Atleta uccisa da un fulmine durante la gara, le polemiche e le testimonianze: «Abbiamo sentito un boato e poi è caduta»

Si chiamava Silje Fismen l’atleta morta dopo essere stata colpita da un fulmine durante la Südtirol Ultra Skyrace a Bolzano. La skyrunner norvegese, 45 anni, si è accasciata subito dopo il boato. L’incidente è avvenuto dopo sette ore e ezza di corsa, mentre era ottava. Si trovava nei pressi del Lago di San Pancrazio e partecipava alla gara estrema di 121 chilometri con un dislivello di 7.554 metri perché di corse ne aveva vinte tante. Il temporale arrivato all’improvviso le è stato fatale ed è morta poco dopo in ospedale.

4647371_1040_silje_fismen_atleta_trentino

La sportiva, una ricercatrice oncologica, aveva portato a casa molti risultati: il 27 agosto del 2016 al Tromso Mountain Ultra era arrivata quarta, lo scorso 31 maggio aveva vinto alla The Arctic Triple Lofoten Ultra-Trail. Secondo una prima ricostruzione erano le 19.00 quando è stata folgorata. Le autorità avevano deciso di interrompere la gara a causa del maltempo alle 18.30, ma lei e un gruppo di atleti stavano ancora correndo. Quando hanno sentito il boato, i suoi compagni di gara l’hanno vista cadere e hanno corso 30 minuti per chiamare i soccorsi perché i cellulari non prendevano.

La comunità di corridori è a lutto e l’organizzazione della gara ha cancellato le premiazioni e ha posto sulla copertina della propria pagina Facebook una candela. C’è, tuttavia, chi polemizza per aver trascurato la pericolosità delle condizioni meteorologiche. Per molti, la gara doveva essere annullata prima. «Già a mezzogiorno abbiamo mandato una squadra del soccorso alpino sul posto, ci aggiornavano ogni quindici minuti sulla situazione meteo», spiegava ieri l’organizzatore Josef Günther Mair. «Va precisato che le condizioni meteo non erano ottimali, ma non prevedevano un fortunale di quella portata. Abbiamo fermato gli atleti quando sono apparse quelle nuvole. In casi come questi si controlla il gps presente sui pettorali per studiare le loro posizioni, si può mandare un sms: ma non tutti lo vedono in tempo reale. Purtroppo l’unica soluzione è fermarli quando arrivano alle baite».

Nina Moric in posa su Instagram. Applausi dai fan: «Sei meglio di Belen»

Nina Moric in posa sexy su Instagram. Applausi dai fan: «Sei meglio di Belen». Fisico mozzafiato, sguardo intenso e una spiaggia da sogno, lo scatto postato poco fa sull’account Instagram della modella croata fa impazzire i fan che sono arrivati numerosi a commentare.

nina moric_fisico_instagram_fan_30192013

Gli anni passano per tutti ma non per Nina Moric che con il passare del tempo diventa sempre più bella. L’ultimo scatto postato sul proprio profilo instagram la ritrae in bikini in tutta la sua bellezza. Fisico scolpito e sguardo ammaliante la Moric, in vacanza a Zanzibar, sembra aver trovato finalmente la propria serenità. Questo anche grazie al figlio Carlos che dopo anni di peripezie legali è tornato a vivere con lei. Il post Instagram è stato subito preso d’assalto dai fan che l’hanno riempita di complimente da «Fanno le fighe a 18 anni, poi c’è la Nina che ne ha 43» a «devo dire la verità, ti vedo molto piu bella di Belen».

