Gf Vip, Maria Teresa Ruta furiosa con l’ex Amedeo Goria: «Lo querelo. Non sa nemmeno se sua figlia Guenda ha avuto il morbillo»

Maria Teresa Ruta furiosa con l’ex Amedeo Goria: «Lo querelo. Non sa nemmeno se sua figlia ha avuto il morbillo». Guenda delusa ancora una volta. La lettera che il giornalista ha scritto definendo la figlia “bipolare”, ha scatenato la furia della conduttrice che ha urlato nella casa tutto il suo amore in difesa della figlia.

In settimana Amedeo Goria ha scritto una lettera su un settimanale in cui parla del rapporto con la figlia Guenda che definisce “bipolare”.

5547787_2344_gfvip_diretta_ruta_guenda_contro_goria

Durante la diretta della tredicesima puntata del grande fratello Vip, GUenda Goria ha modo di leggere le parole scritte dal padre: «Non so come commentare le parole di mio papà, sono parole molto sbagliate, dovrei parlare della mia vita privata che include tante altre persone e non mi sento di volerlo fare».

La delusione nelle parole di Guenda è molto forte: «Mi dispiace quello che dice mio padre, sono una persona complessa ma non bipolare, ho un papà molto particolare, forse è un po’ geloso del rapporto che ho con mamma ma credo che da un papà non dovrebbero arrivare certi attacchi. Gli voglio bene e lo abbraccio».

Maria Teresa non reagisce bene, anzi è davvero furiosa: «è da querela, Guenda non è bipolare! Poi non permetto ad una persona che non sa nemmeno se sua figlia ha avuto il morbillo di parlare di una condizione fisica e o mentale. Non c’è mai stato, e non lo dico io ma lui, io lo ringrazio per avermi fatto fare ma lui si è deresponsabilizzato. Perchè lui non ha fatto niente! E se ogni tanto fa dei capriccetti è perchè vuole attenzioni da te, è perchè da piccola non gliele hai date ed è giusto che le pretenda. Scusa Amedeo sei anche giornalista ma come cavolo ti viene in mente di scrivere queste cose! Abbiamo voluto una figlia fantastica dobbiamo anche amare il lato impegnativo, perchè con i figli bisogna impegnarsi!».

Kennedy, trovata morta la 22enne nipote di Bob nella villa di famiglia: forse overdose

Saoirse Kennedy Hill, 22enne nipote di Bob Kennedy, fratello di JFK, è morta nella villa di famiglia a Hyannis Port, in Massachussets, probabilmente a seguito di una overdose. Lo riporta il New York Times, spiegando che la giovane si è sentita male ieri pomeriggio mentre si trovava nella casa dove abita la nonna Ethel, la 91enne vedova di Bob Kennedy, ed è stata dichiarata morta nell’ospedale di Cape Cod dove è stata trasferita dai servizi di emergenza intervenuti.

16791992-7312499-Saoirse_is_seen_on_the_family_s_boat_in_an_Instagram_photo_poste-a-29_1564710335076

«I nostri cuori sono devastati per la perdita della nostra amata Saoirse, la sua vita era piena di speranza, promesse ed amore», si legge in una dichiarazione della famiglia Kennedy, che riporta anche la dichiarazione di Ethel Kennedy: «Il mondo è un posto meno bello oggi».

Figlia di Courtney Kennedy, quinta figlia di Bob ed Ethel, e Paul Michael Hill, Saoirse era studentessa di comunicazione al Boston College e vice presidente del gruppo degli studenti democratici. Ai tempi del liceo, frequentato alla Deerfield Academy, scuola privata del Massachusset, la ragazza aveva scritto sul giornale della scuola della sua lotta contro la depressione «che affonda le radici nell’inizio della scuola media a sarà con me per il resto della mia vita».

«La gente parla liberamente di cancro: perché è così difficile discutere degli effetti della depressione, sindrome bipolare, ansia o disturbi schizofrenici?», scriveva ancora la ragazza, il cui padre, Paul Michael Hill, è stato uno dei quattro irlandesi – diventati poi famosi come i Guilford Four – detenuti per 15 anni con l’accusa di coinvolgimento negli attentati dell’Ira e poi scagionati e liberati nel 1990. Hill e Courtney Kennedy si sono sposati nel 1993 e poi separati nel 2006. La proprietà dei Kennedy a Hyannis Port comprende una serie di ville di fronte al mare in un terreno di oltre 2 ettari di proprietà della famiglia dagli anni venti del secolo scorso.