurochirurgo. Ma qual è il momento in cui si capisce quanto è grave? «É l’evoluzione clinica che stabilisce la gravità del trauma. Si capirà quando proveranno ad alleggerirlo dai farmaci che attualmente lo tengono addormentato: se tende a risvegliarsi autonomamente significa che migliora». Al contrario «potrebbe essersi prodotto un danno molto importante e potenzialmente permanente nelle parti più profonde del tronco encefalico». «Il cuore può reggere per anni e lui potrebbe non raggiungere mai più lo stato di coscienza. Ma stiamo parlando di ipotesi estreme», conclude.

Alex Zanardi, la moglie Daniela Manni in ospedale a Siena: «Non lo lascerò mai solo»

Alex Zanardi sempre grave all’ospedale di Siena dopo il terribile incidente con l’handbike in provincia di Siena. La moglie di Alex, Daniela Manni seguiva il marito in auto, ed è stata lei a prestargli i primi soccorsi. Il Corriere della Sera riporta le sue parole confidate agli amici pronunciate dalla moglie subito dopo l’incidente: “Ma non lo lascio solo”.

5300935_1247_daniela_manni

Tra i testimoni chiave dello schianto c’è Paolo Bianchini, il titolare dell’azienda vinicola Ciacci-Piccolomini, che si trovava proprio dietro Alex Zanardi, e che ha raccontato: “Sua moglie Daniela è scesa di corsa e si è gettata su di lui. L’ho affiancato con la macchina e un minuto prima dell’incidente mi ha detto di essere l’uomo più felice del mondo per poter pedalare in quel paradiso. Poi ho sentito un botto, lo stridore terribile di una lunga strisciata. Alex era a terra, respirava ancora”.

««Ho portato la vicinanza di Siena alla signora Daniela che mi ha detto che è molto contenta e molto sicura del lavoro che stanno facendo i medici»». Lo ha detto il sindaco di Siena Luigi De Mossi uscito dal policlinico Le Scotte dove ha incontrato la moglie e familiari di Alex Zanardi . «L’atteggiamento della moglie – ha aggiunto – è ovviamente di dolore, ma fermo e consapevole della realtà che va ad affrontare. Ho trovato una persona molto lucida che è qui, consapevole dei rischi ma estremamente dignitosa e rispettosa della vita del marito, della propria famiglia e dei propri sentimenti ».

IL BOLLETTINO MEDICO
«Le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e pertanto il paziente resta sempre in prognosi riservata». Così il bollettino medico di stamani dell’ospedale di Siena su Alex Zanardi . L’atleta, secondo quanto detto dai medici, «ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d’organo sono adeguate. È sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perchè resta grave il quadro neurologico ».

Alex Zanardi, il VIDEO con le immagini dal luogo dell’incidente

Alex Zanardi, il video con le prime immagini dal luogo dell’incidente in seguito al quale sarebbe ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Le Scotte di Siena. A pubblicarle su twitter è Roberto Viggiani, giornalista del TgR Toscana. Dal video, pubblicato anche su RadioSienaTv, si può notare l’handbike del campione gravemente danneggiata a bordo strada che avrebbe terminato la corsa contro un’auto parcheggiata. Sullo sfondo il camion articolato contro il quale Zanardi si sarebbe schiantato dopo aver perso il controllo del mezzo in curva invadendo così la corsia opposta.

5299475_1701_alex_zanardi_come_sta_oggi_20_giugno_2020

Da chiarire la dinamica esatta dell’incidente e il motivo per cui in quel tratto stesse procedendo un mezzo pesante durante una corsa. L’atleta stava partecipando a una delle tappe della staffetta di Obiettivo tricolore, viaggio che vede tra i partecipanti atleti paralimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica.

L’incidente è accaduto all’altezza di una curva, lungo la statale 146 che da Pienza porta a San Quirico d’Orcia (Siena) questo pomeriggio, intorno alle 16:45. Da quanto appreso l’handbike del pilota stava procedendo in discesa quando si è scontrata con un camion che procedeva in direzione opposta. Da chiarire se sia stato Zanardi a sbandare. Il pilota era insieme a un’altra decina di partecipanti della staffetta di atleti paralimpici Obiettivo Tricolore: si erano staccati di circa un km dal gruppo più numeroso. Da Pienza dovevano raggiungere San Quirico.

Meghan Markle contro la regina Elisabetta: «La guerra è iniziata subito dopo le nozze a causa di un incidente»

Meghan Markle contro la regina Elisabetta: «La guerra è iniziata subito dopo le nozze a causa di un incidente» A svelarlo è l’esperta di affari reali Lady Colin Campbell che ha scritto un libro su come si sia deteriorato il rapporto tra la sovrana d’Inghilterra e l’ex attrice americana. Le tensioni sarebbero cominciate in un momento ben preciso e a causa di un piccolo incidente avvenuto quattro giorni dopo il matrimonio con il principe Harry.

5297687_1748_meghan_markle_regina_elisabetta_guerra_quattro_giorni_dopo_matrimonio

Nel libro “Harry and Meghan: The Real Story”, in uscita in Gran Bretagna il 25 giugno, parla di un episodio verificatosi al garden party per i 70 anni del principe Carlo. Non ha fornito dettagli – nella speranza di attrarre i lettori – ma in un’intervista al Daily Star Campbell ha affermato che fu proprio quell’aneddoto a «infrangere le aspettative della Regina nei confronti di Meghan» e a scatenare la guerra. «Non posso raccontarlo – ha aggiunto – è nel libro. Ma posso dire che si tratta di qualcosa accaduto proprio durante il primo garden party a Buckingham Palace per celebrare il 70esimo compleanno del principe Carlo e il suo lavoro nelle charities», ha dichiarato al tabloid.

Il litigio con la regina, tuttavia, rappresenta solo una piccola parte del racconto. Nel libro si parla di Meghan come di una donna «assetata di fama e successo». Un’opera che preannuncia nuovi scandali per la Famiglia Reale al pari di altre future pubblicazioni come la biografia bomba di Harry e Meghan Markle (“Finding freedom”, disponibile online in tutto il mondo dall’11 agosto), e “Kensington Palace: an Intimate Memoir From Queen Mary to Meghan Markle” che svela anche i motivi per cui Kate Middleton e Meghan non si sopportano.