Dayane Mello: il fratello Lucas morto a 27 anni ma lei ancora non lo sa

È morto uno dei fratelli di Dayane Mello. La concorrente del Grande Fratello Vip si trova da mesi nella casa e ovviamente non è ancora a conoscenza di quanto accaduto. A dire cosa è accaduto è Juliano, fratello della modella entrato nella casa durante la diretta che ha annunciato la morte di un altro fratello, Lucas di soli 27 anni.

x5742761_1209_dayane_mello_fratello_morto.jpg.pagespeed.ic.yPjoaxrTRD

In una storia su Instagram riporta la terribile notizia. «Oggi io e la mia famiglia siamo in lutto, per la perdita prematura di mio fratello», ha scritto il fratello di Dayane Mello, «Ma so che è in un posto meraviglioso. Grazie a tutti per il vostro affetto e i messaggi di sostegno. Inviato energia positiva a Dayane. E grazie ancora per tutto. Abbracciate di più e amate di più. La vita è davvero breve».

Sempre Juliano aveva mostrato una foto della loro famiglia su Instagram scrivendo: «Questo è stato uno dei giorni più felici della nostra vita. Il nostro primo viaggio in famiglia è stato indimenticabile, ed è stato tutto grazie a Dio per aver creato una bellissima famiglia e grazie a lei Dayane Mello che siamo riusciti a realizzare tutti questi e molti altri sogni. Sei il nostro angelo custode e se necessario “Io do la mia vita per salvare la tua … te l’ho già detto che varia più volte, giusto?»

Non si hanno notizie su cosa possa essere accaduto, la morte sconvolge particolarmente data la giovanissima età del fratello della Mello. Dayane ancora non è stata messa al corrente dell’accaduto e trovandosi in isolamento e non potendo comunicare con nessuno a darle la notizia sarà la produzione del reality.

Giorgio Panariello, Domenica In choc: «Mio fratello morto di freddo e abbandonato per strada. Poteva succedere a me»

Giorgio Panariello racconta a Domenica In l’infanzia difficile vissuta senza genitori e la tragica fine di suo fratello Franco. Un dramma contenuto in un libro dal titolo emblematico “Io sono mio fratello”, presentato da Mara Venier in diretta. «Mio fratello non è morto per overdose, si è sentito male durante una cena e i suoi amici lo hanno lasciato sul lungomare di Viareggio come un vecchio materasso. È morto di ipotermia».

5559639_1430_giorgio_panariello_fratello_franco_morto_di_freddo_droga

I PROBLEMI CON LA DROGA «Volevo raccontare la storia di un ragazzo che ha avuto sfortuna. Potevo essere io, ci sono stati momenti della vita in cui ho avuto la stessa disperazione e stavo cadendo nella trappola delle sostanze stupefacenti. Mi sono fermato in tempo, perché ho soggezione di certe cose», aggiunge il comico prima di spostare l’attenzione sulla sua infanzia. Panariello non ha mai conosciuto suo padre ed è cresciuto credendo di essere figlio dei nonni. Incontrava la mamma, «una donna giovane ed elegante», sono durante le feste.

L’INFANZIA Il fratello Franco viveva in collegio perché i nonni non potevano permettersi di allevare un altro bambino. Questa è stata la sua sfortuna. «Per me era “mio fratello ogni tanto”. Non posso dire di aver avuto un’infanzia difficile, però qualcosa dentro mi è rimasto. Forse quello mi ha portato a fare il comico nella vita, volevo esorcizzare. Mia madre non mi ha mai insegnato ad amarla. Non conoscevo l’amore materno, per me era solo una signora che ci portava questi regali. I padri non sono mai usciti, sono rimasti nell’ombra anche quando sono diventato popolare», spiega l’artista.

L’AMORE PER IL FRATELLO ‘Franchino’ era una persona buona e sorridente, un poeta e un grande calciatore. Così lo ricorda Giorgio «Se non avesse incontrato l’eroina chissà cosa sarebbe diventato, giocava a pallone in maniera meravigliosa… Aveva solo fame d’amore e voglia di essere amato… Per anni mi sono sentito in colpa per essere nato un anno prima o per essere diventato popolare. Quando ho capito che lui era fiero di me ho capito che potevo vivere senza colpa».

LA MORTE Le persone che lo hanno abbandonato per strada e hanno chiamato dopo la polizia segnalandone la presenza sono finite sotto processo. «La condanna peggiore è quella psicologica», conclude Panariello sottolineando che nell’ultimo periodo della sua vita Franchino aveva trovato la forza di chiudere con la droga.

