Barista scopre la falla nel Dpcm: chiude il locale a mezzanotte e lo riapre 15 minuti dopo. I vigili non possono bloccarlo

«Ho chiuso il bar a mezzanotte del 14 ottobre e l’ho riaperto quindici minuti dopo», così Aldo Manoieri, titolare del Bar Plaza Cafè di Catanzaro Lido, spiega la sua interpretazione all’ultimo dpcm entrato in vigore lo scorso 14 ottobre. «Nel dpcm c’è l’orario di chiusura che ho rispettato ma non è indicato l’orario di riapertura e io ho che un’attività h24 ho riaperto subito dopo», ha spiegato Manoieri a La Nuova Calabria che, attraverso questa dichiarazione pubblica, ha voluto evidenziare una falla presente all’interno del decreto firmato dal premier Conte per far fronte all’impennata del numero dei contagi.

5529326_1111_barista_dpcm_catanzaro

«Verso mezzanotte e 25 ho avuto il primo controllo delle forze dell’ordine che mi hanno intimato di chiudere. Facendogli presente quello che c’è nel dpcm abbiamo constatato che non c’è un orario di riapertura. Io quindi a che ora dovrei riaprire? Questo è l’interrogativo», ha aggiunto il titolare che ha ammesso di aver continuato la sua attività tutta la notte e di non voler smettere. «Tutto nasce da chi ha scritto questo dpcm, non sanno nemmeno quello che scrivono e io mi adeguerà a quello che c’è sul dpcm e io chiudero a mezzanotte e riaprirò quindici minuti dopo», ha concluso.

COSA PREVEDE IL DPCM

Effettivamente leggendo il dpcm non è indicato alcun orario di riapertura per i locali ma solo l’obbligo di chiusura a mezzanotte con consumo al tavolo e fino alle 21 «in assenza di consumo al tavolo». Una “falla” che ha permesso all’esercente di restare aperto tutta la notte.

Anche a Bologna il titolare del Mavit Bar, di fronte alla Stazione Centrale, ha adottato una soluzione analoga al collega di Catanzaro: «Il riassunto è che nell’ultimo Dpcm del 13 ottobre hanno dato un orario di chiusura dei locali, ma non uno di apertura. Quindi, io posso chiudere alle 24 e riaprire alle 24.01. Abbiamo scelto di stare chiusi un’ora per sanificare tavoli, locali e spazi e riapriamo all’una, che è già il giorno dopo. Dobbiamo lavorare per consentire ai nostri dipendenti di andare avanti», ha dichiarato Andrea Ferrari al Corriere di Bologna.

«Non stiamo facendo nulla di irregolare – spiega il titolare dell’esercizio di viale Pietramellara – per il Dpcm, se ho il servizio al tavolo posso continuare fino alle 24, se non ho il servizio al tavolo fino alle 21, ma, potenzialmente, potrei fare servizio da asporto. Per evitare fraintendimenti, abbiamo scelto di chiudere a mezzanotte e riaprire il giorno dopo, cioè all’una vendendo da asporto panini e brioche. Nel testo, infatti, non c’è scritto quando si può riaprire: noi siamo qui giorno e notte, un bar non è obbligato ad aprire alle 6 di mattina. Il Dpcm è stato pensato per i luoghi della movida, qui noi svolgiamo un servizio per viaggiatori e turisti».

Mavit Bar è tenuto anche al rispetto dell’ordinanza comunale «che è scritta molto meglio – conclude Ferrari – e prevede che, dalle 22 alle 6 di mattina, non possiamo somministrare alcolici o bevande in lattina. Posso dare bottiglie di plastica per l’asporto».

L’estate stellare di Valeria Marini, dalla Calabria alla Sardegna più esplosiva che mai

Quella di Valeria Marini è stata un’estate stellare, a base di sole, mare e relax. Dalla Sardegna alla Calabria alla scoperta delle bellezze d’Italia, la showgirl non si è fatta mancare nulla: giri in barca al tramonto e pomeriggi in spiaggia sono stati gli ingredienti delle sue vacanze.

103510962-6a20d26c-b0eb-4d1f-9448-be491d66451e

Sui social Valeria ha tenuto aggiornati i follower con i dettagli della sua estate trascorsa nelle location più belle del Belpaese, condividendo scatti in cui posa da diva con panorami stupendi sullo sfondo. Come colonna sonora “Boom”, la sua ultima hit dai ritmi latini. In bikini mozzafiato sfoggia le curve esplosive e incanta i fan, che la inondano di complimenti e cuoricini.

Secondo Novella 2000 la Marini sarebbe tornata single: la storia d’amore con Gianluigi Martino, con cui faceva coppia fissa da febbraio 2019, pare sia giunta al capolinea. Con il manager di 17 anni più giovane di lei, la star del Bagaglino sembrava aver finalmente trovato la felicità. I due hanno trascorso insieme la quarantena e parevano più uniti che mai ma qualcosa deve essersi rotto irrimediabilmente.

Mercedesz Henger da togliere il fiato tra doccia hot e bagni bollenti

Da Forte dei Marmi alla Calabria, passando per Barcellona: per Mercedesz Henger le vacanze sono entrate nel vivo. Tante le mete ma un’unica costante: la sensualità. Curve prorompenti in mostra per la sexy influencer, che sfoggia un fisico mozzafiato con panorami incredibile sullo sfondo. Instancabile e sempre in movimento, anche in viaggio non dimentica i follower e manda cartoline bollenti, tra bagni e docce che tolgono il fiato.

085447062-da84ea38-d6d3-4059-b5d7-f4b5a91f082c

In costume a Forte dei Marmi, Mercedesz sfoggia un fisico da urlo mentre si crogiola al sole in spiaggia o si gode calde serate mondane. Nello stabilimento balneare più amato dai vip si rilassa al sole o posa sinuosa mandando in delirio i follower che non la perdono mai di vista. Poi è la volta di Barcellona. Su e giù per le vie della città catalana sceglie i luoghi più suggestivi come scenario ai suoi scatti bollenti, con addosso top rivelatori che le disegnano il seno.

Di nuovo mare, ma stavolta in Calabria. La Henger gioca con le onde in pose roventi, passeggia sul bagnasciuga e mostra il lato B da capogiro, sfoggia abiti attillatissimi che sottolineano il suo corpo perfetto o costumi, minuscoli e sgambatissimi che mettono in risalto ogni singola curva. Lei si diverte un mondo a provocare e ogni scatto è un successo.