Chiara Ferragni, paura per una caduta in gravidanza: «Visita di controllo, non si sa mai»

Piccolo spavento per Chiara Ferragni, che ha raccontato sui social di essere caduta e di essere corsa a fare una nuova ecografia a poche ore di distanza dall’ultima per essere più tranquilla. La moglie di Fedez, infatti, è incinta di una bambina e temeva che potesse esserle successo qualcosa. «Ieri ho fatto una piccola caduta mentre camminavo nella natura (senza farmi nulla) ma in gravidanza non si sa mai quindi oggi ho fatto un’altra visita di controllo», ha detto su Instagram.

5692278_2138_chiara_ferragni_paura_cade_gravidanza_corre_visita_controllo_

L’imprenditrice digitale è quasi all’ottavo mese di gravidanza e ha avuto modo di vedere ancora una volta la bambina. Ha pubblicato le ecografie tridimensionali in un post sui social. In uno scatto si vede la piccola sorridere. Il ricordo della prima gravidanza è ancora molto vivo. Chiara è stata costretta al riposo forzato mentre aspettava il primogenito Leone.

Ha dovuto trascorrere gli ultimi due mesi della gestazione a letto per via di un problema alla placenta e subito dopo si è dovuta sottoporre a un parto cesareo d’urgenza. La nascita della piccola è prevista per la fine di febbraio e ancora non si conosce il nome scelto dai genitori. Potrebbero deciderlo dopo averla vista.

Manuela Arcuri, la paura segreta a Verissimo: «Ero innamorata di Gabriel Garko. Forse sono caduta nella loro rete». Silvia Toffanin stupita

Manuela Arcuri, la paura segreta a Verissimo: «Ero innamorata di Gabreil Garko. Forse sono caduta nella loro rete». Silvia Toffanin stupita. L’attrice racconta per la prima volta in tv, tutta la verità sulla sua storia d’amore da copertina e il rapporto con la Ares e Alberto Tarallo.

Manuela-Arcuri-su-Ares-gate-768x480

Manuela Arcuri racconta per la prima volta in tv, a Verissimo, la sua verità in merito alla sua storia d’amore con Gabriel Garko: «Forse sono caduta anch’io nella rete di qualcosa di organizzato a tavolino. Non so se per lui sia stata una storia finta, ma per me è stata vera. Sentendo le sue dichiarazioni mi viene da pensare che forse anch’io sono una vittima e mi dispiacerebbe tantissimo. Anni fa – prosegue – abbiamo avuto una relazione durata qualche mese e non posso dire fosse una cosa falsa e organizzata. Ero innamorata e tra noi c’era una grande attrazione fisica, ci piacevamo tantissimo. È durata poco, però per quel breve periodo lui era il mio fidanzato: per me è stata una storia vera».

In merito al coming out di Gabriel Garko, l’attrice confessa: «Non mi ha mai detto nulla, c’erano delle voci, avevo forse dei dubbi, ma non ho mai avuto certezze. Con me non si è mai aperto e forse ha sempre mantenuto una maschera fingendosi eterosessuale. Immagino quanto abbia sofferto, nascondersi sempre non dev’essere stato facile e mi dispiace tantissimo. Non ci sentiamo da un po’ di tempo, l’ho cercato durante il lockdown ma non sono riuscita a parlagli. Forse perché già stava cominciando a pensare di dire la sua verità e si sentiva un po’ in difetto nei miei confronti».

A Silvia Toffanin, che gli chiede se tornerebbe a lavorare con Garko, rivela: «Certo che lo farei. Mi dispiacerebbe se mi avesse preso in giro per apparire quello che non era, ma sono passati tanti anni. È stato il mio collega più fedele. Abbiamo lavorato tantissimo insieme e per me non è cambiato niente. Tornerei a recitare con lui con una verità in più».

