Belen Rodriguez: «Mi sono riavvicinata a Stefano, ma ci vado piano. Corona? Gli voglio bene, ma è irrecuperabile»

4381161_1649_belen_rodriguez_stefano_de_martino_fabrizio_corona_andrea_iannone«Sono in pre-ciclo: se dovessi mettermi a piangere all’improvviso, è per quello». Esordisce scherzando Belen Rodriguez, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo.

La showgirl argentina ha parlato di tutti gli amori passati, a cominciare da Andrea Iannone. Sul motociclista di Vasto, Belen Rodriguez ha spiegato: «Quella storia è finita, ma salvo comunque tutto. Ci abbiamo provato, ma sono convinta che tutto sia destinato a finire. Da piccola pensavo che l’amore fosse eterno, ma col tempo ho imparato a godermi i momenti. Ci siamo voluti bene, ma è finita: succede a quasi tutti, l’amore è ciclico, solo pochi fortunati riescono a farlo durare a lungo».

Si parla poi di Stefano De Martino, l’ex marito e papà di Santiago. Belen scherza, ma poi si fa più seria: «Difficile dimenticare un matrimonio. Dopo la cerimonia ero un po’ ubriaca, forse ho dimenticato qualcosa… Resta comunque il padre di mio figlio. Sì, ci siamo riavvicinati, ma andiamoci piano: non voglio parlare di cose come se fossero definitive, è delicato, c’è un bambino di mezzo. Io faccio quello che mi dice il cuore e lui è il padre di mio figlio. Siamo una famiglia e ho il grande esempio dei miei genitori: mia madre è stata sempre e solo con mio padre, sotto questo punto di vista non ci somigliamo proprio…». E su papà Gustavo, Belen assicura: «Ora sta bene, si è ripreso».

Belen parla poi dei fratelli, Cecilia e Jeremias Rodriguez: «Chechu ormai è accasata con Ignazio, Jeremias invece fa solo casini… Lui dice che non approviamo le sue fidanzate? In realtà sono a lui che non vanno mai bene…». E su Soleil Sorgé, con cui è nato del tenero all’Isola dei Famosi, Belen dice di essere contenta della scelta del fratello: «Mi piace molto, è una ragazza con una forte personalità, una vera leader, deve solo imparare ad essere più diplomatica, ma è ancora molto giovane, è solo una ventenne».

Parlando dell’Isola, si torna ad affrontare il caso Fogli-Corona: «L’ho condannato duramente e Fabrizio mi ha risposto come se fosse stato chiamato in causa, ma io ce l’avevo con la produzione della trasmissione. Riccardo Fogli ha una certa età, poteva anche sentirsi male di fronte a certe voci. Non si gioca così sulla vita delle persone». Di Fabrizio Corona, che si è sempre detto ancora innamorato di lei, Belen Rodriguez afferma: «Lui ha sempre tanti punti di vista. Io gli voglio bene, davvero, ma penso sia irrecuperabile: ci sono persone che non riescono a maturare, a migliorare, a crescere».

Belen Rodriguez viene poi raggiunta in studio da Paolo Ruffini, che con lei ha condotto e tornerà a condurre Colorado. Il comico e conduttore spiega: «La trasmissione è sempre più ricca e piena di comici, Belen è un valore aggiunto e insieme faremo degli sketch molto divertenti, simili a Love Bugs». Stefano De Martino conduce invece Made in Sud e Silvia Toffanin chiede: «Non c’è una sorta di conflitto di interessi?». Belen risponde così: «No, anzi, in realtà ci scambiamo consigli».

Bancomat impazzito: lo sportello “regala” banconote durante il prelievo

4135591_1620_bank_of_america_atm_panoramioJackpot al bancomat: alcuni fortunati clienti dello sportello automatico della Bank of America si sono ritrovati di fronte ad un vero scenario da Las Vegas. La vicenda è avvenuta non nello stato americano del Nevada ma in quello del Texas.

A quanto si apprende, ad Harris County, località a nord della città di Houston, uno degli ATM – sigla che negli Stati Uniti identifica gli sportelli elettronici per il prelievo di denaro – ha iniziato a erogare fino a 10 volte l’importo che l’utente aveva richiesto di prelevare. E a distribuire biglietti da 100 dollari freschi freschi. Immediato il tam tam che ha portato a creare subito enormi file fuori dalla filiale, nella speranza che il bancomat impazzito non rinsavisse di colpo.

La sorpresa per i fortunati che hanno avuto la possibilità di utilizzare il «generoso» ATM è stata anche per le parole di Bank of America, che ha confermato ai clienti che avevano prelevato di poter tenere i soldi elargiti dallo strumento. La stessa banca ha anche svelato il motivo di questa inaspettata generosità dell’apparecchio elettronico: al suo interno uno dei dipendenti aveva erratamente caricato banconote da 100 dollari al posto di quelle da 10. Chiedere 20$ poteva portare a riceverne quindi anche 200.