Giulia De Lellis addio ad Andrea Damante, vacanze insieme con Carlo Gussalli Beretta: gli indizi

Giulia De Lellis addio ad Andrea Damante vacanze insieme con Carlo Gussalli Beretta: ecco gli indizi. Ancora news per una delle coppie più seguite sui social. Infatti i due, tornati insieme dopo che lei ha raccontato in un libro tutti i tradimenti subiti, pare siano di nuovo ai ferri corti, ma questa volta ad aver trovato qualcun altro sarebbe proprio l’ex gieffina che sarebbe in amichevoli rapporti con Carlo Gussalli Beretta.

Giulia-De-Lellis-nuda-1140x641

A riportare la notizia è Giornalettismo che racconta che i due sarebbero stati visti in vacanza insieme in Toscana con la famiglia di lui. Sebbene non ci siano foto esplicite molti hanno notato sui social che dopo un tuffo in piscina Giulia de Lollesi indossa una maglietta vista in una storia proprio a Beretta.

Intanto sembra essere certa la rottura con Andrea Damante, che ha recentemente scritto che lui e Giulia sono a un punto della storia in cui devono capire se andare avanti o fermarsi. Che questa volta le corna stiano bene su Damante?

Ghali, addio alla top model Maria Carla Boscolo: weekend romantico con la nuova fidanzata e la gonna birichina

Ghali lascia la modella MariaCarla Boscolo e si fa soprendere con la nuova fidanzata. Una ragazza mora dal nome ancora misterioso, che con il suo vestitino corto ha dato del lavoro aggiuntivo ai paparazzi.

ghali-fidanzata_10181754

Il trapper, che ha recentemente pubblicato il suo nuovo album, Dna, ha messo fine alla sua relazione con la sue ex, di professione modella, per trovarsi una nuova fidanzata. Una donna mora, come dimostrano le foto pubblicate da “Vero”, dal nome ancora sconosciuto con cui ha trascorso un romantico weekend nella città degli innamorati, Venezia.

La coppia passeggia per le vie della città, ma fra un abbraccio e un bacio, il vestito della nuova fiamma di Ghali si alza un po’ troppo, dando luogo a un involontario incidente hot prontamente immortalato dal paparazzo appostato.

Lorella Cuccarini, la lettera d’addio a La Vita in diretta e lo sfogo contro Alberto Matano: «Maschilista e con un ego sfrenato»

L’addio di Lorella Cuccarini a La Vita in Diretta, praticamente ufficiale, adesso fa discutere. Oggi pomeriggio su Raiuno andrà in onda l’ultima puntata del contenitore pomeridiano dell’ammiraglia del servizio pubblico, che tornerà a settembre ma senza “la più amata dagli italiani” in conduzione. Infatti, in studio ci sarà il solo Alberto Matano. Infatti, Matano è considerato molto vicino al M5S, partito di maggioranza relativa in Parlamento e conseguentemente molto influnte nella rete ammiraglia rai, è uno dei conduttori di punta di viale Mazzini, in grande ascesa.

5310899_1156_lorella_cuccarini_alberto_matano

La decisione era nota, i giornali l’avevano ampiamente anticipata. Oggi, però, la svolta: Lorella Cuccarini in una lettera inviata ai colleghi che hanno lavorato con lei in questi mesi si sfoga – senza mai nominarlo – contro il collega Alberto Matano con cui il rapporto non è mai decollato: la Cuccarini, nel testo della lettera, lo accusa di «maschilismo» e parla di «prevaricazioni». Un sorpresa anche per molti redattori del programma che pensavano che il rapporto tra i due si fosse “normalizzato” dopo alcune incomprensioni degli scorsi mesi. Una lettera esplosiva.

