Bettarini, nuova fiamma: su Instagram foto della donna misteriosa

Stefano Bettarini avrebbe una nuova relazione. Sul profilo Instagram dell’ex calciatore e inviato de ‘L’Isola dei Famosi’ è apparsa una foto che ritrae la scollatura di una misteriosa donna in bikini. E subito il gossip si è scatenato.

2513219_2001_bettarini_fiamma

Sulla nuova fiamma dà un indizio, ma cela il volto. Lo scatto lascia intravedere solo alcuni particolari del corpo e il colore biondo dei capelli. Per ora, quindi, il mistero resta: “C’è sempre in amore molta curiosità di scoprire” è il commento scritto da Bettarini per accompagnare l’immagine.
I follower hanno cominciato ad ipotizzare un nome della possibile nuova fiamma dell’ex marito di Simona Ventura: “Ma chi è? La Casalegno?”, “Secondo me è Laura Cremaschi, la nuova Bonas di Avanti un altro”, “È la Corvaglia?”, questi alcuni dei commenti. C’è anche chi ha azzardato un’ipotesi quanto meno improbabile, ovvero la possibilità di un ritorno di fiamma proprio con Simona Ventura: “Stefano ma è Simona? Se ha lasciato il suo fidanzato faccio i fuochi d’artificio sulla cupola di San Pietro”.

Aurora Ramazzotti e l’amica: “È arrivato il momento di mandarlo a cagare”

Un video esilarante quello pubblicato sul suo profilo Instagram da Aurora Ramazzotti. La figlia di Michelle Hunziker e Eros Ramazzotti si mostra una degna erede della mamma dalla quale ha sicuramente preso il senso dell’umorismo, la “chiacchiera” e la capacità di bucare lo schermo.

2510950_1127_aurora_ramazzotti_e_amica_arrivato_il_momento_di_mandarlo_a_cagare (2)

“E’ arrivato il momento di mandarlo a cagare”, è un po’ il senso di questo mini show messo in atto con l’amica Sara Daniele dove le due ragazze avvertono le loro coetanee e soprattutto i maschietti a fare attenzione a come si esprimono nei messaggi whatsapp quando cercano di liquidare una possibile spasimante.
Una simpatica difesa delle donne. “Appello al quale siamo certe che si potranno relazionare molte donne: uomini, se pensate di fregarci inventando scuse del tipo “non mi è arrivato il messaggio” – spiega Aurora nel post – siete sulla strada sbagliata. Ci sarà sempre quell’amica maliziosa pronta a infilare non il coltello ma il machete nella piaga pur di farci capire che ci stiamo facendo prendere per i fondelli.
Io e la mia amica @saradanielee ne sappiamo qualcosa

Ha un lato b oversize e ne fa un business: ecco quanto riesce a guadagnare

Ha un lato b decisamente pronunciato, così decide di farne un business. Raylynn è una giovane ragazza che viene dalla Georgia, negli Usa, e ha deciso di fare di quello che in molte avrebbero ritenuto un difetto e motivo di complessi un punto di forza, anche economico. Raylynn vanta un giro fianchi di 178 cm e quotidianamente sul suo profilo Instagram pubblica le foto del suo lato b.

m_aiw7

Sono molti quelli che la criticano e tanti anche quelli che l’accusano di essersi ritoccata. In più occasioni Raylynn ha mostrato che il suo fondoschiena è tutto naturale e di non curarsi delle critiche degli altri. La donna è riuscita a diventare una vera star social, invece, riuscendo a fare del suo sedere un business visto che per vedere i suoi video i più appassionati pagano un abbonamento di 11 dollari al mese. Nulla di indecente però, ha tenuto ha precisare: «Ho una figlia che di certo non vuole vedere la vagina di sua madre su Internet».

Nicole Minetti, le sue foto hot e quegli strani commenti sotto i post su Instagram

Sta facendo parlare, ma soprattutto sorridere, tra gli appassionati di basket, un curioso “caso” legato a Nicole Minetti e al suo profilo Instagram. Il protagonista di questo “caso”, appunto, è Vincenzo Di Biaso, detto Vince, pugliese di Grottaglie, amministratore di uno dei più frequentati e apprezzati forum d’Italia per quanto riguarda la pallacanestro, il gruppo su Facebook intitolato “Cultura Cestistica” che è ormai diventato un brand, e che conta 21mila iscritti.

13267841_982779088458504_628919631375228442_n

Due giorni fa, Vince ha lanciato, tra il serio e il faceto, un singolare appello su Facebook: Nicole Minetti, l’ex igienista dentale di Berlusconi, poi diventata consigliere regionale in Lombardia, e adesso deejay e modella in giro per il mondo, aveva bloccato il suo profilo su Instagram. Il motivo? Nulla di grave: solo una certa insistenza a “taggare” i suoi amici in segno di apprezzamento dei raffinati post della Nicole. Subito in tantissimi si sono mobilitati per “convincere” Nicole a sbloccarlo: gli ultimi post della Minetti sono stati letteralmente invasi dai commenti degli adepti di CC, che hanno lanciato l’hashtag #NicoleSbloccaVince. Con il cameo addirittura di un giocatore della Nazionale azzurra, Pietro Aradori, che non ha fatto mancare il suo apporto (“Sei un criminale”, il suo commento direttamente a Vince), e di una intera squadra di A2, il Basket Treviglio, che si è fatta fotografare negli spogliatoi con un cartello gigante di sostegno a Vince. Come finirà questa storia, non è dato sapere. Per adesso Nicole Minetti ha ignorato i “segnali” che le arrivavano tra i commenti su Instagram, ma siamo sicuri che prima o poi arriveranno novità.

Omicidio nella metro a Roma, minacce e insulti sul profilo di Doina: “Cambia nome, assassina”

«Dovresti vivere al servizio della famiglia che hai rovinato, cambia pure nome tanto resti un’assassina». Decine di commenti, insulti e minacce sono apparse sul profilo Facebook di Doina Matei, la romena che il 26 aprile del 2007 uccise con un ombrello Vanessa Russo nella metro di Roma. Doina, madre di due figli, condannata a 16 anni di carcere è in semilibertà, e da gennaio ha aperto un profilo con un altro nome.

doina-matei-784975

Dopo la notizia apparsa sul Messaggero e le foto che la ritraggono sorridente circolate in rete, il popolo del web si è scatenato. Il suo avvocato Nino Marazzita ha dichiarato che «Doina ha il diritto di reinserirsi nella società».
«Il sistema carcerario – ha aggiunto – ha funzionato bene riportando la pena inflitta a livelli accettabili e proporzionati all’omicidio preterintenzionale e anche calibrandolo sulla figura di Doina e sul dramma che ha vissuto. Quando il fatto avvenne aveva appena compiuto 18 anni ed aveva un vissuto difficile alle spalle con due figli».
Ma chi ricorda quell’omicidio nei corridoi della metro a Termini, la fuga di Doina e e poi il suo arresto, non ci sta e parla di «Ingiustizia per Vanessa e per la sua famiglia». E su Facebook è stata creata in queste ore una pagina: «Giustizia per Vanessa, pena di morte per Doina». Ma sono tante anche le minacce: «Torna a Roma che ti aspettiamo a braccia aperte e occhio perché se piove tutti quanti noi abbiamo un ombrello». E ancora: «Assassina», «Ti maledico». «Avresti altri 7 anni da scontare ma già te ne vai in giro». «Per quello che puo valere io ti maledico e ti auguro la peggior fine possibile – scrivono ancora su Facebook – Quella povera ragazza che hai ucciso meritava di vivere molto piu di te». Il profilo è stato oscurato.