Sanremo 2020, il figlio di Amadeus emoziona: il gesto toccante e inaspettato del bambino di 10 anni

Durante il festival di Sanremo 2020, dopo l’esibizione di Paolo Palumbo, il più giovane malato di sla d’Europa, il Teatro Ariston gli ha giustamente dedicato una standing ovation. Quello che però in molti hanno notato è che a farla partire è stato un bambino seduto in prima fila, ovvero Josè Alberto, il figlio di Amadeus. Ecco cosa è successo.

5033017_43_20200206065443

Paolo Palumbo sul palco dell’Ariston colpisce tutti
Andiamo con ordine. Nella seconda serata del Festival di Sanremo è salito sul palco dell’Ariston Paolo Palumbo, un ragazzo di 22 anni colpito dalla sla a soli 18 anni. Lui, il malato di sla più giovane d’Europa, si è esibito sulle note di “Io sto con Paolo”, una canzone estremamente toccante dedicata appunto alla sua condizione.

“La mia non è la storia di un ragazzo sfortunato, ma quella di uno che non si è mai arreso”, ha detto Paolo durante il suo momento, colpendo al cuore il pubblico. Tanto è vero che all’Ariston per lui è partita la standing ovation.

Sanremo 2020: il figlio di Amadeus fa partire la standing ovation
Quello di cui però si sono accorti in tanti è che a far partire la standing ovation della platea di Sanremo 2020 è stato il figlio di Amadeus. Proprio Josè Alberto, infatti – seduto in prima fila accanto alla mamma – si è alzato in piedi per regalare il tributo del pubblico a Paolo Palumbo, un momento veramente sentito.

“Un applauso al figlio di Amadeus che si è alzato per primo – ha scritto un internauta su Twitter – un bambino di meno di 10 anni che si alza ad applaudire per primo davanti ad una performance così toccante, rispetto a tutte le vecchie me**e che volevano stare sedute”.