Sonia Bruganelli in partenza per le vacanze col jet privato. I fan notano un dettaglio: «Che brutta…»

Sonia Bruganelli in partenza per le vacanze col jet privato. I fan notano un dettaglio: «Che brutta…». La moglie di Paolo Bonolis, in partenza per le vacanze, ha immortalato il momento con uno scatto sulla scaletta dell’aereo privato all’aeroporto di Ciampino. Stavolta però non sarebbe stato l’utilizzo del jet a scatenare i messaggi dei follower. Ma un altro dettaglio.

5380791_1503_soniabruganelli_aereo_mascherina

«Ma perché indossi una mascherina a forma di mutande?», avrebbero chiesto alcuni utenti. E ancora: «Che brutta la mascherina, sembrano slip». C’è poi chi nota anche un altro particolare: «Il naso va tenuto dentro la mascherina e non fuori».

Tanti anche gli auguri di buone vacanze per la moglie di Paolo Bonolis. «Non ascolatare gli haters, divertiti». E infine: «Se si può permettere il jet, fa bene a usarlo. Buone vacanze Sonia».

Silvia Romano: «Non è vero che mi sono sposata. Mi sono convertita all’Islam, una mia scelta»

«Non sono stata costretta a sposarmi, convertirmi all’Islam una mia scelta», così Silvia Romano avrebbe confermato la conversione religiosa agli 007 dell’Intelligence italiana negando di esser stata costretta a sposarsi: ««Non c’è stato alcun matrimonio né relazione, solo rispetto»», ha detto. «Mi sono convertita all’Islam, è stata una mia libera scelta», le parole della cooperanta italiana liberata ieri.

Silvia-Romano-con-mamma-690x362

La Romano ha spiegato di essere stata «trattata bene» dai suoi sequestratori e di non aver subito violenze nei quindici lunghi mesi di prigionia trascorsi nelle mani dei jihadisti di Al Shabab in Somalia. La cooperante ha anche aggiunto di non essere stata costretta al matrimonio, smentendo le voci che si erano diffuse nei mesi scorsi.

«Grazie, sto bene per fortuna. Sto bene fisicamente e mentalmente, ora voglio solo stare un pò di tempo con la mia famiglia, sono felicissima dopo tanto tempo di essere tornata». Sono le prime parole di Silvia Romano dopo il suo arrivo all’aeroporto di Ciampino.

È un «jilbab» l’abito con cui Silvia Romano è scesa dall’aereo all’aeroporto militare di Ciampino dopo 18 mesi dal suo rapimento in Kenya. Una copertura tradizionale che non ha un forte connotato religioso sebbene sia comune in ambienti dell’Africa orientale dove è diffusa la fede islamica. «Quell’abito si chiama jilbab», ha notato Freddie del Curatolo, direttore di malindikenya.net, «il portale degli italiani in Kenya». «Non è un abito religioso ma chiaramente è indossato da donne islamiche», ha aggiunto. «È un abito più da passeggio. Lo usano molto le tribù al confine tra Kenya e Somalia come gli Orma e i Bravani», ha aggiunto il giornalista da 15 anni nel Paese africano. L’abito è verde, colore che solo in maniera controversa simboleggia l’Islam apparendo ad esempio sulle bandiere di Arabia Saudita, Algeria, Pakistan e della stessa Lega araba.

Il colore del Profeta era infatti il nero, come mutuato da Daesh (l’Isis) e il verde è solo un fatto culturale che indica quello che gli arabi del deserto non avevano: la verzura (nel Corano si parla del Paradiso come, verde anzi verdissimo) «Probabilmente si è vestita come ha potuto», ha ipotizzato Hamza Piccardo, un esponente di spicco della comunità islamica italiana. «Vedremo se continuerà così o troverà abiti più consoni al fatto di essere si musulmana ma anche italiana», ha aggiunto l’imam e traduttore del Corano. Il termine jilbab (o jilbaab) si riferisce comunque a qualsiasi abito lungo a largo indossato da donne musulmane per rispettare il precetto coranico della modestia femminile. Il «velo» islamico comunemente si chiama hijab, parola derivante da una radice verbale che vuol dire fra l’altro «rendere invisibile» o «coprire».

Gianluca Vacchi ‘nuota’ all’aeroporto di New York in compagnia della sua Sharon

4215355_1858_gianluca_vacchi_nuota_aeroporto_new_yorkUn’attesa troppo noiosa o un’idea decisamente geniale per allietare i follower? Difficile dirlo, ma intanto Gianluca Vacchi ne ha inventata un’altra delle sue. La social star, infatti, ha deciso di… nuotare all’aeroporto John Fitzgerald Kennedy di New York.

Appoggiandosi in posizione prona al corrimano di alcune scale mobili, infatti, Gianluca Vacchi ha iniziato a simulare una vera e propria nuotata: prima lo stile libero, poi la rana e infine il delfino. Se invece avesse tentato anche il dorso, difficilmente sarebbe riuscito a restare in equilibrio anche in posizione supina. Il video, però, ha divertito non poco i tanti follower su Instagram.

Gianluca Vacchi, dopo aver passato il Capodanno a Cortina, si trova ora a New York, sempre in compagnia della sua nuova fiamma, la modella e influencer venezuelana Sharon Fonseca. I due si stanno godendo il viaggio nella Grande Mela, ma potrebbero tornare a breve in Florida.

Naike Rivelli gusta il cetriolo in aeroporto: “Ma tutti mi guardano le scarpe…”

Naike Rivelli si vanta delle sue nuove scarpe ma qualche perplessità rimane, nonostante lei scriva: “Le mie scarpe hanno fatto strage!! Non mi si incxxx nessuno… tutti a guardare le scarpe”. Basta osservare il modello, che non è certo di uso comune, come si può apprezzare nel suo ultimo video su Instagram.

2525177_1359_rivellidefazio (2)

Naike è in aeroporto e, come lei stessa annuncia, sta partendo per Mosca. Intanto prima di salire in aereo non può mancare il cetriolo, che Naike gusta riprendendosi in primissimo piano.
La Rivelli sembra infischiarsi della delusione di Siria De Fazio, la sua ex, che ha manifestato il suo disappunto in una recente intervista.

George Clooney e Amal, ecco il pancione

La conferma ufficiale ancora non c’è, ma le immagini parlano chiaro. Ecco nelle foto pubblicate in esclusiva dal settimanale Chi il pancino di Amal Alamuddin.

C1zMo-7XEAI6zH_

L’avvocatessa e George Clooney aspettano due gemelli che dovrebbero nascere in primavera.
La moglie dell’attore americano è stata fotografata con il marito e i suoceri all’aeroporto di Barcellona dove si è recata per una breve vacanza. È la prima volta che il celebre avvocato appare in pubblico con abiti che mostrano la dolce attesa, avvolta finora nel più stretto riserbo.