Paola Perego choc: «Sono andata dall’esorcista, sentivo che stavo morendo…»

Paola Perego, il dramma segreto: «Sentivo che stavo morendo, sono andata dall’esorcista…». La conduttrice si è raccontata in un libro intitolato Dietro Le Quinte delle mie Paure e ha parlato a cuore aperto della sua guerra contro gli attacchi di panico.

paola perego-17

Come riporta il sito Coming Soon, nel presentare il suo libro Paola Perego ha rivelato: «All’improvviso senti che stai morendo e nessuno ti può salvare. Stai per essere aggredita da una belva feroce. Peccato che la belva feroce non esiste, sei tu».

Paola Perego ha raccontato di essersi rivolta a Don Luigi per un esorcismo: «I miei genitori erano disperati, mi vedevano star male. Sembravo una posseduta. Mi hanno fatto bruciare cuscini e materassi». Poi la conduttrice lancia un appello ai suoi fan: «Mi sento di dire solo un’ultima cosa, non sottovalutate mai i mali dell’anima, non vergognatevi di chiedere aiuto, ma parlatene, tirate fuori quello che avete dentro. Quando lo farete, scoprirete che lì, ad aspettarvi oltre la vostra corazza di paure, c’è un mondo che può capirvi e darvi una mano».

Kim Kardashian selvaggia: una cowgirl in mutande e reggiseno

Di tanto in tanto il lato selvaggio di Kim Kardashian esplode in tutta la sua potenza sensuale. E così ecco la 39enne star dei reality posare in slip e reggiseno bianco, coperta appena da coprigambe in stile cowboy in pelle bianca, sexy e audaci. Tutta vestita senza andare da nessuna parte, dice lei. Ma vestita non lo è proprio e i suoi follower applaudono.

094224394-624af0cc-4f10-4ef2-b06c-cd440b5eac99

Vederla così mentre ammicca pare impossibile pensare a quel che raccontano gli amici, secondo i quali Kim soffrirebbe di attacchi di panico, ancor più in questa pandemia. Ma la Kardashian sa mostrare il suo lato migliore ai fan e li conquista a suon di curve e sex-appeal.

Per promuovere la sua linea di biancheria, Kim posta scatti molto intimi che intrigano. Intanto continua il suo isolamento nella lussuosa villa da 60 milioni di dollari. Si era detto che fosse in crisi con Kanye West, proprio una situazione deteriorata in questo lockdown, ma la socialitè di recente ha pubblicato una foto del marito con i figli forse proprio per mettere a tacere le malelingue. Tra scatti sensuali in body attillati e foto più materne con North, 6 anni, Saint, 4, Chicago, 2, e Psalm, 11 mesi, la Kardashian si fa seguire da 171 milioni di follower e la pioggia di like è inarrestabile.

Alessia Marcuzzi beffa gli haters e mostra un fisico mozzafiato

Prosegue la battaglia di Alessia Marcuzzi contro gli haters. Stanca degli attacchi social (“Non sei più una ragazzina”, “Sei ridicola”, “Gambe storte”, “Faccia da cavallo”, “Sei tutta rifatta”, “Sei vecchia”, “Sei troppo magra”, “Sei antipatica”, “Sorridi sempre”…) la conduttrice tv ha prima pubblicato un post per prendersi gioco degli haters poi ha postato una serie di foto mozzafiato in bikini da San Felice Circeo.

C_2_articolo_3218931_upiImagepp

Citando la canzone di Fabio Rovazzi “Faccio Quello che voglio”, la Marcuzzi aveva scritto: “Cari hater, avete ragione… vi chiedo perdono. Il problema è che spesso faccio quello che voglio, faccio quello che mi va, quest’estate poi sono proprio fuori controllo. E del testo tanto non ne ho bisogno…Perché con questa voce qua, Pa, pa, pa, ra-ra, Pa-pa, ra-ra, ra-ra…”. Da qualche giorno Alessia pubblica scatti in costume da San Felice Circeo accompagnandoli al ritornello di Rovazzi. Il concetto è chiaro? Bye Bye a chi insulta sui social…

Stefano Bettarini: “Insieme a Simona come una volta per nostro figlio”

Dopo anni di silenzi e attacchi social, anni difficili in cui Simona Ventura e Stefano Bettarini non si sono risparmiati niente, per gli ex coniugi torna il sereno. Come confessa l’ex calciatore al settimanale “Chi” che testimonia il loro incontro con delle foto che Tgcom24 pubblica in esclusiva. “E’ una donna intelligente, nonché una gran madre”, spiega.

C_2_articolo_3099905_upiImagepp

“Ci siamo rivisti a Milano per il compleanno di Niccolò – prosegue – che sta recuperando da un intervento per la rottura dei legamenti. Nostro figlio ha compiuto diciannove anni, è in una fase delicata della vita in cui bisogna saper correre verso il futuro con le idee chiare. Simona e io siamo in primis due genitori che amano alla follia i propri figli”.
E oggi che Nick deve prendere la sua strada, i genitori si sono seduti allo stesso tavolo per parlare come una famiglia del suo futuro: “Simona ha ragione quando dice: ‘Bisogna sempre parlare’. Parlare è stato importante per noi. Siamo due genitori responsabili. I nostri dissidi non mineranno mai l’amore e il bene costruttivo che abbiamo per Niccolò e Giacomo”.

Selena Gomez: “Depressa, ansiosa, attacchi di panico. Mi ha salvato la rehab”

“La mia autostima era sotto i tacchi. Ero depressa, ansiosa. Ho cominciato ad avere attacchi di panico prima di salire sul palco o subito dopo il concerto. Praticamente mi sembrava di non essere abbastanza brava”.

selena-gomez-8

Selena Gomez racconta un grande momento di crisi che è riuscita a superare: “Pensavo di non poter dare più nulla ai miei fan, e loro se ne sarebbero accorti, cosa che, ora lo capisco, era tutta nella mia testa – ha fatto sapere a “Vanity Fair” – Ero così abituata a cantare per i ragazzini. Ai concerti riuscivo a far alzare a tutti il mignolo e promettere che non avrebbero permesso mai a nessuno di farli sentire inferiori. Ma all’improvviso li vedevo fumare e bere, ragazzi di venti, trent’anni, e li guardavo negli occhi e non sapevo più cosa fare. Non potevo dire: “Alzate il mignolo e giurate a voi stessi che siete belli!”.
Non funziona così e lo so perché devo affrontare la stessa merda che affrontano loro. Quello che avrei voluto dire veramente è che la vita è così difficile e che a volte si vuole soltanto scappare. Ma non riuscivo a capire me stessa, quindi avevo la sensazione di non avere nessun consiglio da dare. E così forse credevo che tutti là davanti a me stessero pensando: questa è soltanto una perdita di tempo”.
Nel 2016 poi la rehab, con un volo per il Tennessee, senza cellulare e insieme a un gruppetto di altre giovani donne per iniziare un programma che includeva terapia individuale e di gruppo, oltre all’ippoterapia. «Non ha idea di come sia stato bello stare con sei ragazze, persone reali che se ne fregavano di chi fossi, gente che lottava per la propria vita. È stata una delle cose migliori che abbia mai fatto”.
Infine la liberazione: “Tutti volevano disperatamente che fossi autentica, e quando finalmente è successo è stata una liberazione. Non sono diversa da come mi mostro là fuori. Sono stata molto vulnerabile con i miei fan e a volte dico cose di cui mi pento. Ma devo essere sincera con loro. Sento che è una parte fondamentale di quello che sono adesso”.