Lapo Elkann in sedia a rotelle: relax in montagna dopo il terribile incidente a Tel Aviv

Risale a circa un mese fa la grande paura di Lapo Elkann per il grave incidente automobilistico in cui è stato coinvolto mentre era in vacanza a Tel Aviv. Il rampollo di casa Fca è statoportato d’urgenza all’Assuta Hospital in Israele in coma e con varie frature e in seguito, migliorate le condizioni, trasportato in una clinica svizzera.

lapo-elkann_08170747

Ora Lapo sta cominciando a piccolo passi a tornare alla vita di tutti i giorni ed è stato fotografato da “Chi” mentre, complici le feste natalizie, trascorre qualche giorno di vacanza sulle nevi svizzere di St Moritz. Molto dimagrito, è accomagnato da un amico che lo spinge sulla sedia a rotelle e poi lo aiuta ad alzarsi per fare una breve camminata.

Lapo dopo l’incidente è molto cambiato: “Il motivo della mia vitta oggi – ha fatto sapere – è aiutare gli altri e chi ha i miei stessi problemi, ma non i miei stessi mezzi per cercare di uscirne”.

Barbara D’Urso, incidente nel deserto in macchina con Jonathan Kashanian: «I miei figli devono sapere…»

Su Leggo.it le ultime novità. Barbara D’Urso, incidente nel deserto in macchina con Jonathan Kashanian: «I miei figli devono sapere…». La conduttrice di Pomeriggio 5 sta proseguendo le sue vacanze a Dubai. Ieri, Barbara e Jonathan hanno partecipato a un tour nel deserto in macchina. Ma qualcosa è andato storto.

barbaradurso_jonathan_deserto_03172906

Nelle stories di Instagram, la conduttrice documenta con una serie di video l’accaduto. Dopo il classico tour in moto e macchina, Barbara D’Urso, Jonathan Kashanian e una loro amica avrebbero fatto un ultimo giro nel deserto in auto. Alla guida c’è il tutor di Detto Fatto. Nei filmati, Barbara urla a Jonathan di rallentare e di non prendere le dune alte. Ma forse è troppo tardi. L’auto si rompe, lasciandoli a piedi in mezzo al deserto nel cuore della notte.

Ecco le parole scherzose di Barbara D’Urso: «Sei un cretino, ti ho detto di non andare così forte. Siamo a piedi al buio nel deserto e nessuno ci viene a prendere. I miei figli devono sapere…». Jonathan, per nulla preoccupato, chiama i soccorsi e nel frattempo mangia una banana: «Potassio!».

Mara Venier: «Due dita steccate, ma a Domenica In ci sarò. Damose na’ grattata». Incidente in casa

Paura per Mara Venier dopo un incidente in casa, ma la conduttrice di Domenica In tranquillizza i fan in un video postato sulla sua pagina Instagram: il popolare volto televisivo di Raiuno ha subìto una distorsione a due dita di un piede e ha pubblicato il filmato mentre esce da una clinica di Roma, sorretta da una sua amica. Nulla di grave però: domenica sarà prontamente in studio a condurre la sua trasmissione domenicale.

4864790_1519_mara_venier_dita_steccate (1)

«Niente di grave, due dita steccate» al piede destro, «ma tutto bene», le parole della Venier nel video su Instagram. «Andiamo in onda domenica anche con la distorsione del ditone». Un piccolo infortunio domestico, scrive nel post con l’hashtag #damosenagrattata, dovuto al fatto che cammina «sempre scalza in casa».

Tanta la solidarietà raccolta dai fan, che le vogliono sempre un gran bene e le mandano, tra migliaia di like e commenti, i migliori auguri di pronta guarigione. «Forza, riprenditi», commentano, aggiungendo che «sei egualmente speciale anche così» e, concludono con un abbraccio social: «Domenica In in pantofole? L’importante è che ci sei».

Alba Parietti, il dramma di Luana: la fidanzata del figlio morta a 25 anni. «Quei giorni capii cos’è l’inferno»

«Quel giorno e nei giorni, nei mesi successivi io capii cos’è l’inferno». Una foto in bianco e nero, un lungo post. Parole commosse. Alba Parietti si è affidata a Instagram per ricordare Luana, la fidanzata del figlio Francesco morta la notte tra il 17 e 18 ottobre del 2006 quando aveva solo 25 anni. Era il suo compleanno, morì in macchina in un incidente stradale nel tentativo di evitare un uomo in bicicletta. «Una ferita per sempre il dolore più forte del mondo per tua madre e per Francesco, mi figlio che ti amava».