«Cari compagni di viaggio, è arrivato il momento dei saluti, ma prima vorrei condividere con voi ciò che questa avventura ha rappresentato per me – scrive la Cuccarini nella sua lettera – È stata la mia prima volta in un programma quotidiano così complesso. Di programmi televisivi ne ho fatti tanti, ma una ‘macchina infernale’ come quella di VID non l’avevo mai guidata. La prima volta (e speriamo l’unica) in cui abbiamo dovuto convivere con il dramma di una pandemia devastante. A proposito, grazie per il vostro coraggio. La professionalità la diamo per scontata, il coraggio no…», scrive.

Poi la lunga parte su un “lui” mai nominato che non si fa fatica ad identificare con Matano, di cui però non fa mai il nome. «C’è una ‘prima volta’ alla quale non ero preparata: il confronto con l’ego sfrenato e – sì, diciamolo pure – con l’insospettabile maschilismo di un collega di lavoro – scrive Lorella – Esercitato più o meno sottilmente, ma con determinazione. Costantemente. Talvolta alternato ad incredibili (e mai credute) dichiarazioni pubbliche di stima nei miei riguardi. So che tutto questo non devo certo ricordarlo a voi che eravate qui. E se si volesse cercare il perché di tutto questo, non sarebbe certo necessario rivolgersi alla Bruzzone».

Per la cronaca, la trasmissione ha sempre avuto buoni ascolti, anche durante la pandemia e il lockdown, e Lorella con i colleghi e la redazione ha avuto un ottimo rapporto: per alcuni di loro questo saluto è stato una sorpresa, perché non pensavano che il rapporto tra i conduttori fosse così burrascoso come descritto dalla Cuccarini. Il cui addio, di cui si era parlato già nei mesi scorsi, arriva anche a causa delle sue posizioni sovraniste dello scorso anno. «Ora la missione è compiuta e saluto il programma», scrive rendendo chiaro il messaggio.

«Malgrado tutto, mi ritengo fortunata per due motivi: perché in questi mesi ho avuto il privilegio di poter fare vero Servizio Pubblico e perché, in tutta la mia vita, ho conosciuto prevaricazioni di questo tipo solo ora, a 55 anni. Niente al confronto di molte donne che hanno sperimentato questa realtà fin da subito senza avere neppure la forza di opporsi o di parlarne. Malgrado tutto però è stato bello condividere questi mesi con voi – conclude la ex ‘più amata dagli italiani’ – Non so dove, non so quando, magari ci ritroveremo… Grazie di cuore a tutte le anime belle che ho incontrato. Vi abbraccio, Lorella Cuccarini».

Belen Rodriguez e Stefano De Martino si separano: i motivi dell’addio fra gelosia e guerra fra famiglie

Belen Rodriguez e Stefano De Martino si sono lasciati. I due, circa un anno fa, erano tornati insieme dopo un lungo periodo di separazione che aveva visto la showgirl argentina fidanzarsi col pilota Andrea Iannone. Ora escono le prime indiscrezioni sui motivi dell’addio, fra gelosia e “guerra” fra famiglie.

5268307_1452_belen_rodriguez_stefano_de_martino

Se infatti, secondo i beninformati, a far esplodere la coppia era stata la convivenza forzata da lockdown da coronavirus, per il settimanale “Oggi” la crisi nasce da molto più lontano, già a gennaio. Secondo la rivista infatti Stefano non sarebbe nuovo ad avventure extraconiugali, provocando l’ira e la gelosia di Belen. La showgirl, di conseguenza, negli ultimi periodi avrebbe controllato spesso il telefonino del marito, contestando ogni movimento sospetto.

Altro punto, quello della presenza delle famiglie: molto presente quella della Rodriguez, che abita nello stesso palazzo, molto più in disparte e meno influente invece quella di De Martino. Stefano infatti in passato aveva avuto a che ridire col fratello di Belen, Jeremias…

Gilda Ambrosio, nuova vita dopo l’addio a Stefano De Martino

Prima di tornare assieme alla (allora) ex moglie Belen Rodriguez, Stefano De Martino è stato accostato a diverse nuove fiamme, tutte regolarmente smentite, tranne la liaison con la fashion blogger Gilda Ambrosio. Dopo l’addio all’ex ballerino di “Amici” anche lei però sembra ricominciato una nuova vita.

