Roberta Siragusa, in una foto spunta un ematoma. La mamma: «Ho davvero nutrito l’assassino di mia figlia?»

«Pietro Morreale era eccessivamente morboso con Roberta Siragusa». A dirlo sono gli amici della ragazza trovata morta in un burrone a Caccamo. Il fidanzato 19enne ha aiutato a trovare il corpo, ma non ha confessato. E tra gli atti dell’inchiesta c’è anche una foto acquisita da WhatsApp che mostra un ematoma al viso della ragazza. Intanto, la mamma della 17enne, consapevole di aver accolto in casa il possibile assassino di sua figlia, non se ne capacita: «Era sempre a casa nostra».

Roberta-Siragusa-morta (1)

ROBERTA SIRAGUSA, LA FOTO DEL LIVIDO
Da una foto su Whatsapp, finita negli atti delle indagini, è emerso un livido che potrebbe svelare qualcosa in più sul rapporto tra Roberta e il fidanzato, fermato con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. I fatti risalirebbero al giugno scorso e secondo gli amici interrogati dalle forze dell’ordine sarebbe stato provocato da Morreale. «Provava un sentimento morboso nei confronti della vittima», si legge nel provvedimento che ha portato al fermo. In base alle testimonianze raccolte, ci sarebbero stati diversi episodi di violenza fisica e anche minacce nei confronti della ragazza.

ROBERTA SIRAGUSA, IL DOLORE DELLA FAMIGLIA
«Pietro stava sempre con noi. Da un anno e mezzo, uno di famiglia», ha dichiarato al Corriere della Sera Iana, la madre di Roberta Siragusa. «Era spesso qui a tavola. Lo conoscevamo bene. E in paese ci conosciamo tutti, come ripeto all’avvocato, anche lui di Caccamo, chiedendogli se davvero abbiamo nutrito l’assassino della nostra bambina…Tra loro “liti fisiologiche”, cose compatibili per due ragazzi che dopo un quarto d’ora fanno pace e passa tutto. Chi avrebbe mai potuto pensare…»

ROBERTA SIRAGUSA, PARLA LA MAMMA DI PIETRO
Questa storia ha distrutto due famiglie. È intervenuta anche la mamma di Pietro: «Si sono fermate anche le nostre vite. Come mamma vorrei abbracciare Iana che conosco bene. Lo so che è difficile. Ma, se potessi, vorrei confortarla e prendermi tutto il suo dolore. Abbiamo il cuore spaccato. Cos’è successo a questi due ragazzi che stavano sempre insieme?».

Ema Stokholma choc a Verissimo: «Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha chiesto di suicidarmi». Toffanin commossa

Su Leggo.it le ultime novità. Ema Stokholma choc a Verissimo: «Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha chiesto di suicidarmi». Silvia Toffanin commossa. Oggi, la deejay e conduttrice è stata ospite nel salotto di Canale 5 e ha parlato a cuore aperto della sua infanzia molto dolorosa.

5073703_1041_ema_stokholma_libro

«Da quando avevo quattro anni – racconta Ema Stokholma – ho conosciuto la violenza fisica. Mia madre mi picchiava e mi diceva cose terribili. Cominciava sempre con una doccia fredda, mi metteva nella vasca vestita. Mi colpiva con il pomo della doccia e alcune volte mi teneva con la testa sotto l’acqua. Mia madre mi ha portato su un ponte e mi ha spronato a buttarmi di sotto, poi è passato il libraio e abbiamo fatto finta di niente. Dai 6-7 anni scappavo di casa, ma la polizia mi riportava sempre indietro e non mi chiedeva perché fossi scappata. Abitavamo in un paesino nel sud della Francia».

E conclude: «Mia madre non aveva amici parenti, mio padre se n’è andato prima che nascessi. La disperazione l’ha portata a fare cose sbagliate. La società l’avrebbe dovuta aiutare e non voltarsi dall’altro lato. Io l’ho capita, non la odio più. Provo empatia. A 15 anni riesco a scappare per arrivare in Italia in cerca di mio padre. Non mi avrebbe fermato nulla, dovevo solo salvarmi. Ho preso un treno da Parigi e la mattina sono arrivata a Roma, lì ho visto il sole. Con mio padre non ha funzionato, sono scappata anche da lì. Ho fatto la cameriera, la modella e ho tirato avanti. Ho vissuto per strada, volevo toccare il fondo da sola per risalire».

Manuela Arcuri, la paura segreta a Verissimo: «Ero innamorata di Gabriel Garko. Forse sono caduta nella loro rete». Silvia Toffanin stupita

Manuela Arcuri, la paura segreta a Verissimo: «Ero innamorata di Gabreil Garko. Forse sono caduta nella loro rete». Silvia Toffanin stupita. L’attrice racconta per la prima volta in tv, tutta la verità sulla sua storia d’amore da copertina e il rapporto con la Ares e Alberto Tarallo.

Manuela-Arcuri-su-Ares-gate-768x480

Manuela Arcuri racconta per la prima volta in tv, a Verissimo, la sua verità in merito alla sua storia d’amore con Gabriel Garko: «Forse sono caduta anch’io nella rete di qualcosa di organizzato a tavolino. Non so se per lui sia stata una storia finta, ma per me è stata vera. Sentendo le sue dichiarazioni mi viene da pensare che forse anch’io sono una vittima e mi dispiacerebbe tantissimo. Anni fa – prosegue – abbiamo avuto una relazione durata qualche mese e non posso dire fosse una cosa falsa e organizzata. Ero innamorata e tra noi c’era una grande attrazione fisica, ci piacevamo tantissimo. È durata poco, però per quel breve periodo lui era il mio fidanzato: per me è stata una storia vera».

