Fabrizio Corona, altro che virus: il personal trainer a casa sua ad allenarlo. E lui mette in vendita mascherine “estetiche”

Fabrizio Corona non sembra temere il coronavirus. Tantomeno il suo personal trainer che, a quanto pare, non sembra abbia rispettato il decreto che invita tutti gli italiani a restare a casa se non per comprovati motivi di necessità. Secondo quanto riporta Tpi, e testimoniato dalle immagini pubblicate nelle stories di Instagram di entrambi, il suo allenatore personale, Nathan Martelloni, sarebbe andato a casa sua per una seduta di allenamento.

5117156_2348_fabrizio_corona_coronavirus_allenamenti_decreto_mascherine (1)

Nel filmato di vede il personal trainer nel giardino sulla moto accesa e con il casco in testa. Poi l’ingresso nella casa dell’ex paparazzo, agli arresti domiciliari e da pochi giorni nella nuova abitazione dopo il trasloco. Al suo ingresso Corona chiede: «Ma sei entrato in giardino con la moto?». E lui risponde: «È comodo».

Non è chiaro se Nathan Martelloni sia realmente entrato dall’esterno, ma almeno questo è quello che vogliono trasmettere ai loro fan. E da quel momento inizia l’allenamento a suon di pesi.
Ma le attività a casa Corona non si fermano all’attività fisica. Tra un esercizio e un altro si mostra anche in versione “smart working” per poi mostrare il nuovo prodotto della sua linea di abbigliamento. Una “mascherina estetica”, come da nome indicato nel sito e-commerce al prezzo di 12 euro. Non una mascherina utile ad evitare il contagio, ma solamente una mossa di marketing in un periodo di sofferenza per l’Italia che di mascherine avrebbe un reale bisogno per la salvaguardia di medici, infermieri e cittadini.

Totti lascia la Roma: il Capitano dà le dimissioni, lunedì dirà perché

Zitti tutti, parla Totti. E sarà per dire addio per la seconda volta. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, infatti, Francesco lascerà pure la scrivania virtuale di Trigoria.

download

Troppi i dissapori con il resto della dirigenza, su tutti con l’acerrimo nemico Franco Baldini. Pochi i poteri effettivi nonostante la promessa di un ruolo da direttore tecnico che arriverebbe però dopo le già prese su allenatore e dirigente. Totti dirà basta, e spiegherà i motivi lunedì pomeriggio alle 14 presso il Salone d’onore del CONI allo stadio Olimpico. E non a Trigoria. Anche questo è un indizio.