Vigili fanno sesso nell’auto di servizio ma dimenticano la radio accesa: aperta un’inchiesta

La storia dei vigili che fanno sesso a Roma. La divisa, si sa, ha sempre avuto un certo fascino. Per lui. E per lei. Mettici un infinito turno di pattuglia per tutta la notte e Roma che è romantica perfino davanti a un campo nomadi. E il patatrac è fatto: una coppia di vigili urbani, lei sulla quarantina e lui con qualche anno in più, non hanno resistito e si sono lasciati andare a sesso sfrenato nell’auto di servizio con tanto di scritta sulla fiancata.

leggo-vigili-roma-40_23072816

A testimoniarlo un eloquente audio che qualcuno probabilmente ha registrato approfittando del fatto che i due nella foga avrebbero lasciato l’autoradio accesa. Il file in perfetto stile YouPorn, secondo quanto risulta a Leggo, è finito sulla scrivania del comandante generale della polizia municipale della Capitale Stefano Napoli, uno che nella sua lunga carriera ne ha viste di tutti colori ma forse non ne aveva mai sentita una così.

Il fattaccio è successo qualche giorno fa. I due agenti a luci rosse sono in forze al XV gruppo (zona Cassia) e l’altra sera è toccato a loro il pattugliamento notturno del campo rom in via di Tor di Quinto. Lei è più giovane ed è figlia d’arte (la madre è stata un pezzo grosso dei vigili di Roma), lui è più grande e, contro tutti gli stereotipi del pizzardone romano, pare abbia un fisico prestante. L’altra sera, secondo quanto è stato denunciato in un esposto al Comando, erano insieme su una Fiat Tipo di servizio e dalla sede del XV gruppo hanno raggiunto la postazione assegnatagli.

Il turno di notte è lungo. Per scambiare quattro chiacchiere via la mascherina. Ma la carne è debole e il Corpo (quello della municipale) anche. Così, via anche la divisa. E poi via il resto. Il motore era spento. Ma l’autoradio di servizio probabilmente no. E così la loro passione e le cinquanta sfumature di municipale non sono rimaste rinchiuse nell’abitacolo. Anzi. In poche ore erano già sulla bocca degli oltre sei mila agenti della Capitale

Al comando generale c’è imbarazzo e rabbia per come i due abbiano gettato nel ridicolo l’intero Corpo. Invece ai piedi della scalinata del Campidoglio, in un bar (neanche a dirlo) tre vigili ci scherzano su davanti a un caffè e uno di loro uscendo intona la canzone Grande Raccordo anulare di Corrado Guzzanti simil Antonello Venditti: «Nella pause faremo l’amore… e se nasce una bambina poi, la chiameremo Romaaaa».

Alena Seredova, auto allagata per il temporale: lei svuota la cabrio con la tazza

Per Alena Seredova un piccolo inconveniente automobilistico: la sua auto super sportiva cabrio si allaga per un improvviso temporale e lei corri ai ripari togliendo l’acqua con una tazza.

5386269_1516_alena_seredova

L’impresa di Alena è raccontatata dalle sue stories su Instagram. Tra i tanti post un video che vede appunto Alena e il compagno, Alessandro Nasi intenti a togliere l’acqua della loro vettura grazie a una tazza bianca. La Seredova tiene il telefono in mano per effettuare le riprese, mentre commenta divertita: “Bello avere la macchina cabrio, eh…”.

i due erano fuori per un passeggiata in Toscana e aveva lasciato la cappotte abbassata, ma sono stati sopresi da un’improvvisa precipitazione che ha permesso all’auto di trasformarsi in una piccola piscina con Nasi che, disperato dalla situazione, ne approfitta anche per bere un po’…

Carabinieri di Piacenza, la compagna sapeva delle attività illecite di Montella: «I soldi li metto nel baule»

Maria Luisa Cattaneo, la compagna di Montella, il carabiniere indagato per essere a capo della “banda” della caserma di Piacenza, sarebbe stata perfettamente a conoscenza di quello che faceva il suo fidanzato. A far trapelare la verità sono delle intercettazioni in cui la donna si riferisce al denaro ricavato dalle attività illecite di Montella.

5370895_1521_giuseppe_montella_compagna_intercettazioni

Come riporta il Corriere.it, la donna dice di mettere i soldi nel baule e di nasconderli, nelle telefonate parlando con il compagno. Per questo la Cattaneo è finita ai domiciliari rispondendo a cinque episodi di spaccio. Sempre nelle intercettazioni consiglia a Montella di interrompere gli affari dopo l’arresto del pusher suo socio, lo mette in guardia dopo il ritrovamento di una microspia e parla di bonifiche dell’auto.

Nelle telefonate si capisce che i due nascondevano la droga e i soldi: «Scusami, come fai a ritirare i soldi? Ieri t’ho dato 250 euro», dice lui durante una delle chiamate ma lei replica: «Io ce li ho. Non posso farmi vedere che non ritiro: ho bisogno di ritirare i miei soldi per far la vita quotidiana, amore».

Alex Zanardi, la moglie Daniela Manni in ospedale a Siena: «Non lo lascerò mai solo»

Alex Zanardi sempre grave all’ospedale di Siena dopo il terribile incidente con l’handbike in provincia di Siena. La moglie di Alex, Daniela Manni seguiva il marito in auto, ed è stata lei a prestargli i primi soccorsi. Il Corriere della Sera riporta le sue parole confidate agli amici pronunciate dalla moglie subito dopo l’incidente: “Ma non lo lascio solo”.