Manuela Arcuri parla poi anche del suo passato professionale con il mondo Ares: «Lavorando con loro ho solo avuto benefici. Mi hanno dato tantissimo, sono stati come una famiglia, erano delle persone che ti davano consigli, che ti aiutavano e ti indirizzavano: mi hanno fatto solo del bene e non posso dire niente di male. Li ringrazierò per sempre, persone meravigliose e generosissime. Mi hanno trattato come una star, ma trattavano tutti allo stesso modo, ospitavano gli attori in questa casa meravigliosa e non gli facevano mancare niente. Mi dispiace sentire dopo anni queste cose: perché queste cattiverie non sono state dette nel periodo d’oro ma sono uscite solo ora quando l’Ares è finita? Questa cosa non mi va giù. Tra me e Alberto Tarallo è rimasta una bellissima amicizia e lui è molto amareggiato per quello che ha sentito. Non riesce a capire il motivo di tutta questa cattiveria e non riesce a spiegarsi la non riconoscenza».

Sulle parole di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra dette nella casa del Grande Fratello Vip, dichiara: «Li ho conosciuti durante le mie ultime fiction, ho lavorato con loro e penso sia grazie ad Ares se hanno avuto la possibilità di andare al Grande Fratello. Quando li ho frequentati sul set mi sembravano persone felici della loro carriera e di quello che stavano facendo, non ho visto nessun malessere”.

Mara Venier, altra caduta e nuovo infortunio alla gamba. «Devo farmi benedire». Ecco cosa è successo

Nuovo infortunio per Mara Venier. La conduttrice è caduta di nuovo questa volta a casa mentre rientrava da una cena tra amici. “Era buio, non ho visto il gradino in giardino e sono inciampata” ha raccontato in un video pubblicato nelle IG Stories.

5386012_40_20200804091251

Per fortuna niente di rotto, ma il ginocchio le fa male: “Una bella botta” ammette senza perdere il suo sorriso. Solo due mesi fa, Mara è caduta durante una puntata di Domenica In rompendosi il piede. La conduttrice ha portato il gesso per due mesi e appena pochi giorni fa aveva ripreso a camminare normalmente. “È arrivato il momento di andare a farmi benedire” ha detto con la sua solita ironia tranquillizzando i fan.

Siria De Fazio: «Ero caduta in depressione, salvata dall’arrivo di Pablo»

Siria De Fazio, una delle protagoniste del Grande Fratello 9, ha passato un momento molto difficile. Un lungo periodo in cui è caduta, anche a causa di un difficile intervento, una dolorosa perdita e una delusione amorosa, in depressione e ne è uscita grazia all’arrivo a casa sua del cane Pablo.

5295179_1213_siria_de_fazio2

Tutto è partito nel 2018: “Mi sono dovuta sottoporre a un delicato intervento al viso – ha spiegato a “Nuovo” – per allungare la mandibola: le ossa si erano indebolite e logorate a causa dell’anoressia, contro cui ho lottato dai 4 ai 22 anni, e del mio mestiere di mangiafuoco. Non ho potuto lavorare per parecchi me-si; poi ho perso mio padre Armando, che ho assistito in ospedale tenendogli la mano fino alla fine; infine ho chiuso la storia orribile con il ragazzo con cui convivevo”.

Poi nella sua vita è arrivato il bulldog Pablo: “Quando ho incrociato il suo sguardo in un allevamento alle porte di Milano dove avevo accompagnato un mio amico, ho sentito una specie di scossa elettrica e, una volta rientrata a casa, non ho fatto altro che pensare a lui. Il proprietario non voleva venderlo, ma io ho cominciato a tempestarlo di telefonate e di visite improvvise. Alla fine, quando ha visto che anche il cucciolo stravedeva per me, ha ceduto e ho potuto finalmente portarlo a casa: era il Natale del 2018. Da quando Pablo è entrato a far parte della mia vita sono tornata a sorridere”.