Chiara Ferragni sexy mamma. Le trasparenze hot indignano il web: «Stai passando ogni limite»

Chiara Ferragni sexy mamma. Le trasparenze hot indignano il web: «Stai passando ogni limite». L’imprenditrice digitale è in vacanza con la famiglia in Sicilia e come sempre condivide le sue giornate con i follower. Una foto che la ritrae con il piccolo Leo in braccio però ha fatto indignare i soliti ben pensanti a causa dell’outift audace scelto dalla Ferragni.

chiara ferragni_hot_nuda_30203901

Chiara Ferragni è in vacanza in Sicilia, a Noto per la precisione, con Fedez e il piccolo Leo, nella stessa location in cui si sono sposati solo un anno fa.
La bionda influencer indossa un lungo chemisier verde trasparente e molto scollato che lascia intravedere il seno, incurante dei giudizi, come sempre la Ferragni ha postato le sue foto tenendo in braccio il piccolo Leo. Uno scatto che ha fatto indignare i soliti ben pensanti. Stupisce che siano tante donne in particolare a lanciare pesanti accuse. C’è chi fa dell’ironia e scrive: «con tutti gli sponsor un regiseno potevano regalartelo» a chi invece ci va giù pesante scrivendo «Stai passando ogni limite». Commenti che sono stati ignorati dalla Ferragni ma non dai suoi fan che hanno prontamente ribattutto ad ogni commento velenoso.

Carabiniere ucciso, la madre di Elder Lee: «Mio figlio è un ragazzo riflessivo, se ha agito così è perchè era terrorizzato»

«Un ragazzo riflessivo, che se ha agito contro qualcuno lo deve aver fatto perché terrorizzato. Un giovane che non prendeva droghe, solo la marijuana, legale nel suo Paese, la California, con la ricetta medica».

4650980_0958_cc_ucciso_elder (1)

Così descrive Finnegan Elder Lee, presunto assassino del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, la madre del ragazzo in una intervista alla Stampa, in cui premette di essere vicina al dolore della moglie del carabiniere. «Siamo tremendamente dispiaciuti. Abbiamo totale fiducia nella giustizia italiana, afferma la donna. Non ho parlato con mio figlio. Mio marito lo vedrà oggi a Roma. Ma non riesco a spiegarmi questa sua reazione. È un ragazzo riflessivo, che ha anche molto sofferto ed è vero che usava la marijuana, che in California è legale e lui la prendeva con la ricetta medica, per alleviare il dolore di una menomazione fisica. Non mi sono mai accorta che usasse altre droghe».

Ha mai notato in suo figlio esplosioni di rabbia improvvisa? «Mai – risponde -. Finn è un ragazzo riflessivo. L’unica spiegazione che posso darmi se davvero risultasse coinvolto in modo diretto in questa tragedia, è che fosse terrorizzato e dunque può aver reagito in modo inconsulto».

Sentita sull’uscio di casa anche dal Corriere della Sera, la madre del ragazzo americano si dice distrutta. «Non posso parlare – aggiunge -, è tutto così precario, stiamo aspettando le indicazioni del Dipartimento di Stato, prima di partire per Roma forse domani o mercoledì».

Noemi Magni, chi è la ragazza di 27 anni morta per la tromba d’aria a Fiumicino

Capelli biondi e sorriso stampato in viso. Noemi Magni, 27 anni, è stata uccisa dalla forza di una tromba d’aria questa notte a Fiumicino, in via Coccia di Morto.

Stava tornando a casa – verso le due – dopo essere uscita a comprare un pacchetto di sigarette, quando la sua Smart è stata letteralmente travolta dalla violenza del vento. La macchina è stata sbalzata via e per lei non c’è stato nulla da fare.

noemi-magni

La ragazza abitava a Focene. Il sindaco del comune alle porte di Roma, Esterino Montino, dopo la tragedia ha dichiarato: «Sembra un teatro di guerra. Appena giunto a Focene ho potuto incontrare i genitori della ragazza. A loro e a tutti quelli che la conoscevano va il mio più caloroso abbraccio e la mia più sincera vicinanza per la tragedia che li ha colpiti», ha concluso Montino.

Manuela Arcuri, sirenetta in bikini all’Argentario

Curve esplosive in bella mostra mentre sguazza con il marito Giovanni Di Gianfrancesco e il piccolo Mattia. A 42 anni Manuela Arcuri è più bella che mai, con le forme sinuose sottlineate dal bikini a fiori. Il settimanale “Diva e Donna” l’ha fotografata mentre aiuta il figlio a prendere confidenza con l’acqua, rivelandosi una mamma davvero amorevole.