4805590_1350_alba_parietta_luana_fidanzata_figlio_morta (1)

«Era la notte tra il 17 e 18 ottobre del 2006 – racconta Alba Parietti su Instagram – Era il giorno del tuo 25esimo compleanno. Era un giorno in cui tu ti aspettavi sorprese bellissime e sulla strada, per non investire un uomo in bicicletta trovasti la morte. Rimarrai nel mio cuore, con quel tuo sorriso, con la tua bellezza con quel senso di ingiustizia che non riuscirò mai a placare. Una ferita per sempre il dolore più forte del mondo per tua madre e per Francesco, mi figlio che ti amava. E nessuna parola o gesto non riuscì a dare conforto e consolare».

«Quel giorno e nei giorni, nei mesi successivi io capii cos’è l’inferno – prosegue Alba Parietti – E per me è stato quel senso di impotenza rispetto a tutto ciò che era accaduto e il dolore lo strazio senza fine che ne conseguì. Nulla è stato più uguale. Anche il mio modo di vedere la vita. Tutto sembrava così inutile. Ma tu sarai sempre Luana bellissima, dolce e sorridente generosa nel ricordo di noi tutti. Nelle lacrime che verso ancora oggi ogni volta che penso alla tua vita tragicamente e ingiustamente spezzata. Ora che Franca tua madre ti ha raggiunto – conclude – spero abbia con te trovato pace amore bellissima. Indimenticabile tesoro, adorata Luana nei miei occhi per sempre #vittimedellastrada».

Ezio Greggio, incidente d’auto con la fidanzata Romina a Ibiza: «I paparazzi non ci hanno aiutato»

Paura per Ezio Greggio e la fidanzata Romina Pierdomenico. La coppietta, in vacanza a Ibiza, è stata coinvolta in un incidente stradale, per fortuna con conseguenze non gravi. A raccontare l’accaduto proprio Ezio dal suo profilo Instagram, senza risparmiare critiche ai paparazzi che li seguivano.

4662491_2143_ezio_greggio_incidente-1

Lo scontro è stato con una jeep: “Ieri a Ibiza – ha scritto sul social – io e Romina abbiamo avuto un piccolo impatto tra la nostra auto e una jeep. Romina ho avuto un mini trauma al collo. Fatto controllo all’ospedale, tutto ok”.

I paparazzi che li seguivano e li fotografavano non li hanno aiutati: “Come al solito eravamo inseguiti da 3 o 4 paparazzi ( e per questo fatto chissenefrega fa parte del gioco ) che essendo italiani dopo aver fatto le foto potevano almeno venire a chiedere come stava. Nulla. Li ringrazio. A quel punto gli ho augurato ogni bene con gesti eloquenti: Ahahaha !!! Ciao paparazzi ci vediamo in spiaggia e…. « tacci vostri! » !!! Tiè (bis)!!!”.

Claudia Gerini in libertà, guarda che mezzo topless!

E’ stato il costume azzurro intero a giocarle un brutto scherzo. Per la gioia dei paparazzi. Claudia Gerini in vacanza a Formentera viene pizzicata dal settimanale Diva e Donna con un seno in libera uscita.

C_2_fotogallery_3100591_2_image

Il mezzo topless che finisce nell’obiettivo per colpa di un piccolo incidente sexy. L’allacciatura dietro al collo si smolla e il capezzolo finisce in primo piano.

Claudia Gerini è una mamma sensuale e bellissima. Con la figlia Linda, avuto dal suo ex Federico Zampaglione, improvvisa lezioni di nuoto mostrando il suo fisico allenato, ma non mancano nemmeno gli scatti bollenti con porzioni di pelle nuda a vista.

Bimba di 18 mesi morta precipitata dalla nave crociera. Il nonno: «Non l’ho sporta, la finestra era aperta»

Sporge la nipotina dalla nave da crociera e la bambina muore. Dopo giorni di silenzio parla il nonno della piccola di 18 mesi, la piccola Chloe Wiegand, deceduta dopo essere caduta sul molo in cui era attraccata l’imbarcazione della Royal Caribbean nel porto di San Juan, a Porto Rico. La famiglia chiede chiarezza e le indagini in corso stanno cercando di far luce sulla dinamica dell’incidente.

nonno-bambina-crociera_10122637

Inizialmente si era ipotizzato che la piccola fosse caduta dopo essere sfuggita al nonno, ma l’avvocato di Miami assunto dai Wiegand sostiene che il nonno abbia messo la bambina su una sporgenza vicino a una finestra in una zona per bambini. Pare però che la finestra non fosse protetta e quindi la piccola sia poi caduta a terra. Il nonno ha spiegato di essere sicuro che ci fossero delle protezioni, così si è fidato.

Il legale si chiede il motivo per cui ci fosse una finestra aperta in un’area per bambini, il nonno ha raccontato di averla appoggiata sulla finestra convinto che il vetro l’avrebbe protetta, così ora il legale della famiglia chiede spiegazioni alla Royal Caribbean. Dal canto suo l’azienda fa sapere di essere vicino al dolore di tutti i familiari e che si metterà a completa disposizioni nelle indagini per far sì che possa essere definita nel modo migliore la dinamica dei fatti.