Gf Vip, «Fuori Enock»: i social chiedono l’espulsione del fratello di Balotelli dopo la frase choc contro Guenda

Alta tensione nella casa del Grande Fratello Vip fra Enock e Guenda Goria. La scia delle polemiche per la battuta infelice di Mario Balotelli nei confronti di Dayane Mello non accenna a placarsi, con la figlia di Maria Teresa Ruta in prima linea. Proprio durante una discussione fra Guenda e Enock, quest’ultimo si sarebbe lasciato andare a delle esternazioni che hanno scatenato una vera e propria rivolta sui social. «Ma donna che? Ma chi ca**o sei? Sono stato lucido a dirti solo vaffa**ulo e andare in confessionale, altrimenti…», è la frase del giovane concorrente che ha indignato gli attenti telespettatori, pronti ora a chiedere la squalifica del fratello di Balotelli.

5547435_1631_enock_gf_vip_squalificato

Su Twitter l’hashtag #FuoriEnock è primo in tendenza, a testimonianza della diffusa opinione che Enock abbia superato il limite. «Grande Fratello, dovete intervenire, viviamo in una società in cui si combatte ancora contro la violenza sulle donne, dentro la casa non può passare il messaggio che trattare una donna in quel modo vada bene», twitta un utente. Fra i tanti commenti si legge: «La scorsa edizione è stata squalificata Clizia per la violenza e i termini usati contro Andrea, oggi bisogna chiedere la squalifica per Enock che ha usato violenza verbale contro Guenda. È inaccettabile passi senza conseguenze questa cosa».

In molti sostengono che la frase di Enock ai danni di Guenda sia stata violenta e, soprattutto, intimidatoria. Su Twitter si legge: «Grande Fratello, è necessario l’annullamento del televoto e l’espulsione immediata di Enock. Credo che qualsiasi donna si sia sentita offesa dal suo comportamento, perché in quel momento Guenda era portavoce non solo di se stessa, ma di tutte le donne». Questa sera, in prima serata su Canale 5, Alfonso Signorini avrà il compito di affrontare questa delicata questione. Nessuna notizia, invece, su un eventuale provvedimento disciplinare ai danni di Enock.

Striscia, tapiro a Mauro Corona per l’allontanamento dalla Rai. Poi il messaggio a Franco Di Mare: «Mi chiamavi fratello e adesso non mi vuoi più»

Sta facendo discutere l’allontanamento dalla Rai di Mauro Corona, colpevole – durante la messa in onda di #Cartabianca – di aver zittito la conduttrice Bianca Berlinguer dandole della «Gallina!». Ma è davvero questo il motivo dell’addio tra il fumantino scrittore friulano e la tv di Stato?

TAPIROCORONA_22203547

È Corona stesso, durante la consegna del Tapiro d’oro da parte di Striscia la notizia, a fornire alle telecamere del tg satirico la sua versione: «Posso garantirvi che non è la Berlinguer a non volermi. È qualcun altro». E quando l’inviato Valerio Staffelli lo incalza, chiedendogli se il responsabile sia Franco Di Mare, lo scrittore lancia un chiaro messaggio al direttore di Rai 3: «Franky Di Mare, non ho niente da dire sul fatto che non mi vuoi più. Vorrei però capire perché non me l’hai detto prima, invece di continuare a mandarmi messaggi di amicizia e chiamarmi il tuo “fratello della montagna”. Almeno chiarisci questo tuo cambiamento di marcia nei miei confronti. In ogni caso, sappi che io non mi impicco, se non vengo più lì».

Ragazzo perde ai videogiochi, distrugge mezza casa e uccide il fratello di 7 anni: «Avevo paura raccontasse tutto a mamma»

Perde ai videogiochi e distrugge la casa, poi uccide il fratello per paura che raccontasse tutto alla mamma. Un adolescente russo ha ammesso di aver ucciso il fratello di appena 7 anni perché aveva paura facesse la spia su quanto aveva fatto dopo aver perso una partita ai videogame.

5201645_1525_perde_videogiochi_uccide_fratello

Alexander di Dudinka nella regione russa di Krasnoyarsk Krai ha messo a soqquadro la casa, ha distrutto il telefonino e fatto altri danni dopo aver perso ai videogiochi, tutto sotto gli occhi stupiti del fratellino. Temendo che quando sarebbe tornata la madre avesse fatto la spia facendogli prendere una punizione ha deciso di mettere a tacere per sempre il bambino e lo ha ucciso, come riporta anche il Mirror.