C_2_articolo_3222112_upiImagepp

Mattia indossa i braccioli per tenersi a galla, ma Manuela lo abbraccia e lo aiuta a nuotare. Immerso con loro nelle limpide acque dell’Argentario c’è anche Giovanni, papà del bambino e compagno dell’attrice dal 2010. La famiglia gioca e scherza tra le onde, mentre la Arcuri attira su di sé i flash dei fotografi grazie a un fisico strepitoso.

Foto dell’americano bendato, i media Usa: «Atto illegale». Salvini: «Vittima solo il carabiniere»

La foto di uno dei due americani fermati per l’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega a Roma, Gabriel Natale-Hjorth, con gli occhi bendati, apre il sito della Cnn, che parla di «un’immagine scioccante» e riferisce dell’avvio delle indagini sullo scatto. La foto rimbalza anche sugli altri media americani, dal Washington Post al Los Angeles Times che, citando le autorità italiane, parlano di «atto illegale». Oggi si terrà alle 12 il funerale del carabiniere ucciso, nella sua Somma Vesuviana.

carabiniere ucciso benda trasferito diretta roma oggi ultime notizie_28130238

La foto rimbalza anche sugli altri media americani, dal Washington Post al Los Angeles Times che, citando le autorità italiane, parlano di «atto illegale».? Il carabiniere che ha messo la benda al giovane americano arrestato per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega sarà immediatamente spostato ad un reparto non operativo. Lo si apprende dai carabinieri. Il ragazzo bendato in caserma è stato anche immortalato con una foto circolata in alcune chat.

Dal canto suo il procuratore generale di Roma, Giovanni Salvi, afferma che in base alle informazioni fornite dalla Procura sulle «le modalità con le quali è stato condotto l’interrogatorio consentono di escludere ogni forma di costrizione in quella sede: gli indagati sono stati presentati all’interrogatorio liberi nella persona, senza bende o manette. All’interrogatorio é stato presente un difensore ed é stato condotto da due magistrati, è stato registrato e ne è stato redatto verbale integrale. Gli indagati sono stati avvertiti dei loro diritti». Le verifiche proseguiranno «per accertare chi, per quali ragioni e per disposizione di quale autorità abbia bendato l’indagato e abbia ritenuto di tenere l’indagato in manette, si accetteranno anche eventuali responsabilità per omessa vigilanza», ha aggiunto Salvi. Dunque la confessione del delitto resta per ora intangibile e non inficiata, stando a ciò che dice la Procura, da nessuna condotta scorretta.

Perché la foto a Natale Hjort potrebbe essere stata scattata, quindi, nelle ore precedenti all’interrogatorio durante il quale Finnegan Lee Elder ha ammesso di essere stato lui l’autore materiale delle coltellate. Ma la difesa vuole vederci chiaro. E forse usare lo scatto come grimaldello per la tesi difensiva. «Quella foto mi ha fatto davvero un brutto effetto. Oggi abbiamo provato ad andare in carcere per parlare con il mio assistito ma non è stato possibile: voglio capire cosa sia successo e se anche lui è stato bendato e legato», ha commentato l’avvocato Francesco Codini, difensore di Elder. Sulla vicenda si è accesa anche una polemica a livello politico.

«A chi si lamenta della bendatura di un arrestato, ricordo che l’unica vittima per cui piangere è un uomo, un figlio, un marito di 35 anni, un Carabiniere, un servitore della Patria morto in servizio per mano di gente che, se colpevole, merita solo la galera a vita», ha commentato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Parole su cui è intervenuto l’ex presidente del Senato Pietro Grasso affermando che «chi rappresenta lo Stato non deve fare queste cose. Chi fa il Ministro della Repubblica non deve giustificarle. Penso che quella foto sia la prova di almeno un paio di reati, e probabilmente una buona arma in mano agli avvocati difensori.