5300935_1247_daniela_manni

Tra i testimoni chiave dello schianto c’è Paolo Bianchini, il titolare dell’azienda vinicola Ciacci-Piccolomini, che si trovava proprio dietro Alex Zanardi, e che ha raccontato: “Sua moglie Daniela è scesa di corsa e si è gettata su di lui. L’ho affiancato con la macchina e un minuto prima dell’incidente mi ha detto di essere l’uomo più felice del mondo per poter pedalare in quel paradiso. Poi ho sentito un botto, lo stridore terribile di una lunga strisciata. Alex era a terra, respirava ancora”.

««Ho portato la vicinanza di Siena alla signora Daniela che mi ha detto che è molto contenta e molto sicura del lavoro che stanno facendo i medici»». Lo ha detto il sindaco di Siena Luigi De Mossi uscito dal policlinico Le Scotte dove ha incontrato la moglie e familiari di Alex Zanardi . «L’atteggiamento della moglie – ha aggiunto – è ovviamente di dolore, ma fermo e consapevole della realtà che va ad affrontare. Ho trovato una persona molto lucida che è qui, consapevole dei rischi ma estremamente dignitosa e rispettosa della vita del marito, della propria famiglia e dei propri sentimenti ».

IL BOLLETTINO MEDICO
«Le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e pertanto il paziente resta sempre in prognosi riservata». Così il bollettino medico di stamani dell’ospedale di Siena su Alex Zanardi . L’atleta, secondo quanto detto dai medici, «ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d’organo sono adeguate. È sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perchè resta grave il quadro neurologico ».

Chiara Nasti choc: «Ogni donna deve avere un asino che paghi tutto». Fan furiosi: «Ridicola». Lei reagisce così

Su Leggo.it le ultime novità. Chiara Nasti, foto nell’auto di lusso: «Ogni donna deve avere un asino che paghi ogni cosa». Fan furiosi: «Ridicola». Lei reagisce così. L’ex naufraga dell’Isola dei Famosi è finita nell’occhio del ciclone per un post condiviso sul suo profilo Instagram.

chiaranasti_asino_15183550 (1)

Nell’immagine, Chiara Nasti è all’interno di un’auto lussuosa. È la didascalia a scatenare la polemica: «Ogni donna dovrebbe avere quattro animali nella sua vita. Un visone nell’armadio, una Jaguar in garage, una tigre nel letto, e un asino che paghi per ogni cosa.

Immediate le reazioni dei follower. «Ridicola, l’eleganza non si compra». E ancora: «Che pochezza». «A uun uomo invece basta una cosa. Evitare una donna così». Chiara Nasti replica così: «Lo credo anch’io, io sono per pochi».

Greta Thunberg in auto isolamento: ha i sintomi da coronavirus. Il papà sta male: «Hanno viaggiato insieme in treno»

Il coronavirus non sembra far sconti a nessuno. Greta Thunberg si è messa in auto isolamento dopo aver registrato i sintomi del Covid-19. Anche il padre, che l’ha accompagnata nel suo ultimo viaggio in treno in Europa per prendere parte ai Fridays for Future prima dell’introduzione delle restrizioni, è in auto isolamento, con sintomi più seri.

5130617_1721_greta_thunberg_coronavirus (1)

In una intervista a New Scientist, la giovane attivista svedese ha spiegato che né lei né il padre hanno ancora fatto il test perché in Svezia il tampone viene effettuato solo alle persone con sintomi gravi o a appartenenti a categorie a rischio.

La pandemia del nuovo coronavirus e i cambiamenti climatici non possono essere paragonati. Una crisi non esclude l’altra, e devono essere affrontate insieme, ha aggiunto Greta. La pandemia è tuttavia «un’altra dimostrazione del nostro modo insostenibile di vivere, che le nostre società non sono molto resilienti, ma anche che di fronte a una emergenza possiamo agire e cambiare velocemente i nostri comportamenti».

Barbara D’Urso, incidente nel deserto in macchina con Jonathan Kashanian: «I miei figli devono sapere…»

Su Leggo.it le ultime novità. Barbara D’Urso, incidente nel deserto in macchina con Jonathan Kashanian: «I miei figli devono sapere…». La conduttrice di Pomeriggio 5 sta proseguendo le sue vacanze a Dubai. Ieri, Barbara e Jonathan hanno partecipato a un tour nel deserto in macchina. Ma qualcosa è andato storto.

barbaradurso_jonathan_deserto_03172906

Nelle stories di Instagram, la conduttrice documenta con una serie di video l’accaduto. Dopo il classico tour in moto e macchina, Barbara D’Urso, Jonathan Kashanian e una loro amica avrebbero fatto un ultimo giro nel deserto in auto. Alla guida c’è il tutor di Detto Fatto. Nei filmati, Barbara urla a Jonathan di rallentare e di non prendere le dune alte. Ma forse è troppo tardi. L’auto si rompe, lasciandoli a piedi in mezzo al deserto nel cuore della notte.

Ecco le parole scherzose di Barbara D’Urso: «Sei un cretino, ti ho detto di non andare così forte. Siamo a piedi al buio nel deserto e nessuno ci viene a prendere. I miei figli devono sapere…». Jonathan, per nulla preoccupato, chiama i soccorsi e nel frattempo mangia una banana: «Potassio!».