E grazie a lui è ripartita: “Il suo arrivo è stato il pretesto per organizzarmi la vita e per cambiare il corso delle cose. Mi sono detta che per il suo bene non potevo più permettermi di essere di cattivo umore”

Razzo cinese in caduta libera sulla Terra: è allerta in tre continenti per la pioggia di frammenti

Un frammento del razzo vettore cinese Lunga Marcia 5B, lanciato lo scorso 5 maggio, così come previsto dagli esperti, sta rientrando sulla Terra in modo incontrollato.

5221523_1814_razzo_cinese_casca (1)

Luciano Anselmo, esperto di detriti spaziali del Cnr, sottolinea che il relitto dovrebbe cadere a breve in una ampia fetta della Terra compresa in tre continenti tra Australia, Africa e Stati Uniti, mentre l’Europa e l’Italia sarebbero al sicuro. «È molto probabile che i detriti finiscano nell’oceano, mentre la possibilità che causi vittime è milioni di volte inferiori a quella del coronavirus».

Atleta uccisa da un fulmine durante la gara, le polemiche e le testimonianze: «Abbiamo sentito un boato e poi è caduta»

Si chiamava Silje Fismen l’atleta morta dopo essere stata colpita da un fulmine durante la Südtirol Ultra Skyrace a Bolzano. La skyrunner norvegese, 45 anni, si è accasciata subito dopo il boato. L’incidente è avvenuto dopo sette ore e ezza di corsa, mentre era ottava. Si trovava nei pressi del Lago di San Pancrazio e partecipava alla gara estrema di 121 chilometri con un dislivello di 7.554 metri perché di corse ne aveva vinte tante. Il temporale arrivato all’improvviso le è stato fatale ed è morta poco dopo in ospedale.

4647371_1040_silje_fismen_atleta_trentino

La sportiva, una ricercatrice oncologica, aveva portato a casa molti risultati: il 27 agosto del 2016 al Tromso Mountain Ultra era arrivata quarta, lo scorso 31 maggio aveva vinto alla The Arctic Triple Lofoten Ultra-Trail. Secondo una prima ricostruzione erano le 19.00 quando è stata folgorata. Le autorità avevano deciso di interrompere la gara a causa del maltempo alle 18.30, ma lei e un gruppo di atleti stavano ancora correndo. Quando hanno sentito il boato, i suoi compagni di gara l’hanno vista cadere e hanno corso 30 minuti per chiamare i soccorsi perché i cellulari non prendevano.

La comunità di corridori è a lutto e l’organizzazione della gara ha cancellato le premiazioni e ha posto sulla copertina della propria pagina Facebook una candela. C’è, tuttavia, chi polemizza per aver trascurato la pericolosità delle condizioni meteorologiche. Per molti, la gara doveva essere annullata prima. «Già a mezzogiorno abbiamo mandato una squadra del soccorso alpino sul posto, ci aggiornavano ogni quindici minuti sulla situazione meteo», spiegava ieri l’organizzatore Josef Günther Mair. «Va precisato che le condizioni meteo non erano ottimali, ma non prevedevano un fortunale di quella portata. Abbiamo fermato gli atleti quando sono apparse quelle nuvole. In casi come questi si controlla il gps presente sui pettorali per studiare le loro posizioni, si può mandare un sms: ma non tutti lo vedono in tempo reale. Purtroppo l’unica soluzione è fermarli quando arrivano alle baite».

Paura per Sveva Alviti, malore in diretta tv per l’attrice e modella 32enne

Sveva Alviti, l’attrice e modella 32enne ha avuto un malore in diretta tv ospite del programma Grand Journal, su Canal +. Sveva Alviti, che interpreterà il film su Dalida, è caduta violentemente a terra in preda, secondo quello che riferiscono i media francesi, a un attacco epilettico.

2179547_attrice_malore_diretta

L’attrice, durante la diretta televisiva, improvvisamente si è contorta, cadendo a terra. Molta la paura per la salute della giovane attrice e modella italiana, svenuta a terra. La trasmissione è stata subito interrotta. Sveva Alviti è stata ricoverata in ospedale.