Giulia De Lellis e Andrea Damante, la foto del bacio sul fondoschiena fa il giro di instagram

Giulia De Lellis e Andrea Damante si stanno godendo la ritrovata complicità e le vacanze in barca. Sono tornati insieme poco prima del lockdown e ora è più facile farsi vedere alla luce del sole. In uno post pubblicato dal dj veronese sul suo profilo Instagram lo scatto è super hot e conferma che tra i Damellis, come li chiamano affettuosamente i fan, la chimica non è mai scomparsa.

Schermata 2020-06-20 alle 22.39.30_20224327

I due si attraggono come le calamite e i rispettivi flirt, i tradimenti e persino un libro sui ‘panni sporchi’ non sono serviti ad allontanarli. Nell’ultimo post Damante bacia il fondoschiena dell’influencer romana distesa a pancia in giù. Un gesto intimo e sensuale che ha scatenato tantissimi commenti. A corredo del post la frase “That’s Amore”.

Ed è proprio amore tra i due, uno di quelli che fanno giri immensi e poi ritornano. Giulia e Andrea si sono conosciuti a Uomini e Donne e i fan rivedono ora la stessa affinità di un tempo. Una chimica che non hanno trovato con nessuno degli altri partner.

Truffa della moltiplicazione dei soldi: «Le banconote si trasformano con un liquido magico»

4188929_Guardia_finanza_22-12-18_5Gli uomini della Guardia di finanza di Vicenza hanno smascherato un gruppo di persone che truffavano le persone promettendo loro la “moltiplicazione” di banconote. In particolare, le fiamme gialle di Thiene hanno denunciato alla locale Autorità giudiziaria quattro persone, colte in flagranza del reato mentre cercavano di truffare un imprenditore locale, chiedendo denaro contante promettendone la duplicazione.

Al malcapitato era stata assicurata la moltiplicazione di 20mila euro che questi avrebbe dovuto consegnare loro al fine di produrne almeno il triplo, attraverso una inverosimile procedura chimica che, mediante un composto liquido “magico”, sarebbe stata in grado di trasferire l’inchiostro delle banconote vere su altre pre-trattate, originate da semplici fogli di carta che sarebbero diventati identici a banconote aventi corso legale. L’indagine di polizia economico-finanziaria è stata originata dalla denuncia dell’imprenditore che, qualche giorno prima, si era presentato presso gli uffici della Guardia di finanza per denunciare la possibile truffa. I soggetti extracomunitari gli avevano proposto la possibilità di moltiplicare il proprio patrimonio al punto che gli era già stato mostrato, giorni addietro, in altra circostanza, il procedimento chimico che avrebbe consentito la creazione del denaro.