Il ragazzo di 13 anni stava giocando con il telefonino, ma si sarebbe fatto prendere dall’ira. Dopo il game over ha prima distrutto lo smartphone poi ha buttato giù diversi mobili e distrutto altri oggetti svegliando il fratellino di 7 anni. Quando se lo è visto comparire davanti ha pensato alla punizione che gli avrebbe dato la madre, così ha afferrato un coltello e ha pugnalato per 15 volte il bambino fino ad ucciderlo.

Emanuela Orlandi, le tombe in Vaticano sono vuote. Sparite pure le ossa di due principesse. Il fratello Pietro: «Incredibile»

Non c’era assolutamente nulla nelle due tombe all’interno delle mura vaticane, nel cimitero teutonico. Non sono stati trovati «né resti umani, né urne funerarie».
Eppure sono state aperte per tentare di far luce sul caso di Emanuela Orlandi, la ragazza di cui si sono perse le tracce da 36 anni. Un mistero che continua a restare tale, solo che dopo lo stupore scuscitato dall’ultimo nulla di fatto, la vicenda si arricchisce di particolari che suscitano nuovi interrogativi.

4613265_1033_emanuela_orlandi_tombe_vuote_40

Il portavoce vaticano Alessandro Gisotti fa sapere nel dettaglio che «l’accurata ispezione sulla tomba della Principessa Sophie von Hohenlohe ha riportato alla luce un ampio vano sotterraneo di circa 4 metri per 3,70, completamente vuoto. Successivamente si sono svolte le operazioni di apertura della seconda tomba-sarcofago, quella della Principessa Carlotta Federica di Mecklemburgo. Al suo interno non sono stati rinvenuti resti umani». Già, ma come sia stato possibile tutto ciò nessuno ancora lo sa.

La ristrutturazione del vano trovato vuoto sotto la tomba nel Cimitero Teutonico «non era di duecento anni fa», sottolinea infatti il fratello di Emanuela Orlandi, Pietro, all’uscita del Cimitero Teutonico spiegando che le pareti erano in cemento e non in calce. «Non c’era nulla, nulla, neanche le principesse», riferisce spiegando che le segnalazioni che avevano avuto, in merito alla possibile sepoltura di Emanuela nella Tomba dell’Angelo «non erano anonime». L’avvocato Laura Sgrò aggiunge: «Tutto ci spettavamo meno che di trovare le tombe vuote».
Si è infatti aperto un nuovo giallo: «Ora anche i familiari delle principesse dovranno chiedersi che fine hanno fatto le ossa», dice sempre Pietro Orlandi. Ma bisogna anche capire che documentazione sia in possesso del Vaticano relativamente al contenuto delle tombe.
Attacca monsignor Gianfranco Girotti, già reggente della Penitenzieria apostolica da sempre interessato al caso della figlia del commesso del Vaticano di cui si sono perse le tracce 36 anni fa: «Stiamo parlando di tombe degli anni passati, che appartengono ad alcune famiglie principesche che chiedevano di aver lì la sepoltura. Con il passare degli anni, come succede in molti altri cimiteri, le spoglie vengono tolte e portate altrove e sul posto resta la storia commemorativa della famiglia. Il caso Orlandi finisce qui: il Vaticano ha voluto dire stop alle tante illazioni».

Figlio segreto di Carlo e Camilla, ecco il volto del presunto fratello di William e Harry: «Vive in Australia»

maxresdefault-1-768x432William e Harry hanno un fratellastro segreto, figlio di Carlo e Camilla? Secondo il presunto figlio illegittimo, sarebbe proprio così. Simon Charles Dorante-Day, questo è il nome del’ipotetico fratello dei figli di Lady Diana, ha 53 anni e vive in Australia. L’uomo ribadirebbe continuamente sul suo profilo Facebook di essere il figlio illegittimo di Carlo e Camilla, evidenziando la sua somiglianza con la coppia reale.

Come riporta Il Giornale, Simon sosterrebbe di essere stato concepito ai tempi in cui Carlo e Camilla vivevano la loro relazione clandestina. E di essere stato dato in adozione, dal momento che i presunti genitori sarebbero stati poco più che adolescenti.

Il clamoroso rumor sta facendo il giro del web, ma non è tutto. Simon Charles Dorante-Day adesso chiederebbe dall’Australia il test del Dna, aggiungendo che perfino Lady Diana avrebbe saputo della sua esistenza. Finora, Buckingham Palace non avrebbe commentato il gossip choc. Tempesta reale in arrivo? Staremo a vedere.