4970053_1620_gilda_ambrosio_stefano_de_martino

Gilda, nonostante il lavoro che svolge, è molto riservata sulla sua vita privata nei social network, cosa testimoniata anche dall’assenza di scatti con De Martino all’epoca della relazione. Nonostante il silenzio sulle rete però la Ambrosio avrebbe trascorso il capodanno a Ibiza col nuovo fidanzato.

A dare la notizia le “Chicche di gossip di “Chi”: “La ragazza – fa sapere la rivista – ha trascorso il Capodanno a Ibiza con il nuovo compagno che lavora sulla Isla. I due si sono scatenati in consolle al “DC10”. Così l’influencer ricomincia ad amare”.

Addio Camilleri, papà di Montalbano: ma le sue opere restano immortali

È morto Andrea Camilleri, l’Omero gentile che ha raccontato la sua Sicilia in una lingua straordinaria. Lo scrittore 93enne si è spento ieri mattina a Roma all’ospedale Santo Spirito, dov’era ricoverato dallo scorso giugno a causa di una crisi respiratoria. «Le condizioni sempre critiche di questi giorni – si legge nel bollettino – si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali».

chi-e_-valentina-alferj-assistente-camilleri

L’ultimo saluto a Camilleri sarà oggi a Roma, dalle 15, al Cimitero Acattolico per gli stranieri nel quartiere Testaccio (via Caio Cestio 6). Per volontà dello scrittore e della sua famiglia non ci sarà camera ardente e il funerale si svolgerà in forma privata. Solo dopo sarà reso noto il luogo della sepoltura.

Camilleri, nato il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle (Agrigento) – già sceneggiatore e regista – esordisce come scrittore nel 1978, ma la grande popolarità arriva nel ’94 con La forma dell’acqua, il primo romanzo poliziesco con il commissario Montalbano. Da allora l’intellettuale – dall’aplomb tenero ma vigoroso nelle sue battaglie sociali – non ha più smesso di impastare realtà e fantasia, raccontando in una lingua straordinaria, il “vigatese”, il connubio tra potere e malavita.

Il maestro siciliano ha continuato a raccontare storie fino alla fine, con una produzione di cento romanzi e 31 milioni di copie vendute. «Sono cieco – spiegava – ma tutti gli altri sensi vanno in soccorso».

Lo scorso anno è salito sul palcoscenico del Teatro Greco di Siracusa per impersonare Tiresia, l’indovino tebano cieco che nell’Odissea indica a Ulisse la via del ritorno. In questi giorni, preparava il debutto alle Terme di Caracalla, con lo spettacolo Autodifesa di Caino.

Tanti i messaggi di cordoglio. «Andrea Camilleri – ha commentato il presidente della Repubblica Mattarella – lascia un vuoto nella cultura italiana». Per il premier Conte «perdiamo un intellettuale che ha saputo parlare a tutti». Commosso il saluto di Luca Zingaretti, volto del commissario in tv: «Ogni volta che dirò ‘Montalbano sono’ sorriderai sornione. Addio maestro e amico».

Totti lascia la Roma: il Capitano dà le dimissioni, lunedì dirà perché

Zitti tutti, parla Totti. E sarà per dire addio per la seconda volta. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, infatti, Francesco lascerà pure la scrivania virtuale di Trigoria.

download

Troppi i dissapori con il resto della dirigenza, su tutti con l’acerrimo nemico Franco Baldini. Pochi i poteri effettivi nonostante la promessa di un ruolo da direttore tecnico che arriverebbe però dopo le già prese su allenatore e dirigente. Totti dirà basta, e spiegherà i motivi lunedì pomeriggio alle 14 presso il Salone d’onore del CONI allo stadio Olimpico. E non a Trigoria. Anche questo è un indizio.