Jennifer Aniston, la foto nuda va all’asta per beneficenza: al via la raccolta fondi per il coronavirus

Jennifer Aniston è tra le attrici di Hollywood più amate ed è conosciuta in tutto il mondo per il ruolo nella serie tv cult “Friends”. Una sua foto iconica sarà messa all’asta per beneficenza. L’obiettivo è raccogliere fondi per combattere il coronavirus. L’attrice 51enne ha annunciato l’iniziativa in aiuto da chi è stato colpito dalla pandemia. Lo scatto scelto la ritrae giovanissima interprete delle prime stagioni di Friends e completamente nuda.

jennifer-aniston-foto-nuda-beneficenza-coronavirus-friends_02122913

Nella foto in bianco e nero scattata nel 1995, Jennifer guarda sexy e ammiccante l’obbiettivo del fotografo Mark Seliger, ma la posizione delle gambe lascia spazio all’immaginazione. Niente è in mostra, ma il fascino è assicurato. L’ex moglie di Brad Pitt si è detta entusiasta dell’iniziativa a favore di una buona causa. «Il mio caro amico ha collaborato con associazioni benefiche per mettere all’asta 25 dei suoi ritratti – incluso il mio – per l’emergenza Covid-19», ha scritto l’attrice.

Il 100% dei proventi delle vendite andrà a un’organizzazione che fornisce test gratuiti per il coronavirus e cure a livello nazionale per i meno abbienti. Saranno messi all’asta anche altri ritratti dalla collezione del fotografo, che ha immortalato celebrità come Leonardo Di Caprio, Snoop Dogg e Billie Eilish.

Sono trascorsi 25 anni dalla leggendaria foto senza veli di Jennifer Aniston, ma Mark Seliger ricorda quel momento come se fosse ieri. Davanti a lui la piccola “Rachel” senza sforzi o artifici. «Abbiamo scattato diverse foto, ma quella sembrava davvero essere la migliore – ricorda – ne viene fuori come una persona aperta e forte. Penso che abbia catturato tutta la sua essenza».

Vende la verginità della figlia 13enne, mamma condannata a quattro anni e mezzo

Irina-GladkikhUna donna di 36 anni, che aveva deciso di vendere all’asta, sul web, la verginità della figlia di appena 13 anni, è stata condannata a quattro anni e mezzo di carcere dal tribunale. Una sentenza che fa molto discutere, dal momento che molti ritengono la pena troppo lieve, anche in rapporto alla risonanza che la vicenda aveva avuto in tutto il mondo, non solo in Russia, dove i fatti erano accaduti.

Irina Gladkikh, ex modella divenuta agente immobiliare ed escort, era infatti stata arrestata all’inizio di quest’anno quando, dopo aver concordato un appuntamento con un uomo sul web, aveva scoperto che si trattava di una trappola della polizia. L’annuncio sul web, a cui era stato anche allegato un certificato medico che garantiva la verginità della figlia minorenne della donna, non era infatti sfuggito agli agenti.

Nel gennaio scorso, Irina Gladkikh aveva concordato un appuntamento a Mosca, viaggiando da sola nella capitale russa per trattare con un presunto facoltoso uomo d’affari, che aveva offerto una cifra superiore ai 21mila euro per fare sesso con la figlia 13enne. Giunta a Mosca, sul luogo concordato per l’appuntamento, l’ex modella, che per pubblicare l’annuncio si era fatta aiutare da un’amica che l’aveva anche avviata alla prostituzione saltuaria per sbarcare il lunario, si è invece vista ammanettare dai poliziotti e alla fine era stata rinviata a giudizio. Lo riporta il Sun.

Ad aggravare la posizione di Irina Gladkikh, come stabilito anche in aula, c’erano anche alcune foto osé della 13enne, inserite nell’annuncio pubblicato online. Ora, per lei, si sono spalancate le porte del carcere. La figlia, invece, al momento vive insieme al fratello con la nonna, che dopo l’imputazione di Irina ha ottenuto la custodia legale dei nipoti.