In merito al coming out di Gabriel Garko, l’attrice confessa: «Non mi ha mai detto nulla, c’erano delle voci, avevo forse dei dubbi, ma non ho mai avuto certezze. Con me non si è mai aperto e forse ha sempre mantenuto una maschera fingendosi eterosessuale. Immagino quanto abbia sofferto, nascondersi sempre non dev’essere stato facile e mi dispiace tantissimo. Non ci sentiamo da un po’ di tempo, l’ho cercato durante il lockdown ma non sono riuscita a parlagli. Forse perché già stava cominciando a pensare di dire la sua verità e si sentiva un po’ in difetto nei miei confronti».

A Silvia Toffanin, che gli chiede se tornerebbe a lavorare con Garko, rivela: «Certo che lo farei. Mi dispiacerebbe se mi avesse preso in giro per apparire quello che non era, ma sono passati tanti anni. È stato il mio collega più fedele. Abbiamo lavorato tantissimo insieme e per me non è cambiato niente. Tornerei a recitare con lui con una verità in più».

Manuela Arcuri parla poi anche del suo passato professionale con il mondo Ares: «Lavorando con loro ho solo avuto benefici. Mi hanno dato tantissimo, sono stati come una famiglia, erano delle persone che ti davano consigli, che ti aiutavano e ti indirizzavano: mi hanno fatto solo del bene e non posso dire niente di male. Li ringrazierò per sempre, persone meravigliose e generosissime. Mi hanno trattato come una star, ma trattavano tutti allo stesso modo, ospitavano gli attori in questa casa meravigliosa e non gli facevano mancare niente. Mi dispiace sentire dopo anni queste cose: perché queste cattiverie non sono state dette nel periodo d’oro ma sono uscite solo ora quando l’Ares è finita? Questa cosa non mi va giù. Tra me e Alberto Tarallo è rimasta una bellissima amicizia e lui è molto amareggiato per quello che ha sentito. Non riesce a capire il motivo di tutta questa cattiveria e non riesce a spiegarsi la non riconoscenza».

Sulle parole di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra dette nella casa del Grande Fratello Vip, dichiara: «Li ho conosciuti durante le mie ultime fiction, ho lavorato con loro e penso sia grazie ad Ares se hanno avuto la possibilità di andare al Grande Fratello. Quando li ho frequentati sul set mi sembravano persone felici della loro carriera e di quello che stavano facendo, non ho visto nessun malessere”.

Diego Maradona preoccupa i fan: si abbassa i pantaloni e balla, ma non riesce a parlare

Un video che ha suscitato molta delusione e una ancora maggiore preoccupazione tra i fan di Diego Armando Maradona. A 34 anni esatti di distanza dagli storici gol all’Inghilterra nel Mondiale di Messico ’86, un filmato dell’ex Pibe de Oro è diventato virale sui social, suscitando una forte apprensione tra tutti i fan dell’ex fuoriclasse del Napoli e della nazionale argentina.

5304567_1123_diego_maradona_viola_lockdown_balla_festa_non_riesce_parlare

In Argentina, la situazione del coronavirus è di piena emergenza ed è ancora in vigore il lockdown decretato dalle autorità. Nonostante questo, Diego Maradona, attuale allenatore del Gimnasia La Plata, si era riunito in una casa insieme ad alcuni amici e alla sua ex compagna, Veronica Ojeda. I due si concedono un ballo ma a preoccupare non poco è lo stato di salute, fisica e mentale, dell’ex fuoriclasse argentino.

Diego Maradona, infatti, ancora una volta mostra difficoltà a parlare e, durante il ballo del ‘Bombón Asesino’, si abbassa i pantaloni e le mutande, mostrando le natiche a chi stava girando il video. Anche i più grandi fan di Maradona sono rimasti delusi e preoccupati da quanto immortalato da uno dei presenti alla festa. «È tutto grottesco e terrificante: una volta ci davi gol e felicità, ora proviamo solo vergogna» – si legge tra i commenti sui social – «Questo video dovrebbero vederlo tutti i giovani: quello che è stato il più grande calciatore della storia, oggi è uno straccio umano che non riesce neanche a parlare, dopo tanti anni di consumo di droghe pesanti e alcol».

Prima era obesa, ora è un’istruttrice di fitness: ecco come ha fatto…

Lei si chiama Jessie Gibson ed è una ragazza britannica di 33 anni: negli ultimi anni ha avuto una vera e propria trasformazione fisica che ha migliorato notevolmente il suo aspetto fisico e la qualità della sua vita. Jessie, infatti, era una ragazza obesa ma, grazie ad una dieta equilibrata e ad un allenamento rigoroso, è riuscita a dimagrire notevolmente. Anzi, ora è anche un’istruttrice di fitness all’interno di una palestra.

jessie_06133521

“Sono cambiata talmente tanto che le persone pensano che le mie foto nuove siano dei falsi – ha ammesso Jessie -. Ho smesso di fumare e ho abbandonato il mio lavoro al call center: ho fatto una dieta di proteine e di verdure, oltre ad un allenamento durissimo in palestra”. Per lei la svolta è arrivata all’improvviso, quando non poteva più sopportare il suo aspetto fisico: “Un giorno mi sono specchiata e non potevo sopportarmi: non ero felice e così ho deciso di cambiare. Ho iniziato a vedere la vita diversamente, ho iniziato a volermi bene e a mangiare cose giuste, senza eccessi. Ora mi specchio e sono felice: il mio aspetto mi piace molto”, ha concluso Jessie.